Alberto Felice De Toni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto Felice De Toni
Alberto Felice De Toni.jpg

Presidente della Fondazione CRUI
Durata mandato 20 febbraio 2019 –
19 maggio 2021
Predecessore Gaetano Manfredi
Successore Ferruccio Resta

Rettore dell'Università degli Studi di Udine
Durata mandato 1º ottobre 2013 –
30 settembre 2019
Predecessore Cristiana Compagno
Successore Roberto Pinton

Dati generali
Titolo di studio Dottorato di Ricerca in Scienze dell'Innovazione Industriale
Università Università degli Studi di Padova
Professione Ingegnere; accademico

Alberto Felice De Toni (Curtarolo, 27 giugno 1955) è un accademico e ingegnere italiano. È professore ordinario di ingegneria economico-gestionale presso l'Università degli Studi di Udine, direttore scientifico di CUOA Business School[1] e presidente del comitato ordinatore della Scuola superiore ad ordinamento speciale della difesa[2].

Studi e carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità scientifica, si laurea magna cum laude nel 1980 in ingegneria chimica all'Università degli Studi di Padova. Lavora presso l'ENI ricerche a San Donato Milanese e presso altri gruppi industriali[quali? (informazione vuota)] fino al 1983, anno in cui si iscrive al primo ciclo del dottorato di ricerca in scienze dell'innovazione industriale presso l'Università degli Studi di Padova, dove consegue il titolo nel 1986 con giudizio eccellente. Nel 1987 diventa ricercatore in ingegneria economico-gestionale presso l'Università degli Studi di Udine dove nel 1992 diviene professore associato e professore ordinario nel 2000.

Presso la medesima Università è stato presidente del corso di laurea in ingegneria gestionale dal 2000 al 2006, preside della facoltà di ingegneria dal 2006 al 2012[3].

È stato Magnifico Rettore dal 2013 al 2019[4].

Dal 2015 al 2018 è stato segretario generale della Conferenza nazionale dei rettori delle Università italiane[5], mentre dal febbraio 2019 al maggio 2021[6] è stato presidente della Fondazione CRUI[7][8][9].

Nell'ambito dei Magnifici Incontri - promossi dalla CRUI il 29 e 30 giugno 2017 a Udine - ha organizzato, con il patrocinio del MIUR, il G7 University – Education for All. Durante questo evento, i rappresentanti di oltre 170 università e organizzazioni provenienti da Europa, America e Asia hanno sviluppato il cosiddetto " Udine G7 University Manifesto".

Altri incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente è coordinatore scientifico della School of complexity di Feltrinelli Education[10], presidente dell'organismo indipendente di valutazione dell'istituto superiore di sanità[11], presidente dell'organo di valutazione del CINECA[12], presidente del nucleo di valutazione dell’Università di Palermo[13], membro dello Strategic steering committee dell'Istituto universitario europeo[14] e membro ordinario dell'Academia Europaea[15].

Dal 2005 al 2010 è stato presidente dell'agenzia per lo sviluppo economico della montagna (Agemont) del Friuli Venezia Giulia Agemont, De Toni nuovo presidente - Messaggero Veneto, in Archivio - Messaggero Veneto. URL consultato l'11 giugno 2018.</ref> e dal 2002 al 2006 è stato vice presidente di AREA Science Park di Trieste.

Nel biennio statutario 2009-2011 è stato presidente dell'Associazione italiana di ingegneria gestionale (AIIG)[16], mentre dal 2007 al 2011 è stato presidente della commissione nazionale per la riorganizzazione dell'istruzione tecnica e professionale nell'ambito del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca[17].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'attività di ricerca, concretizzatasi in oltre 380 pubblicazioni scientifiche, ha riguardato l'ambito dell'Ingegneria gestionale con particolare attenzione all'organizzazione della produzione, la gestione dell'innovazione e la gestione della complessità.

