FG 42

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fallschirmjäger Gewehr 42
FG42.jpg
Tipo Fucile da battaglia/Mitragliatrice di squadra
Origine Germania Germania
Impiego
Utilizzatori Truppe Aviotrasportate Tedesche
Conflitti Seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Louis Stange
Date di produzione 1942-44
Numero prodotto 2000 esemplari (FG42/I); 5000 esemplari (FG42/II)
Varianti FG42/I (in alto, nella foto); FG42/II (in basso, nella foto)
Descrizione
Peso 4,53 kg per Serie I; 5,20 kg per Serie II
Lunghezza 940 mm
Lunghezza canna 508 mm
Calibro 7,92 mm
Tipo munizioni 7,92 × 57 mm Mauser
Azionamento Semiautomatico e Automatico
Cadenza di tiro 750 colpi al minuto
Velocità alla volata 761 m/s
Tiro utile 3500 m
Alimentazione caricatore da 20 colpi
Organi di mira mire metalliche o ottiche

Worldguns.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

L'FG 42 (Fallschirmjaeger Gewehr 42, dal tedesco, "Fucile da Paracadutista, Modello 1942"), fu un'arma individuale da fanteria diffusa nella seconda guerra mondiale.

Progettata e sviluppata in Germania fra il 1941 ed il 1943, ideata per le truppe paracadutate della Luftwaffe (l'aeronautica militare tedesca). È ritenuto da molti come il primo fucile d'assalto mai creato, precedendo lo StG44[2], anche se tale definizione non è totalmente esatta dato che sarebbe più corretto definirlo un fucile da battaglia.

Prima dell'FG 42[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, l'armamento individuale nelle squadre di paracadutisti della Luftwaffe era costituito per lo più da una pistola (Luger P08 o altri modelli) oppure da una pistola mitragliatrice/mitra[3] modello MP38 o più raramente Bergmann; e da una bomba a mano o due, modello Stielhandgranate 24. Il paracadutista non poteva lanciarsi trasportando con sé i normali fucili o mitragliatrici da fanteria, poiché era ritenuto troppo pericoloso: le armi molto lunghe (oltre 1 metro) potevano facilmente impigliarsi nelle corde del paracadute, durante il volo, oppure ferire seriamente il paracadutista, in fase di atterraggio. Pertanto, le armi individuali più pesanti (ad esempio, le mitragliatrici MG34) venivano paracadutate a parte, chiuse in contenitori. Questi armamenti di rinforzo, ovviamente, tendevano a disperdersi nella zona di lancio; e i paracadutisti dovevano prima riuscire a recuperare le armi aggiuntive (a volte, sotto il fuoco nemico), per poi poterle utilizzare. Ne conseguiva che, nel frattempo, le squadre di paracadutisti potevano soffrire di inferiorità nel "volume di fuoco" (colpi sparati per secondo) e nel raggio di azione delle armi, rispetto al nemico.

La questione del "volume di fuoco" aveva già preoccupato la Luftwaffe sin dal 1938; che ritenne opportuno ricorrere sempre più ad armi automatiche per i paracadutisti. All'inizio del 1940, l'industria bellica tedesca iniziò a fornire l'economica pistola mitragliatrice MP40 (versione migliorata dalla MP 38); e la Luftwaffe fece in modo che, tra i suoi paracadutisti, in media almeno un soldato ogni quattro fosse dotato di queste armi automatiche. Tuttavia, la soluzione di adottare un gran numero di MP40 non poteva considerarsi definitiva, né pienamente sostitutiva dei fucili; in quanto sebbene la MP40 fosse una valida pistola mitragliatrice negli scontri ravvicinati con il nemico, non era un'arma molto efficace contro bersagli oltre i 200 metri.[4]

