The Principle of Evil Made Flesh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


The Principle of Evil Made Flesh
ArtistaCradle of Filth
Tipo albumStudio
Pubblicazione24 febbraio 1994
Durata52:32
Dischi1
Tracce13
GenereBlack metal
Gothic metal
Symphonic black metal
EtichettaCacophonous
Modern Invasion Australia
ProduttoreRobert "Mags" Magoolagan
Registrazione1993
Cradle of Filth - cronologia
Album precedente

The Principle of Evil Made Flesh è il primo album in studio del gruppo musicale britannico Cradle of Filth, pubblicato il 24 febbraio 1994 dalla Cacophonous Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Dopo i precedenti demo fortemente influenzati dal Death metal, i Cradle of Filth si presentarono al grande pubblico con un disco inquadrabile stilisticamente nel Black Metal sinfonico, pur prendendone le distanze e caratterizzando il sound e le liriche in modo del tutto inedito e personale.

Lo scrittore Gavin Baddeley descrive così The Principle of Evil Made Flesh ed il ruolo che ebbe nella scena Black Metal dell'epoca:

"The Principle of Evil Made Flesh" condivideva alcune caratteristiche del Black Metal scandinavo dell'epoca, soprattutto per quanto riguarda l'attrazione verso tutto ciò che era oscuro e diabolico. Il debutto dei Cradle of Filth è di sicuro il loro lavoro più grezzo, imperniato su di una produzione minimale ora ricercata dai puristi del Black Metal (anche se molta di questa crudezza fu dovuta all'inesperienza e agli esigui fondi economici). È ad oggi l'unico lavoro dei Cradle of Filth considerato "true" da molti nei meandri più oscuri dell'underground... [ma] c'erano così tante cose che separavano i Cradle of Filth dall'emergente Black Metal rispetto a quante li accomunasse. Tra le più importanti per lo sviluppo dell'identità dei Cradle of Filth vi era la passione per la poesia e la letteratura di fine 1800 prodotta dagli aberranti dell'epoca, i decadenti [...] sotto la gelida influenza dei norvegesi, il Black Metal divenne nichilista, un selvaggio mondo di oscurità e sofferenza, con poco spazio per la sensualità [...] i Cradle of Filth portarono invece una brillante immagine gotica, enfatizzando gli aspetti seduttivi del lato oscuro [...] [1]

Un lavoro molto vicino al Black Metal dunque, ma radicalmente diverso in quanto ad atmosfere e temi trattati. Pur non disprezzando tematiche occulte e proto-sataniste, i Cradle of Filth incentrano i loro testi su vicende in cui la sensualità, la sessualità e il vampirismo sono il cardine sui quali giostrare l'intero lavoro. Vengono difatti citate diverse divinità pagane e non, le cui figure sono in qualche modo collegate a tali concetti (Diana, Lilith, Baphomet, Ishtar, Ecate ed Eva tra i nomi più noti). Viene anche citato il famoso motto "Do What Thou Wilt" di Anton LaVey, padre fondatore della Chiesa di Satana.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Alcune delle tracce presenti in questo disco verranno rielaborate e pubblicate nei lavori successivi della band (The Forest Whispers My Name e A Dream of Wolves in the Snow verranno riprese nel successivo V Empire, The Principle of Evil Made Flesh e Summer Dying Fast in Bitter Suites to Succubi).
  • Questo è l'unico disco che vede la band usare un face painting classico, anziché quello più dark/vampiresco usato nei lavori successivi.
  • La traccia #13 Imperium Tenebrarum, scritta ed interpretata dal fondatore della casa discografica, è un'invocazione posta alla fine del disco: non è segnalata sul retro ma, è presente nei crediti interni.
  • È il primo e ultimo album 'ufficiale' che vede in formazione 2 dei fondatori della band: i fratelli Ryan (Paul e Benjamin).
  • Da qui in poi, i membri adotteranno, oltre al proprio nome, dei nomignoli per 'descrivere' quello che fanno nella band.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Dani, musiche dei Cradle of Filth.

  1. Darkness Our Bride (Jugular Wedding) – 2:00
  2. The Principle of Evil Made Flesh – 4:35
  3. The Forest Whispers My Name – 5:06
  4. Iscariot – 2:33
  5. The Black Goddess Rises – 6:48
  6. One Final Graven Kiss – 2:15
  7. A Crescendo of Passion Bleeding – 5:30
  8. To Eve the Art of Witchcraft – 5:28
  9. Of Mist and Midnight Skies – 8:10
  10. In Secret Love We Drown – 1:29
  11. A Dream of Wolves in the Snow – 2:10
  12. Summer Dying Fast – 5:39
  13. Imperium Tenebrarum – 0:50 – traccia fantasma

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Corista
Personale aggiuntivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Baddeley & Filth, "The Gospel of Filth", 2010, pp. 48-50.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal