Fiera di Bologna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 44°30′39.15″N 11°21′58.12″E / 44.510876°N 11.366145°E44.510876; 11.366145

La Fiera di Bologna è il polo fieristico della città e dell'area metropolitana di Bologna, sito nel Quartiere San Donato nella zona settentrionale della città e a ridosso della tangenziale.

Le 7 torri della Fiera di Bologna

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della Fiera a Bologna parte dal XIX secolo. La prima fiera importante ospitata a Bologna fu la "Grande Esposizione Emiliana" nel 1888, ospitata nei Giardini Margherita e inaugurata da Umberto I con la consorte Margherita di Savoia e dal Presidente del Consiglio Francesco Crispi.

Nel 1901, nei locali dell'EDEN Kursal (l'attuale sede de I Portici Hotel in Via Indipendenza), si tenne la prima mostra Campionaria di Bologna.[1]

L'anno d'avvio vero e proprio delle attività fieristiche fu il 1927. La fiera si svolse nel Littoriale, terminato proprio in quell'anno.[1]

Nel 1947 nacque l'Ente Autonomo delle Fiere di Bologna che però non aveva ancora una sede espositiva fissa. Le fiere si tenevano fra il Parco della Montagnola e il Palazzo del Podestà.

Negli anni cinquanta si iniziò a pensare alla costruzione di una vera e propria sede per la Fiera; venne bandito un concorso a tal proposito, vinto dagli architetti Leonardo Benevolo, Tommaso Giura Longo e Carlo Melograni. I lavori iniziarono nel 1964 con la posa della prima pietra; nel 1965 il primo blocco ospitava, per la prima volta in una sede fissa, la 29ma Fiera Campionaria di Bologna. Fanno parte di questo nucleo storico i padiglioni 21, 22, 25, 26, 31, 32.

Una successiva importante aggiunta al quartiere fieristico di Bologna è stata compiuta nel 1972 a cura del noto architetto giapponese Kenzo Tange, a cui si deve anche il complesso dei grattacieli (il Fiera District, sede di importanti uffici fra cui la Regione e di cui l'ultimo, completato nel 2011, è il più alto del gruppo coi suoi 80 metri) per un totale di 20.000 m².

Nel 2002 l'Ente Autonomo della Fiera di Bologna è stato definitivamente privatizzato e trasformata in Spa, Bolognafiere Spa, che è il fulcro di un sistema fieristico regionale composto da tre poli espositivi: Bologna, Modena e Ferrara per un totale di circa 200.000 m² nel raggio di 30 chilometri.

L'attuale presidente è Franco Boni che, il 25 marzo 2016[2], è succeduto ad Armando (Duccio) Campagnoli.

Il quartiere fieristico oggi[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del Fiera District (2009).

Oggi la fiera di Bologna è un avanzato quartiere espositivo, con un'area complessiva di 375.000 m², tra zone coperte ed esterne e l'area totale dei servizi è di 36.000 m².[3] Dispone di 18 padiglioni e di 5 ingressi indipendenti. A livello logistico, la Fiera di Bologna dispone di 14.500 posti auto coperti, un casello autostradale dedicato al fine di garantire l'ingresso diretto in fiera, evitando la tangenziale, un eliporto (situato sul tetto del padiglione 16-18) e una fermata ferroviaria ("BolognaFiere").

Tutti i numeri della Fiera di Bologna:

  • Area Complessiva: 375.000 m²;
  • Numero torri: 7;
  • Altezza delle torri: 79 metri (Torri 1-2-3-4-5, con 21 piani) e 83 metri (Torri 6-7, con 22 piani)
  • Posti auto: 14.500;
  • Media manifestazioni ogni anno: 27;
  • Espositori: 16.127;
  • Ingressi indipendenti 5;
  • Visitatori professionali: 950.245.

Manifestazioni fieristiche di BolognaFiere[modifica | modifica wikitesto]

BolognaFiere ha un portfolio di oltre 75 manifestazioni in Italia e all'estero nei settori dell'Architettura e Costruzioni; Arte, Musica, Cultura e Design; Salute, Bellezza e Benessere; Alimentazione e Largo Consumo; Servizi e Tempo Libero; Agricoltura e Giardinaggio; Auto e Motori; Industria e Innovazione; Moda, Pelletteria e Calzature.

