Eros Capecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eros Capecchi
Giro d'Italia 2012, giau 171 capecchi worstelend met zijn jasje (17786724895).jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 65 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Etixx-Quick Step
Carriera
Squadre di club
2005 Mastromarco
2005 Liquigas stagista
2006-2007 Liquigas
2008 Saunier Duval
2008 Scott
2009 Fuji
2010 Footon
2011-2012 Liquigas
2013-2015 Movistar
2016 Astana
2017 Etixx-Quick Step
Nazionale
2004 Italia Italia
Statistiche aggiornate al giugno 2014

Eros Capecchi (Castiglione del Lago, 13 giugno 1986) è un ciclista su strada italiano che corre per il team Quick-Step Floors. È professionista dal 2006.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Abitante di Borghetto, frazione di Tuoro sul Trasimeno, dopo aver debuttato nelle competizioni ciclistiche all'età di otto anni con la U.C. Nestor Sea di Marsciano, nelle categorie successive corre con la U.C. Quota Mille di Camucia, l'Olimpia Valdarnese di Montevarchi e l'Arianna Rimor di San Gimignano. Da juniores coglie cinque vittorie nel 2003 e quattordici nel 2004, tra cui il titolo nazionale[1]. Nel 2005 debutta tra i dilettanti con la Mastromarco-Chianti Sensi, passando professionista già l'anno dopo con la Liquigas, formazione che già gli aveva consentito di correre da stagista negli ultimi mesi del 2005[1].

Dal 2008 al 2010 milita nella Footon-Servetto, nota in precedenza come Saunier Duval, Scott e Fuji, squadra spagnola diretta da Mauro Gianetti. Proprio nel 2008 ottiene i primi successi tra i pro, aggiudicandosi una tappa e la classifica finale della Bicicletta Basca.

Nel 2011 ritorna alla Liquigas. Nella stessa stagione torna anche al successo: al termine di una lunga fuga a tre vince infatti la diciottesima tappa del Giro d'Italia, quella con arrivo a San Pellegrino Terme. Apre quindi la stagione 2012 con la vittoria al Gran Premio di Lugano. Partecipa poi al Giro d'Italia correndo come gregario di Ivan Basso. Le buone prove nella "Corsa Rosa", alla Tirreno-Adriatico, al Giro della Toscana e nelle altre corse cui partecipa durante l'anno gli consentono di conquistare la fiducia del commissario tecnico Paolo Bettini, che lo convoca, benché da riserva, per i campionati del mondo di Valkenburg.

Nell'agosto 2012 Capecchi annuncia intanto di aver raggiunto l'accordo con il team spagnolo Movistar. Dopo due anni con la Liquigas cambia quindi maglia per tornare a correre all'estero. Nel 2016 passa al team Astana, Capecchi è uno degli otto gregari che affiancano Nibali alla vittoria del Giro d'Italia. Il suo rendimento però è sotto le attese, così a metà agosto viene ufficializzato il suo passaggio per la nuova stagione alla Etixx - Quick Step.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionati italiani, Prova in linea Juniores
Coppa Pietro Linari
  • 2008 (Saunier Duval/Scott, due vittorie)
3ª tappa Euskal Bizikleta
Classifica generale Euskal Bizikleta
  • 2011 (Liquigas, una vittoria)
18ª tappa Giro d'Italia (Morbegno > San Pellegrino Terme)
  • 2012 (Liquigas, una vittoria)
Gran Premio di Lugano

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Settimana Ciclistica Lombarda (cronosquadre)
  • 2016 (Astana Pro Team)
1ª tappa Giro del Trentino (Riva > Torbole, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2008: 99º
2010: non partito (7ª tappa)
2011: 60º
2012: 37º
2013: 70º
2014: 79º
2016: 82º
2017: 58º
2011: 21º
2012: 25º
2013: 24º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2009: 36º
2016: 107º
2011: ritirato
2017: ritirato
2009: 67º
2011: ritirato
2012: ritirato
2013: ritirato
2014: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Verona 2004 - In linea Juniors: 4º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia di Eros Capecchi, www.museociclismo.it. URL consultato il 7 giugno 2014.
  2. ^ La redazione, Altro innesto per la Etixx-QuickStep: arriva anche Eros Capecchi – Cicloweb, cicloweb.it. URL consultato il 05 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]