Pertanto, i paracadutisti tedeschi non potevano dotarsi di sole pistole automatiche, senza rimanere troppo svantaggiati nella gittata di fuoco e nella precisione di tiro. Quasi contemporaneamente all'adozione dei nuovi MP40, in attesa di poter disporre di un fucile mitragliatore, o quantomeno di un fucile semi-automatico, di dimensioni contenute (meno di 1 metro di lunghezza complessiva), nei primi mesi del 1940 la Luftwaffe adottò, per quei suoi Paracadutisti non ancora armati di pistole mitragliatrici, una carabina di produzione Ceca, la Gewehr 33/40: una variante del fucile Mauser Karabiner 98k da 7.92 mm a ripetizione manuale (bolt-action). Questa variante era caratterizzata da calcio pieghevole e canna più corta, rispetto al Kar98k, in modo tale che poteva essere trasportata in sicurezza dal paracadutista, specie durante le delicate fasi del volo in aria, dopo il lancio dall'aereo da trasporto, e dell'atterraggio. Sebbene il Gewehr 33/40 fosse un'arma balisticamente "valida", in quanto camerava la potente munizione 7,92 × 57 mm Mauser e risultasse abbastanza precisa nel tiro anche oltre i 500 metri, soffriva comunque della pesante limitazione di non essere un'arma automatica.

Con questa organizzazione degli armamenti, risultava che il paracadutista armato con Gewehr 33/40 era tatticamente utile per fronteggiare nemici a medie distanze; mentre il paracadutista armato con MP38 od MP40 era tatticamente utile negli scontri ravvicinati. Tuttavia, bisognava considerare il fatto che le squadre di paracadutisti, dopo il lancio dagli aerei da trasporto, potevano atterrare sul campo di battaglia anche con notevole dispersione; quindi la cooperazione, fra i differenti tipi di armi, poteva venire a mancare proprio nel momento di bisogno.

Il Sistema d'Arma FG 42[modifica | modifica wikitesto]

Un paracadutista della Luftwaffe (in tedesco, "Fallschirmjäger") vestito in assetto da battaglia, posa per la foto con un FG 42/I.

Date tutte le problematiche intorno al difficile ruolo delle truppe paracadutiste, alla fine del 1940 l'Oberkommando der Luftwaffe ritenne che l'equipaggiamento dei propri paracadutisti fosse comunque inadeguato per le esigenze di una guerra moderna, basata sulla mobilità e sulla rapidità di azione. Pertanto, vennero emesse le specifiche all'industria bellica tedesca per la progettazione di un innovativo "fucile da paracadutista". Tale nuova arma avrebbe dovuto raccogliere in se stessa, senza risultare troppo pesante da maneggiare, tutti i vantaggi del:

  • Fucile di precisione (potenza e precisione di tiro a lungo raggio)
  • Pistola mitragliatrice (mitra agile e maneggevole per scontri improvvisi o ravvicinati)
  • Mitragliatrice di squadra (fuoco devastante contro nemici numerosi)

Ciò in modo tale che ogni singolo paracadutista, dotato di questo innovativo fucile, potesse disporre di tutta la potenza di fuoco di cui abbisognava, al momento giusto e nel posto giusto.

La commissione della nuova arma all'industria bellica tedesca venne ordinata dall'Ufficio LC-6, preposto alla fornitura di armi alla Luftwaffe, che presentò il seguente capitolato per la progettazione e lo sviluppo dell'arma:[5]

  • Calibro da fucile, con impiego della munizione 7,92 × 57 mm Mauser, standard nella Wehrmacht.
  • Funzionamento automatico, con selettore di tiro per fuoco di precisione o a raffica.
  • Lunghezza massima assoluta di 1 metro, per essere impiegato dalle truppe aviotrasportate.
  • Peso contenuto, possibilmente non superiore a quello di un normale fucile da fanteria.
  • Possibilità di impiego come fucile da cecchino con mira ottica.
  • Possibilità di impiego per il lancio di granate da fucile.
  • Struttura robusta, per l'eventuale combattimento "corpo a corpo" alla baionetta.

