Melchiorre Bega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torre Galfa, Milano. Foto di Paolo Monti, 1965 (Fondo Paolo Monti, BEIC).
Palazzo dei congressi, Bologna. Foto di Paolo Monti, 1976 (Fondo Paolo Monti, BEIC).

Melchiorre Bega (Crevalcore, 20 luglio 1898Milano, 22 aprile 1976[1]) è stato un architetto e designer italiano, che operò a partire dagli anni venti sino alla sua morte avvenuta nel 1976.

I suoi progetti colpirono per qualità ed eleganza Gio Ponti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Melchiorre Bega nacque a Caselle di Crevalcore (BO) nel 1898.

Si laureò in architettura all'Accademia di belle arti di Bologna.

Dal 1941 al 1944 diresse, dopo il fondatore Gio Ponti, la rivista Domus, insieme a Pagano e Bontempelli.

Numerosi i suoi lavori di riqualificazione di vecchi edifici, ville ed attività commerciali all'inizio della sua carriera. Successivamente si affermò in Italia e all'estero. Nel dopoguerra si dedicò maggiormente alla progettazione architettonica ed urbanistica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Di notevole rilevanza sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ archINFORM - International Architecture Database (Italian version)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Zironi. Melchiorre Bega architetto. Editoriale Domus

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42765098 · SBN: IT\ICCU\RAVV\052911 · ULAN: (EN500059112