Giardini Margherita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giardini Margherita
GiardiniMargherita01.JPG
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Bologna
Indirizzo Via Santa Chiara, Porta Castiglione
Caratteristiche
Tipo parco pubblico
Superficie circa 26 ettari
Inaugurazione 6 luglio 1879
Apertura da aprile fino a settembre dalle ore 6 alle 24 e da ottobre a marzo dalle 7 alle 18
Ingressi Via Santa Chiara, Via Sabbioni, Porta Castiglione
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°29′03.52″N 11°21′21.23″E / 44.48431°N 11.355896°E44.48431; 11.355896

I Giardini Margherita sono il principale parco pubblico di Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1868, il Comune di Bologna approva l'acquisto di un terreno, per la somma di circa 150.000 lire, dal conte Angelo Tattini, genero di una figlia di Gioacchino Murat, posto lungo le ultime vestigia di mura, fra Porta Castiglione e Porta Santo Stefano; nel luogo dove esisteva, fin dal Trecento, uno dei primi conventi di clarisse della città, una piccola chiesa dedicata a Santa Chiara, distrutta sul finire dell'Ottocento.

Nel 1874 si diede il via all'acquisto, decidendo di affidare il progetto al Conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy, che aveva già operato anche al parco del Valentino a Torino. Questi, oltre a presentare un proprio progetto, si candidò anche alla sovrintendenza ai lavori, ma volle fosse presentato anche un altro progetto per avere possibilità di scelta. Ad ogni modo si operò con l'intento di contenere le spese, preventivate intorno alle 163.000 lire. Ricevuto l'incarico, Sambuy, a cui venne in seguito concessa la cittadinanza onoraria della città, iniziò i lavori e seguì personalmente l'esecuzione del proprio progetto, messo in opera dall'ingegner Tubertini. Con una delibera del 1879, si decise di intitolare il parco "al nome di Sua maestà la Regina Margherita", recatasi in visita alla città l'anno precedente, divenendo subito per i bolognesi "i Giardini Margherita".

L'apertura ufficiale venne celebrata con una fastosa cerimonia il 6 luglio 1879, a cinque anni dall'inizio dei lavori. A partire da questa data i Giardini sono stati teatro di numerosissimi eventi e manifestazioni che hanno scandito la vita di Bologna. Durante i lavori di costruzione venne alla luce un'estesa necropoli etrusca, ricchissima di reperti, oggi conservati al Museo Civico Archeologico di Bologna. Due delle tombe rinvenute furono poi ricostruite all'interno del parco.

Nel 1888 vi si tenne l'Esposizione Emiliana d'Agricoltura e d'Industria, manifestazione che accompagnò le celebrazioni per l'ottavo centenario dell'Università di Bologna. Accanto agli stand dell'industria, dell'agricoltura e della musica, collocati nell'area centrale, sorsero ristoranti con spettacoli per tutti i gusti; un tram a vapore collegava la vicina collina di San Michele in Bosco dove negli stessi giorni si svolgeva l'Esposizione Universale di Belle Arti. Nel corso del tempo vi si tennero poi concorsi ippici, concerti e corse automobilistiche; nel 1988 il parco servì da area di atterraggio per l'elicottero di Giovanni Paolo II, in visita all'Università di Bologna per il suo nono centenario.

Fin dal 1944 ad uno degli ingressi principali, oltre una delle cancellate che un tempo chiudevano le porte della città, si trova il monumento equestre a Vittorio Emanuele II, opera del 1884 dello scultore Giulio Monteverde, qui trasportato dalla piazza Maggiore e divenuto un punto di riferimento nel panorama dei Giardini.

Nel primo decennio del Novecento, furono costruite una scuola all'aperto, ancora presente, ed una latteria, corredata da una piccola stalla.

Fino ai primi anni ottanta vi era anche un piccolo zoo, una gabbia con due leoni e un grande recinto con cerbiatti e caprette, sostituiti dalla ricostruzione di una capanna villanoviana utilizzata a scopo didattico nelle gite scolastiche.

Dal 2014 negli spazi dove erano collocate le serre, ormai in disuso, attraverso un progetto di riqualificazione si è creato uno spazio chiamato proprio Le Serre, che ospita coworking, area eventi, formazione, asilo nido, ristorante e bar.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Sono evidenti i legami con il giardino all'inglese o romantico, di cui il progetto Sambuy costituì un tardo esempio. Il progettista decise di dare un forte impatto visivo, molto suggestivo, e ancor oggi inalterato nelle sue linee essenziali, ottenuto attraverso armonie o contrasti delle piante in cui predominano le specie caducifoglie e autoctone. Vi si riconoscono tigli, querce, tassi, cedri, importanti esemplari di platani, pini, ippocastani, magnolie disposti in gruppi che si aprono su ampi spazi all'interno di un tracciato costituito da viali principali e secondari di notevole suggestione. I percorsi, tra cui spicca quello del laghetto, creato con le acque del Savena e corredato di chalet, ponticello, isola artificiale; flora e fauna acquatiche sono di particolare effetto.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella piazzetta principale del parco, per molti anni punto d'arrivo del Giro dell'Emilia, vi è una palazzina utilizzata per parecchi anni dal Comune come Biblioteca dei Ragazzi. Negli anni sessanta un gruppo di astrofili, autorizzati dal Comune, costruì sul terrazzo un piccolo osservatorio astronomico, tuttora esistente. All'interno dei giardini è stato inoltre creato dal WWF uno stagno didattico per i bambini delle scuole elementari, che ricostruisce la flora e la fauna tipiche di un acquitrino.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bologna Portale Bologna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bologna