La richiesta della Luftwaffe all'industria bellica tedesca era un concetto ancora sconosciuto all'epoca; un concetto che oggi si chiama sistema d'arma ed è alla base di molti moderni fucili d'assalto. Per sistema d'arma si intende un'arma multiruolo o multifunzione, ovvero capace di operare tatticamente in vari modi diversi. Si trattava di un'idea decisamente "futuristica" per l'epoca. Il Comandante in Capo della Luftwaffe, il Maresciallo del Reich Hermann Goering si vantava di essere stato l'ideatore iniziale del sistema d'arma FG 42; ma non ci sono prove concrete al riguardo.[6] È certo, invece, che lo FG 42, nonostante alcuni iniziali difetti di progettazione, si rivelò una delle migliori armi da fanteria della seconda guerra mondiale.[7]

La Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Lo FG 42 camerava la munizione d'ordinanza dell'Esercito Tedesco: la 7,92 × 57 mm Mauser, che offriva un'ottima potenza di fuoco; e poteva sparare sia in modalità di fuoco semiautomatico ("Einzelfeurer", un colpo per ciascun tiro di grilletto, con ricarica automatica del colpo successivo) ad "otturatore chiuso", per il tiro di precisione; oppure in modalità di fuoco automatico ("Dauenfeurer", 750 colpi al minuto, finché si manteneva il grilletto in tiro) ad "otturatore aperto", per il tiro come mitragliatrice. Se il tiratore voleva cambiare modalità di fuoco, doveva prima agire sulla levetta del selettore di tiro, poi agire sulla leva dell'otturatore. Questo sistema era un po' macchinoso, ma consentiva effettivamente di avere un fucile da cecchino ed una mitragliatrice di squadra in una singola arma; e il tutto con un peso assai contenuto ed una lunghezza inferiore ad 1 metro, rendendo lo FG 42 agile e maneggevole come se fosse un mitra o pistola mitragliatrice.

Lo FG 42/I fu adottato ufficialmente nel 1942, ma la prima versione fu prodotta in soli 2.000 esemplari, per vari motivi. Innanzitutto, il progetto originario dell'arma prevedeva un eccessivo impiego di acciaio al manganese, che a causa della guerra era divenuto piuttosto raro. Questo elemento, unito alla complessità del castello dell'arma, che richiedeva molti pezzi lavorati al tornio, rendeva lo FG 42/I troppo costoso e lento da produrre, per una fornitura su vasta scala alle truppe combattenti. Inoltre, l'arma dimostrò una serie di piccoli ma spiacevoli difetti di progettazione: lo smorzatore di fiamma non era adeguato; il bipiede tendeva a piegarsi durante il fuoco automatico; l'espulsione dei bossoli non era abbastanza efficiente; l'impugnatura e il calcio erano un po' scomodi da usare, specie nel tiro dal fianco e da terra. La strana impugnatura ad assetto molto inclinato era stata concepita, inizialmente, perché si immaginava la possibilità, per il paracadutista ancora in volo con il paracadute, di usare anticipatamente il fucile, prima di giungere a terra, sparando verso il basso contro i nemici (più che altro come "fuoco di auto-copertura"). Tale intuizione si rivelò, invece, di scarsa utilità.

Tuttavia, poiché l'idea alla base dello FG 42 sembrava davvero buona, i creatori dell'arma (principalmente, Louis Stange) revisionarono attentamente e profondamente il progetto originario, arrivando nel giro di un anno ad una seconda versione, decisamente più riuscita. Lo FG 42/II utilizzava il più comune acciaio al carbonio; il castello impiegava alcuni pezzi stampati, anziché lavorati al tornio; l'espulsione dei bossoli fu migliorata; e fu adottato un nuovo smorzatore di fiamma. L'arma montava inoltre un nuovo calcio ed impugnature in legno, più comodi da usare. Fu migliorata anche l'impugnatura in legno sotto la canna, per attutire un po' meglio l'effetto calore. Quanto al bipiede, fu spostato dal centro verso l'esterno della canna, e reso pieghevole verso l'interno, in modo tale da rimanere ben fisso durante il fuoco da terra. Alla fine, lo FG 42/II risultò un'arma esteticamente molto diversa dallo FG 42/I, e più pesante di quasi 1 kg. Anche dal punto di vista meccanico, le differenze fra le due versioni erano tali che neppure i caricatori delle munizioni erano intercambiabili.

Nonostante i notevoli miglioramenti introdotti con la seconda versione, la produzione dello FG 42/II si fermò comunque ad una quota non molto elevata: 5.000 unità. Rimaneva il problema, difatti, che trattavasi di un'arma molto sofisticata e molto costosa, quindi logicamente più adatta a piccoli reparti di elìte molto esperti, che non alla produzione di massa per l'Esercito regolare.

