Cradle of Filth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cradle of Filth
Cradle of Filth 2005.jpg
La band in concerto
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereBlack metal[1][2][3]
Gothic metal[2][3]
Symphonic black metal[2][3]
Periodo di attività musicale1991 – in attività
EtichettaCacophonous Records
Music for Nations
Abracadaver
Sony Music
Roadrunner Records
Peaceville Records
Nuclear Blast
Album pubblicati15
Studio12
Live1
Raccolte2
Opere audiovisive3
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Cradle of Filth (IPA: [ˈkreɪdəl əv ˈfɪlθ/]) sono un gruppo musicale symphonic black metal britannico, formatosi a Ipswich, nel Suffolk, nel 1991[4]. Sono fra le band di maggior successo del genere insieme ai Dimmu Borgir.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo album Dusk... and Her Embrace è stato generalmente definito dalla critica come apice compositivo nella carriera della band, raggiunto attraverso un'accurata mescolanza del black metal delle origini con una presenza maggiore di elementi sinfonici e gotici.[3] Il successivo Cruelty and the Beast, pubblicato nel 1998, oltre a ricevere l'approvazione della critica, contribuisce anche ad aumentare la popolarità della band nella scena metal mondiale.[3] La maggior parte dei fan e anche dei critici considera il periodo migliore della band quello che va dalle origini del gruppo fino al 2000, anno di pubblicazione del rinomato Midian, album di cui numerose tracce sono state utilizzate come colonna sonora nel film Cradle of Fear, uno splatter/horror di serie B che vede Dani Filth nel ruolo di attore principale. Il "periodo d'oro" comprende V Empire or Dark Faerytales in Phallustein e From the Cradle to Enslave, due EP. Secondo la critica, una lieve commercializzazione della band è iniziata con il quinto album, Damnation and a Day, che vede i primi accenni di un genere molto vicino ad un metal estremo più tradizionale. Durante la registrazione di questo album vennero convocati l'Hungarian Film Orchestra e l'Hungarian Film Chorus. Con il successivo Nymphetamine, uscito nel 2004, viene segnato il passaggio dalla Sony alla Roadrunner Records. L'album è carico di inserti sinfonici riconducibili ad un gothic metal estremizzato dal sound dei capitoli precedenti. Thornography (2006) è un album molto lontano dai caratteri generali della band con numerose influenze Thrash/Death e per molti critici resta tuttora l'album meno riuscito della band.[3] Nel 2008 i Cradle of Filth pubblicano Godspeed on the Devil's Thunder, per recuperare le aspettative dei fan rimasti fedeli ai primi lavori, cui segue nel 2010 Darkly, Darkly, Venus Aversa, all'insegna del metal estremo. Un piccolo passo indietro si avrebbe invece nell'album del 2012 The Manticore and Other Horrors: la band elimina quasi del tutto la componente sinfonica a favore di uno stile più asciutto e diretto, mentre nel 2015 pubblica Hammer of the Witches, da alcuni considerato come il miglior prodotto del gruppo addirittura dai tempi di Midian, percorso proseguito nel 2017 con l'uscita del dodicesimo album Cryptoriana - The Seductiveness of Decay.[senza fonte] Tali ultimi lavori, tuttavia, sono stati ancora bersaglio delle critiche di altri recensori che hanno continuato a ravvisare nella band una parabola discendente.[5]

Stile musicale e testi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'evoluzione del suono dei Cradle of Filth è stato molto importante l'influsso delle scene black e death metal scandinave[3] (Bathory, Emperor, Darkthrone, Immortal, At the Gates, Dark Tranquillity[6]). A tutto ciò però sono stati fusi elementi teatrali (dove è evidente anche l'ispirazione dagli italiani Death SS). Le origini di questa band le ritroviamo in un paio di demo in cui, lo stile era evidentemente orientato verso una forma particolare di death metal, ma erano comunque presenti delle orchestrazioni.

