Costantino III di Britannia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costantino II di Dumnonia
Britain 500 CE.png
Il regno di Dumnonia e l'Inghilterra ai tempi di Costantino
Re della Dumnonia
In carica 537 - 9 maggio 576
Predecessore Cado
Successore Gerren II
Nascita Dumnonia, 520 ca.
Morte Dumnonia, 9 maggio 576
Padre Cado
Figli Gerren II
Bledric
Religione cattolicesimo
San Costantino di Dumnonia
Saint Constantine Church in Constantine Village Kerrier Cornwall.JPG
Chiesa di San Costantino a Costantine, Cornovaglia
 

Re di Dumnonia ed eremita

 
Nascita520 circa
Morte9 maggio 576
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza11 marzo

Costantino (cornico: Costentyn; gallese: Custennin; latino: Constantinus; inglese: Constantine; 520 circa – 9 maggio 576) è stato un re della Dumnonia, e uno dei sovrani leggendari della Britannia secondo Goffredo di Monmouth, che ne fa l'erede e successore di re Artù. È citato dal contemporaneo Gildas, ed è incluso nelle genealogie dei re della Dumnonia. È anche venerato come santo dalla Chiesa cattolica..

A volte gli viene attribuito il numerale "III", per distinguerlo dagli omonimi compresi nella lista dei sovrani leggendari della Britannia, ovvero Costantino I e Flavio Claudio Costantino, che è però anch'esso indicato come "Costantino III" dalle fonti storiografiche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tutto ciò che si sa di certo su Costantino viene da Gildas, che lo chiama "cucciolo tirannico dell'impura leonessa di Damonia". Si pensa che in questo caso per Damnonia si intenda il sud-est dell'Inghilterra e non l'omonimo regno che si sarebbe sviluppato nell'odierna Scozia. Gildas critica Costantino anche per aver ripudiato o allontanato o rinchiuso sua moglie allo scopo di commettere molti adulteri. Inoltre, dopo aver giurato di voler fare la pace coi suoi nemici, si travestì da abate, entrò nel santuario dove questi si trovavano e li uccise ai piedi dell'altare. Anche il cavaliere arturiano Sir Costantino, che secondo l'Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth successe ad Artù sul trono di Britannia, si travestì da vescovo e uccise in una chiesa i due figli di Mordred, con cui era in conflitto. Per questo c'è chi pensa che questa figura leggendaria sia basata su quella storica di Costantino di Dumnonia.

Fonti letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Costantino III
SagaMateria di Britannia
Lingua orig.latino
AutoreGoffredo di Monmouth
1ª app. inHistoria Regum Britanniae
Specieumano
SessoMaschio
Luogo di nascitaBritannia
Professionecavaliere, Re di Britannia
AffiliazioneRe Artù

Costantino appare nella lista dei leggendari sovrani della Britannia (odierna Inghilterra) riportata dalla Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth. Sarebbe stato figlio di Cador, duca di Cornovaglia, un parente di re Artù. Costantino combatté nella battaglia di Camlann e sembra essere stato uno dei pochi sopravvissuti. Mentre stava per essere trasportato ad Avalon, Artù lo nominò suo successore.

Geoffredo afferma che Costantino continuò ad avere problemi con i Sassoni e coi due figli di Mordred, Melehan e Melou. Alla fine ebbe la meglio sui suoi nemici, ma sembra che abbia ucciso i due figli di Mordred in una chiesa. Per questo sacrilegio sarebbe stato fulminato da Dio e poi sepolto a Stonehenge, accanto a Uther Pendragon. Secondo le tradizioni gallesi, alla sua morte, il trono passò a Gwydre, il primogenito di Artù e della regina Ginevra, anche lui uno dei sopravvissuti di Camlann, ma che all'epoca della battaglia era troppo giovane per ricevere il trono.

Costantino compare anche nella Allitterazione della morte di Artù e nella Morte di Artù di Thomas Malory come cugino e successore di Artù. Una tradizione lo identifica con Costantino re di Dumnonia che alla fine scelse la vita religiosa e divenne santo.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono molti nobili personaggi che in questo periodo portano il nome di Costantino, cosa che rende difficile distinguere l'uno dall'altro. Ma il Costantino di cui si sta parlando qui sarebbe quello che incontrò san Petroc, convertendosi subito dopo al Cristianesimo. Dopo aver abdicato in favore del figlio Bledric, si dedicò alla vita religiosa. Fondò chiese, attraversò il canale di Bristol e si unì a san David, con cui visse molti anni come monaco. Alla fine si ritirò in eremitaggio a Costyneston (Cosmeston), vicino a Cardiff, dove sarebbe morto, anche se esistono molte altre storie secondo cui avrebbe viaggiato e predicato nel Nord, tra i Pitti, prima di essere martirizzato a Kintyre (in Scozia) il 9 maggio del 576. Secondo Giovanni di Fordun, sarebbe stato sepolto a Govan. Questo santo sarebbe diverso dal San Costantino di Strathclyde, figlio, secondo la vita di san Kentigern, del sovrano di questo regno: per David Nash Ford, ad esempio, suo padre sarebbe stato Riderch Hael di Strathclyde[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Nash Ford, St. Constantine of Cornwall, King of Dumnonia, su Early British Kingdoms. URL consultato il 7 settembre 2005.
  2. ^ David Nash Ford, St. Constantine, King of Strathclyde, su Early British Kingdoms. URL consultato il 16 settembre 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re della Dumnonia Successore
Cado ????-???? Gerren II
Predecessore Re di Britannia Successore
Mordred 537538 Aurelio Conano