Accessori[modifica | modifica wikitesto]

Come arma da "cecchinaggio" in modalità semiautomatica, sia lo FG 42/I che lo FG 42/II erano dotati di mirini ottici Zeiss con zoom manuale fino a 4 ingrandimenti; lenti di buona qualità che garantivato eccellente precisione di tiro, quantomeno fino a 600 metri[5] (la gittata efficace dell'arma poteva raggiungere, comunque, i 1000 metri). A seconda della necessità del momento, il tiratore poteva decidere se installare o no il mirino ottico, che faceva parte della dotazione standard dello FG 42 (ciascun soldato aveva un mirino ottico in dotazione). Verso la fine del 1944, comparvero anche speciali mirini ottici agli infrarossi, per il tiro notturno (costosi e poco diffusi).

Entrambe le versioni dello FG 42, per l'eventuale combattimento "corpo a corpo", erano munite di una baionetta "a spiedo" pieghevole, di norma a riposo al di sotto della canna. La baionetta fu installata sull'FG 42 giusto per soddisfare le richieste da capitolato; ma probabilmente non fu molto utilizzata, poiché nella seconda guerra mondiale (specie dal 1943 in poi) le armi automatiche erano abbastanza diffuse, e gli scontri "corpo a corpo" decisamente rari.[5]

Sempre per rispettare le richieste da capitolato, fu prevista la possibilità di lanciare granate da fucile: era sufficiente montare sulla canna dello FG 42 un accessorio per innestare le stesse, potenti granate da fucile già impiegate con il Mauser Karabiner 98k. Lo sparo avveniva con il semplice tiro del grilletto, in modalità di fuoco semiautomatico, utilizzando però apposite munizioni speciali "da lancio", in luogo delle munizioni standard. Sebbene molto efficace in alcune situazioni tattiche particolari, l'impiego di granate da fucile non era molto congeniale alla natura dello FG 42; poiché avendo una canna più corta del fucile ordinario Mauser, lo stress meccanico a cui veniva sottoposta l'arma era maggiore.[5]

In Azione[modifica | modifica wikitesto]

Storica foto di uno dei paracadutisti, armato di FG 42/I, che presero parte al Raid che il 12 settembre 1943 liberò Benito Mussolini dalla prigionia sul Gran Sasso. Sullo sfondo, uno degli alianti usati dai paracadutisti tedeschi per compiere il Raid.

Il primo impiego in azione dello FG 42, documentato da fotografie, risale al 12 settembre 1943, quando un Commando di paracadutisti tedeschi (Fallschirmjäger-Lehrbataillon), guidati da un famoso Capitano delle SS, Otto Skorzeny, effettua un Raid sul Gran Sasso, in Abruzzo, per liberare dalla prigionia l'ex-dittatore fascista Benito Mussolini.[5]

Successivamente, gli FG 42 comparvero nella Battaglia di Montecassino; nonché durante lo Sbarco degli Alleati in Normandia e nei combattimenti dei mesi successivi sul Fronte Occidentale, sino alla fine della Guerra in Europa nel maggio 1945. L'impiego nel Fronte Orientale fu piuttosto limitato; mentre il campo di battaglia che conobbe il maggior numero di FG 42 schierati fu l'Offensiva delle Ardenne.

In tutti i casi, lo FG 42 compariva quasi sempre a seguito delle Truppe Paracadutiste tedesche; più che altro schierate come fanteria d'Elite a fianco della Wehrmacht (dopo la Battaglia di Creta del 1941, i lanci dal cielo di paracadutisti tedeschi furono piuttosto rari). C'è da dire, inoltre, che il Maresciallo del Reich Hermann Goering, Comandante in Capo della Luftwaffe, era molto orgoglioso dello FG 42 (lo riteneva una propria idea), e fece in modo che l'arma rimanesse quasi esclusivamente nelle mani della Luftwaffe: solo alcuni reparti di elìte delle SS riuscirono ad adottarla, all'infuori dei paracadutisti.

