5 cm leichter Granatwerfer 36

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
5 cm leichter Granatwerfer 36
5 cm leGrW 36
1666 - Salzburg - Festung Hohensalzburg - Leichter Granatwerfer M35.JPG
Una leGrW 36 in esposizione al castello Hohensalzburg
TipoMortaio
OrigineGermania Germania
Bulgaria Bulgaria
Ungheria Ungheria[1]
Slovacchia Repubblica Slovacca (1939-1945)
Impiego
ConflittiSeconda guerra mondiale
Produzione
ProgettistaRheinmetall
Data progettazione1934
Date di produzione1936-1945
Descrizione
Peso14 kg
Lunghezza46,5 cm
Calibro50 mm
Cadenza di tiro15-25 rpm (dipende dall'operatore)
Velocità alla volata75 m/s
Tiro utile50 m
Gittata massima520 m
Organi di miraInizialmente telescopico, poi senza
Elevazione42° to 90°
Angolo di tiro33° 45'
Peso della carica0,9 kg di Trinitrotoluene (TNT)
voci di armi d'artiglieria presenti su Wikipedia

Il 5 cm leichter Granatwerfer 36 da 5o mm è un mortaio leggero usato dalla Germania durante la Seconda Guerra Mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo sviluppo cominciò nel 1934 da parte della Rheinmetall-Borsig AG e fu messo in servizio nel 1936. Il suo ruolo era quello di ingaggiare piccoli gruppi di resistenza che si trovavano oltre il raggio delle granate a mano. Fino al 1938 usava un complicato mirino telescopico. Fu usato come mortaio di appoggio a livello di plotone: una squadra in un plotone di fanteria standard tedesco ne avrebbe avuto uno. A partire dal 1941 emerse quanto il leichter Granatwerfer 36 fosse complicato e pesante per il ruolo a cui era destinato. La produzione terminò nel 1941, quando fu sostituito nel suo ruolo dal kurzer 8 cm Granatwerfer 42, versione accorciata ed alleggerita dell'8 cm Granatwerfer 34. Il lGrW 36 fu gradualmente ritirato dal servizio in prima linea nel 1942, ma i mortai disponibili rimasero in uso con le truppe di guarnigione e di seconda linea fino alla resa del 1945. Nel 1944-1945, diminuendo le forniture di lGrW 36, i tedeschi spesso fecero affidamento sui mortai da 50 mm sovietici e francesi[2]. Eppure, il 50 mm rimase popolare fino alla fine della guerra, poiché era facilmente trasportabile da due uomini e forniva alla fanteria capacità offensive e gittata maggiori rispetto a qualsiasi altra arma disponibile immediatamente nell'ambito della squadra o della sezione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ József Lugosi, Gyalogsági fegyverek 1868–2008, in József Lugosi e György Markó (a cura di), Hazánk dicsőségére: 160 éves a Magyar Honvédség, Budapest, Zrínyi Kiadó, 2008, p. 389, ISBN 978-963-327-461-3.
  2. ^ Lexikon-der-Wehrmacht.de dice dell'uso di mortai da 50 mm della ex-Linea Maginot sul Vallo Atlantico

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gander, Terry and Chamberlain, Peter. Weapons of the Third Reich: An Encyclopedic Survey of All Small Arms, Artillery and Special Weapons of the German Land Forces 1939-1945. New York: Doubleday, 1979 ISBN 0-385-15090-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra