Carlo Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Russo
Carlo russo ministro.jpg

Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
Durata mandato 30 novembre 1962 –
23 febbraio 1966
Predecessore Guido Corbellini
Successore Giovanni Spagnolli

Ministro per i rapporti con il Parlamento
Durata mandato 24 marzo 1969 –
23 marzo 1970
Presidente Governo Rumor I, Governo Rumor II
Predecessore Crescenzo Mazza
Successore Mario Ferrari Aggradi

Durata mandato 6 agosto 1970 –
26 giugno 1972
Presidente Governo Colombo, Governo Andreotti I
Predecessore Mario Ferrari Aggradi
Successore Giorgio Bergamasco

Giudice italiano della Corte europea dei diritti dell'uomo
Durata mandato 1981 –
1998
Predecessore Giorgio Balladore Pallieri
Successore Benedetto Conforti

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V, VI, VII
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione Liguria
Collegio Genova - Savona
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione avvocato

Carlo Russo (Savona, 19 marzo 1920Savona, 26 novembre 2007) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato ed esponente di spicco della Democrazia Cristiana, è stato deputato proprio per la DC dal 1948 fino al 1979.

Ha ricoperto l'incarico di Ministro per i rapporti con il Parlamento e di Ministro delle poste e delle telecomunicazioni; è stato Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri e al Ministero dell'interno.

Abbandonato il Parlamento, fu dal 1981 al 1998 giudice della Corte Europea dei diritti dell'uomo;[1] mantenendo poi, alla fine del suo mandato, il titolo di giudice emerito.

È morto all'età di 87 anni nella sua casa di Savona.

Pochi mesi dopo il decesso, a Carlo Russo è stato intitolato il lungomare di Celle Ligure, paese d'origine della sua famiglia, e luogo in cui l'ex ministro amava trascorrere abitualmente le vacanze e i momenti di riposo.

Uffici di Governo[modifica | modifica wikitesto]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Era fratello di Giovanni Russo (1932), avvocato e parlamentare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Judges of the Court since 1959 (PDF), European Court of Human Rights. URL consultato il 9 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1659147484276649360003 · GND (DE1114036463