Paracadutista sul fronte francese armato di FG 42, in tenuta mimetica (giugno 1944)

In azione, lo FG 42 si dimostrò un'arma individuale davvero potente, versatile, multiruolo, adatta sia al tiro di cecchinaggio, sia al tiro dal fianco come mitra, sia come mitragliatrice di squadra. In particolare, la versione FG 42/II si dimostrò molto migliore della FG 42/I. Tuttavia, era effettivamente un'arma per reparti di elìte ben addestrati al suo impiego; non era adatta al comune soldato di fanteria con poca esperienza.

Difatti, lo FG 42 si dimostrò un'arma piuttosto difficile da usare. A causa delle potenti munizioni impiegate, rispetto alla relativa leggerezza dell'arma, il rinculo conseguente allo sparo era piuttosto forte; e la canna si scaldava facilmente. In particolare, nella modalità di fuoco automatico, lo FG 42 si rivelava un'arma difficoltosa da mantenere in puntamento; se non con brevi raffiche da pochi colpi. Un uso eccessivo nella modalità di fuoco automatico, con arma al fianco o a spalla, faceva sì che la mano sinistra del tiratore, che normalmente reggeva il fucile, soffrisse molto calore e venisse annerita dalle polveri di scarico della combustione. Tutti questi fattori mettevano il tiratore in seria difficoltà nel prendere la mira, se poco esperto. I risultati migliori si ottenevano nel tiro di cecchinaggio con mirino ottico, in modalità semiautomatica; oppure nel tiro da terra con l'FG 42 appoggiato sul bipiede e tiratore sdraiato a terra. Anche nel tiro notturno, lo FG 42 richiedeva una certa esperienza tattica, da parte del soldato; poiché le vistose fiammate generate dai colpi (a causa della scarsa lunghezza della canna, in rapporto alla potenza delle munizioni) tendevano ad "accecare" momentaneamente il tiratore, nonché a rendere evidente la sua posizione al nemico. Pertanto, il tiro notturno con FG 42 doveva essere occasionale, limitato alla necessità, e il soldato doveva cambiare postazione abbastanza frequentemente, per non rischiare di essere investito dall'eventuale "contro-fuoco" nemico (ovvero, quando il nemico spara "alla cieca" nella direzione dove ha avvistato una fiammata d'arma).

La FG 42 nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FG-42 automatic rifle (Germany). URL consultato il 23 gennaio 2013.
  2. ^ Armi della fanteria, collana Big Set, Ermanno Albertelli editore, a cura di John Weeks
  3. ^ Nella terminologia militare tedesca, si definiscono "pistole mitragliatrici" tutte le armi automatiche che impiegano munizioni da pistola. Nella terminologia militare italiana, invece, si tende a fare differenza fra "pistola mitragliatrice" e "mitra". Dal punto di vista della terminologia italiana, i vari Bergmann, MP38 ed MP40 sarebbero classificabili come mitra; ma essendo un'arma tedesca, si preferisce mantenere la denominazione tedesca originale.
  4. ^ Robert Bruce, riguardo alla pistola mitragliatrice modello MP40, commenta nel suo libro: "Le autorità in materia possono essere prese in parola quando assicurano l'efficacia di questo mitragliatore sino a distanze nell'ordine dei 200 metri, soprattutto se sparando in appoggio e con raffiche brevi".
  5. ^ a b c d e Robert Bruce, Armi Automatiche Tedesche della Seconda Guerra Mondiale, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1996.
  6. ^ "La Luftwaffe si interessava già da tempo a questo progetto per le nuove unità paracadutiste, formate nel 1935" - Robert Bruce
  7. ^ "Questa eccellente impressione di efficienza viene d'altra parte rafforzata dai resoconti di battaglia riportati dall'US Army Ordnance Test Board dell'Aberdeen Proving Ground" - Robert Bruce
  8. ^ http://brothersinarms.wikia.com/wiki/FG_42 Brothers in Arms Wiki:FG 42
  9. ^ Call of Duty 3. URL consultato il 23 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Bruce, Armi Automatiche Tedesche della Seconda Guerra Mondiale, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1996

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra