Festival dell'economia di Trento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival dell'Economia di Trento
Festival dell'economia di Trento 2017.png
Luogo Trento
Anni dal 2006
Frequenza Annuale
Date fine maggio - inizio giugno
Genere Economia
Organizzazione Provincia autonoma di Trento
Sito ufficiale festivaleconomia.eu

Il Festival dell'economia di Trento è un festival nato nel 2006 dall'idea di mettere a confronto gli economisti con il grande pubblico: tradurre il loro linguaggio per renderlo comprensibile a tutti e, contemporaneamente, far capire qual è il modo di pensare degli economisti a persone che normalmente non hanno a che vedere con l'economia.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Duomo in occasione della sesta edizione del Festival dell'economia

Il Festival si svolge annualmente a Trento dal suo esordio nel 2006. Fanno parte del comitato promotore la Provincia, il Comune e l'Università degli Studi di Trento. Fanno invece parte del comitato organizzatore: la casa editrice Giuseppe Laterza & figli e il Sole 24 ore.

Tutti gli incontri della rassegna si tengono entro il centro storico della piccola città, distanziati tra loro da pochi minuti di spostamento a piedi. Le sale adibite sono spesso quelle di antichi e pittoreschi palazzi della città, tra cui:

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

2006 - Ricchezza e Povertà[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º al 4 giugno 2006 si è tenuta la prima edizione del Festival dell'Economia. Ricchezza e Povertà sono stati i temi centrali della prima edizione del Festival, che si è interessato dei rapporti fra Nord e Sud del mondo, dei problemi posti dalla coesistenza sul pianeta di realtà così diverse in quanto a standard di vita, fra chi lotta tutti i giorni per la sopravvivenza e chi vive nell'opulenza.

Tra i maggiori nomi del pensiero economico hanno partecipato sir Anthony Atkinson, governatore del Nuffield College di Oxford; l'economista Fan Gang, direttore del National Economic Research Institute di Pechino, che ha illustrato lo sviluppo della superpotenza cinese. È intervenuto, inoltre, il politologo Ralf Dahrendorf, tedesco di nascita, ma inglese di adozione, mentre le riflessioni sulle dinamiche sociali sono state affidate al sociologo Zygmunt Bauman, professore emerito di sociologia nelle Università di Leeds e di Varsavia.

2007 - Capitale Umano, Capitale Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 30 maggio al 3 giugno 2007 si è tenuta la seconda edizione. La seconda edizione del Festival dell'economia intitolata Capitale Umano, Capitale Sociale ha posto l'accento sul valore fondamentale della risorsa umana per la crescita economica di un Paese. Esperti mondiali, tra cui il premio Nobel Gary Becker, si sono confrontati con scienziati e politici sull'importanza delle competenze del lavoratore e del manager, ossia la loro istruzione e la loro formazione professionale, ma anche il loro "stato di salute" non solo dal punto di vista clinico.

2008 - Mercato e Democrazia[modifica | modifica wikitesto]

Tito Boeri al Festival dell'Economia 2009.

Dal 29 maggio al 2 giugno 2008 si è tenuta la terza edizione. L'edizione è dedicata al tema Mercato e democrazia. I paesi che, anche recentemente, hanno adottato un sistema democratico, di pari passo hanno rivolto l'attenzione alle economie di mercato (ne sono un esempio i Paesi dell'ex Unione Sovietica). Ma, si chiede Tito Boeri [1], responsabile scientifico del Festiva dell'Economia, “se non si vedono in giro democrazie senza mercati, si può dire il contrario? E soprattutto, quanto può resistere un sistema economico basato sul mercato senza una democrazia come sostegno?” L'esempio lampante è quello, da tutti visibile, della Cina.

2009 - Identità e crisi globale[modifica | modifica wikitesto]

2010 - Informazioni, scelte, sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Arrivato alla quinta edizione, il Festival dell'economia di Trento ha mantenuto un buon livello di interesse sui giornali. L'analisi temporale suggerisce l'esistenza di trend positivi su Repubblica e sul Sole-24Ore e di trend negativi sul Corriere della Sera e sulla Stampa. Le due testate hanno raggiunto il picco più alto nel 2007, quando si è discusso di capitale umano e capitale sociale. Il Sole tocca il picco nel 2009 con il Festival dedicato alla crisi economico-finanziaria e Repubblica quest'anno, con il tema dell'informazione. La presenza di politici di primo piano e la copertura mediatica. Roberto Saviano, l'autore di "Gomorra", ha chiuso la quinta edizione del Festival spiegando il funzionamento delle economie criminali e i loro intrecci con quella legale.[2]

2011 - I confini della libertà economica[modifica | modifica wikitesto]

2012 - Cicli di vita e rapporti tra generazioni[modifica | modifica wikitesto]

2013 - Sovranità in conflitto[modifica | modifica wikitesto]

2014 - Classi dirigenti, crescita e bene comune[modifica | modifica wikitesto]

2015 - Mobilità sociale[modifica | modifica wikitesto]

Thomas Piketty al Festival dell'Economia 2015.

La decima edizione del Festival si è svolta dal 29 maggio 2015 al 2 giugno 2015. Come nelle edizioni precedenti molti sono gli ospiti di grande rilievo. Per il secondo anno consecutivo Matteo Renzi, presidente del consiglio italiano, partecipa ad un incontro dal titolo "Italia, Francia e le riforme". Questa volta intervistato assieme a Manuel Valls, primo ministro francese, da Lilli Gruber. Durante questa edizione si fanno un po' i conti di quello che è cambiato in 10 anni di festival. Da ricordare l'intervento di Federico Rampini che ripercorre le 10 edizioni del festival attraverso la sua vita dal trasferimento in California e poi quello in Cina, per tornare infine a New York. Due i Premi Nobel che sono intervenuti: Joseph Stiglitz premiato nel 2001 e -in videoconferenza- Paul Krugman nel 2008. Tra gli economisti di maggior rilievo presenti a questa edizione del Festival, occorre ricordare anche due celebri studiosi delle disuguaglianza economica: il francese Thomas Piketty e l'inglese Anthony Barnes Atkinson.

2016 - I luoghi della crescita[modifica | modifica wikitesto]

2017 - La salute disuguale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]