  • De Toni A. F., Comello L., Prede o ragni. Uomini e organizzazioni nella ragnatela della complessità, UTET, Torino, 2005.
  • De Toni A. F., Comello L., Viaggio nella complessità, Marsilio Editori, Venezia, 2007.
  • De Toni A. F., Barbaro A., Visione evolutiva. Un viaggio tra uomini e organizzazioni, management strategico e complessità, ETAS, Milano, 2010.
  • De Toni A. F., Giacomelli B. F. & Ivis S., Il mondo invisibile dei pazienti fragili. La fragilità interpretata dalla medicina di famiglia mediante la teoria della complessità, UTET Università, Torino, 2010.
  • Burello A., De Toni A. F. & Parussini M., Dalla Zanussi all’Electrolux. Un secolo di lezioni per il futuro, Il Mulino, Bologna, 2011.
  • De Toni A. F. et al. (editors), International Operations Management. Lessons in Global Business, Gower Publishing Limited, England, 2011.
  • De Toni A. F., Comello L. & Ioan L., Auto-organizzazioni. Il mistero dell’emergenza nei sistemi fisici, biologici e sociali, Marsilio Editori, Venezia, 2011.
  • De Toni A. F., Fornasier A., La Guida del Sole 24 Ore al Knowledge Management, Il Sole 24 Ore, Milano, 2012.
  • De Toni A. F., Siagri R. & Battistella C., Anticipare il futuro. Corporate foresight, Egea, Milano, 2015.
  • De Toni A. F., De Zan G., Il dilemma della complessità, Marsilio Editori, Venezia, 2015.
  • De Toni A. F., Processo al liceo classico. L’accusa, Forum, Udine, 2016.
  • De Toni A. F., De Marchi S., Scuole Auto-Organizzate verso ambienti di apprendimento innovativi, Fabbri, Milano, 2018.
  • De Toni A. F., Panizzolo R., Sistemi di gestione della produzione, Isedi, Torino, 2018.
  • De Toni A. F., Rullani E., Uomini 4.0: Ritorno Al Futuro. Creare valore esplorando la complessità, Franco Angeli Edizioni, Milano, 2018.
  • Dordit L., De Toni A. F., Valutare l’internazionalizzazione dell’università. Una proposta per il sistema italiano degli atenei, Marsilio Editori, Venezia, 2019.
  • De Toni A. F., Bastianon E., Isomorfismo del potere, Marsilio Editori, Venezia, 2019.
  • De Toni A. F., Siagri R. & Battistella, Corporate foresight: Anticipating the Future - Revised Edition, Routledge - Taylor & Francis, London, 2021.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pubblicati i risultati della survey CUOA sullo stato di salute delle, su Pubblicati i risultati della survey CUOA sullo stato di salute delle. URL consultato il 4 marzo 2019.
  2. ^ De Toni nel comitato per l'Università della Difesa, su ilfriuli.it.
  3. ^ Alberto Felice De Toni eletto preside di Ingegneria, su qui.uniud.it. URL consultato l'11 giugno 2018.
  4. ^ Università Udine, De Toni oggi rettore - Friuli Venezia Giulia, in ANSA.it, 1º ottobre 2013. URL consultato l'11 giugno 2018.
  5. ^ Università: De Toni (Udine) segretario generale Crui - Friuli Venezia Giulia, in ANSA.it, 26 novembre 2015. URL consultato l'11 giugno 2018.
  6. ^ I presidenti della Fondazione CRUI, su fondazionecrui.it. URL consultato il 4 giugno 2021.
  7. ^ Alberto Felice De Toni è il nuovo Presidente della Fondazione CRUI, su Fondazione CRUI, 21 febbraio 2019. URL consultato il 4 marzo 2019.
  8. ^ Alberto Felice De Toni – Presidente della Fondazione CRUI, su fondazionecrui.it. URL consultato il 20 aprile 2021.
  9. ^ ComprenderexCambiare Archiutti apre l'8º ciclo sul tema “Ricostruire”, in La Tribuna di Treviso, 19 aprile 2021. URL consultato il 20 aprile 2021.
  10. ^ Alberto Felice De Toni coordinatore scientifico della School of Complexity di Feltrinelli Education, su feltrinellieducation.it.
  11. ^ OIV – Amministrazione Trasparente, su amministrazionetrasparente.iss.it. URL consultato l'11 giugno 2018.
  12. ^ Università: De Toni presidente organismo vigilanza Cineca - Friuli V. G. - ANSA.it, su http://www.ansa.it. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  13. ^ Composizione Nucleo di Valutazione Unipa, su unipa.it.
  14. ^ De Toni entra nello Strategic Standing Committee - Il Friuli, su www.ilfriuli.it. URL consultato il 4 marzo 2019.
  15. ^ Alberto Felice De Toni è membro ordinario dell'Academia Europaea, su ae-info.org.
  16. ^ Alberto Felice De Toni presidente degli Ingegneri gestionali italiani, su qui.uniud.it. URL consultato l'11 giugno 2018.
  17. ^ Ministero della Pubblica Istruzione, Comunicati stampa, su archivio.pubblica.istruzione.it. URL consultato l'11 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN183587792 · ISNI (EN0000 0001 4084 1988 · SBN IT\ICCU\CFIV\090127 · LCCN (ENnb2001005764 · BNF (FRcb16529700c (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb2001005764