Nel 1994 uscìThe Principle of Evil Made Flesh, che presentava un black metal avanguardistico[6] e riscosse un notevole successo di vendite e di critica. Prima di The Principle of Evil Made Flesh, in realtà, doveva essere pubblicato l'album dal titolo Goetia.[senza fonte] Col passare degli anni lo stile dei Cradle of Filth assumerà venature sempre più gothic metal, toccando il culmine nell'album Midian del 2000. Hanno reso sempre più personale il loro sound, applicando al black metal primordiale tutte le influenze derivanti dalla scena gothic metal, messe in risalto da una voce femminile che accompagna lo scream e il growl del cantante principale, Dani Filth e, con l'utilizzo di una componente sinfonica significativa, hanno creato atmosfere misteriose che si amalgamano con i temi toccati dai testi, spesso riguardanti il vampirismo.

Le atmosfere musicali e i testi, infatti, sono molto influenzati dai temi della letteratura gotica: oltre al vampirismo, descrivono paesaggi decadenti tipici del romanticismo e aspetti più passionali e spinti come il sesso ed il satanismo, specialmente nel primo periodo. Col procedere del tempo questi sono mutati, concentrando l'attenzione sulla mitologia e sulle leggende. I soggetti, i personaggi e le ambientazioni raccontate nelle liriche sono espresse in una forma di poesia sì scabra e gretta, ma fondata sull'unione fra lingua inglese moderna e il linguaggio arcaico (ricorrendo spesso ad emblemi e allegorie senza tempo nella cultura inglese). Richiamando, anche, alcune citazioni di poeti romantici e decadentisti inglesi, filosofi (Nietzsche), passi dai vari testi biblici e ricordi della tradizione celtica.

Sono una delle band più discusse e controverse nell'ambito della musica[senza fonte]: i loro lavori e le scelte promozionali sono stati spesso oggetto di critiche sia da parte dei fan che dei puristi del genere. Accusati, spesso, di essersi distaccati dai canoni del black metal e di essere diventati troppo "commerciali" come, al contrario, essere stati più volte additati dai media come gruppo blasfemo.

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Fra le maggiori influenze musicali citano Judas Priest, Venom, Emperor, Destruction, Slayer, Iron Maiden, Black Sabbath, Misfits, Paradise Lost.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Ex turnisti[modifica | modifica wikitesto]


Cronologia[modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Cradle of Filth.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Cradle of Filth § Videografia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cradle Of Filth Archiviato il 3 gennaio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ a b c Jason Ankeny, Cradle of Filth > Overview, Allmusic.com. URL consultato il 20 settembre 2010.
  3. ^ a b c d e f g Gianni Della Cioppa, 2010, pp. 23-24
  4. ^ Cradle of Filth | AllMusic
  5. ^ Recensione: Cradle of Filth - Cryptoriana - The Seductiveness of Decay, su noisey.vice.com.
  6. ^ a b Gianni Aiello, The Principle of Evil Made Flesh (recensione), in #31 Rumore, settembre 1994.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Signorelli, Heavy metal: I Moderni, Firenze, Giunti Editore, 2000, ISBN 88-09-01697-1.
  • Luca Signorelli, Metallus - Il libro dell'Heavy Metal, Firenze, Giunti Editore, 2001, ISBN 88-09-02230-0.
  • Luca Signorelli e Gianni Della Cioppa, Heavy metal: I Moderni, Firenze, Giunti Editore, 2010, ISBN 978-88-09-74961-0.
  • Gianni Della Cioppa, Heavy Metal: I contemporanei, Firenze, Giunti Editore, 2010, ISBN 978-88-09-74962-7.
  • Joel McIver, Metal Estremo, Omnibus Press, 2000, ISBN 88-7333-005-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123354753 · ISNI (EN0000 0001 2105 5279 · LCCN (ENn2004080904 · GND (DE10312419-6 · BNF (FRcb140126002 (data)
Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Heavy metal