Tra queste, sono più di una decina le manifestazioni professionali leader mondiali che si tengono nel Quartiere fieristico:

  • Arte Fiera - Fiera Internazionale d'Arte Contemporanea.
  • Autopromotec - Biennale Internazionale di Attrezzature e Prodotti per l'Industria Automotive.
  • Bologna Children's Book Fair - Fiera del libro per ragazzi
  • Cersaie - Salone Internazionale della ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno.
  • Cosmoprof - Salone Internazionale della Profumeria, della Cosmesi, dell'Acconciatura, dell'Estetica, delle Unghie e delle Spa.
  • Eima International - Esposizione Internazionale di Macchine per l'Agricoltura
  • Lineapelle - Mostra Internazionale di pelli, accessori/componenti, sintetico/tessuti e modelli per calzatura, pelletteria, abbigliamento e arredamento (dal 2014 spostata a Milano).
  • Motor Show - Salone Internazionale dell'Automobile.
  • Music Italy Show - Salone degli strumenti musicali, edizioni, pro-audio, dj, discografia.
  • Saie - Salone Internazionale dell'Edilizia.
  • Sana - Salone Internazionale del Naturale.
  • Simac - TanningTech - Salone delle Macchine per Calzatura e Pelletteria - Salone delle Macchine per Conceria e Prodotti Chimici.
  • Pasta Trend - Salone Internazionale della Pasta.
  • Tanexpo - Esposizione Internazionale di Arte Funeraria e Cimiteriale.

L'area archeologica[modifica | modifica wikitesto]

A partire dai lavori degli anni '70 sono venute alla luce nell'area corrispondente alla fiera numerose testimonianze archeologiche dall'età del Rame (III millennio a.C.), fino all'epoca romana (I sec. a.C. - IV sec. d.C.). Il ritrovamento di maggiore interesse, avvenuto in corrispondenza della parte settentrionale dei padiglioni 14 e 15, è una grande necropoli della prima età del Ferro (IX - VIII sec. a.C.) appartenente alla cultura villanoviana.[4]

Assetto societario[modifica | modifica wikitesto]

Soci BolognaFiere S.p.A. n. azioni % sul totale
Camera di Commercio di Bologna 15.678.301 14,683%
Città Metropolitana di Bologna (già Provincia di Bologna) 12.051.931 11,287%
Comune di Bologna 15.704.021 14,707%
Regione Emilia – Romagna 12.344.537 11,561%
GL events Italia S.p.A. 8.174.741 7,656%
Unindustria Bologna 7.018.894 6,573%
Promorest S.r.l. 6.186.694 5,794%
Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna 5.258.158 4,924%
Confartigianato Emilia-Romagna 4.460.948 4,178%
ASCOM Provincia di Bologna 3.509.447 3,287%
ANCE Bologna - Collegio Costruttori Edili 3.509.447 3,287%
Confcooperative Emilia - Romagna 3.178.885 2,977%
L'Operosa S.c.r.l 2.373.776 2,223%
Banca Popolare dell'Emilia Romagna S.c.r.l. 2.345.188 2,196%
Carimonte Holding S.p.A. 2.038.074 1,909%
Assimpresa S.p.A. 1.376.087 1,289%
Emilbanca Credito Cooperativo 1.000.000 0,937%
Confesercenti Regionale Emilia - Romagna 426.583 0,399%
BolognaFiere S.p.A. 144.288 0,135%
Totale Azioni 106.780.000 100,00%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La storia racconta, Sito di BolognaFiere
  2. ^ Fiera di Bologna, comincia l'era di Franco Boni, Repubblica Bologna
  3. ^ La Fiera di Bologna, sito di BolognaFiere
  4. ^ Scavi archeologici nel Quartiere fieristico (1970-2007), sito di BolognaFiere

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Reportage da Bologna: il «Fiera District» di Kenzo Tange, in L'architettura. Cronache e storia, anno XXIX, nº 2, Milano, Gruppo Editoriale Fabbri, febbraio 1983, pp. 150-168.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]