Guerra Etiopia-Eritrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guerra Etiopia-Eritrea
parte dei Conflitti nel Corno d'Africa
Data6 maggio 1998 - 25 maggio 2000
LuogoFrontiera tra Etiopia e Eritrea
Casus belliPossesso della città di Badme
EsitoVittoria militare etiope , vittoria eritrea nell'arbitrato internazionale
Modifiche territorialiAnnessione all'Eritrea di Badme
Schieramenti
Comandanti
Perdite
19.000 - 150.00034.000 - 150.000
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra Etiopia-Eritrea fu un conflitto scoppiato nel 1998 e terminato nel 2000, tra l'Etiopia e l'Eritrea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La guerra si scatenò per questioni della definizione di confini e per la città di Badme e ha portato alla morte di circa 19.000 soldati eritrei, ad una pesante migrazione delle popolazioni eritree oltre che a un disastroso contraccolpo economico. Il conflitto etiope-eritreo ha avuto fine nel 2000 con un negoziato noto come accordo di Algeri con il quale si è affidato ad una commissione indipendente delle Nazioni Unite il compito di definire i confini tra le due nazioni. L'EEBC (Eritrea-Ethiopia Boundary Commission) ha terminato la sua indagine ed il suo arbitrato nel 2002, stabilendo che la città di Badammè debba appartenere all'Eritrea. Tuttavia il governo etiope non ha ritirato il suo esercito dalla città, fino al 2018, dopo il tentativo riuscito delle due fazioni volto al dialogo. Infatti, l'8 luglio, è stato siglato un accordo tra i due paesi con la volontà di porre fine allo stato di guerra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Henze B. Paul, Eritrea's war : confrontation, international response, outcome, prospects, Addis Abbeba, Etiopia, Shama Books, (2001), ISBN 1931253064.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh00004255