Carlo Pastore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Pastore

Carlo Pastore (Borgomanero, 18 giugno 1985) è un conduttore radiofonico e disc jockey italiano.

Cura e conduce il format Niente di strano su Rai Radio 2 ed è direttore artistico del MI AMI Festival.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a collaborare con Rockit.it, webmagazine musicale, nel 2000, ancora studente. Ne diviene caporedattore dal 2004 al 2007, appena trasferitosi a Milano. [1][2]

Nel 2007 entra nel gruppo di VJ di MTV Italia. Conduce MTV Our Noise (poi MTV Your Noise nella seconda stagione), Hitlist Italia, Total Request Live e la terza edizione dei TRL Awards, da Trieste [1].

Dal 2009 collabora con la Rai, scrive e conduce per Rai 4 Volevo essere Michael Jackson, partecipa alla terza e quarta edizione di X Factor (Italia) su Rai 2[3].

Dal 2010 su Rai Radio 2 cura e conduce Babylon, un programma musicale con selezione musicale internazionale, ospiti live e mix esclusivi, in onda durante il weekend. Il programma termina dopo nove stagioni nel 2019[4].

Dal 2005 al 2014 e poi nuovamente dal 2016 è direttore artistico del MI AMI Festival, importante festival di nuova musica italiana.[5] Assieme a Desirèe Restuccia, ha firmato il documentario L'animale che mi porto dentro vuole te[6], ricerca sul ruolo che i festival (e in particolare il MI AMI) hanno in Italia.

Dal 2016 scrive e conduce Credits, format televisivo che racconta i grandi album della musica italiana partendo dai credits, in onda sui canali di Discovery Italia: prima Deejay TV - NOVE e poi Real Time.[7][8]

Dal 2019 cura e conduce Niente di strano, format on line con live e interviste musicali in diretta dagli uffici di Buddybank, al diciannovesimo piano della Torre Unicredit.[9]

Negli anni, con Sangue Disken ha prodotto dischi di band indipendenti fra cui Altro e Minnie's[10]. Si è esibito come dj in tutta Italia. Con la sua band Wemen ha pubblicato due dischi e diversi EP. È stato resident dj di diversi club: Rocket e Sottomarino Giallo di Milano, Astoria di Torino, Club NME Venice. Nel 2019 ha partecipato con un cameo al disco di Auroro Borealo Adoro Borealo nella canzone Di che cosa parlano i miei testi.[11]

Storico[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 – Effetto notte (Rai Radio 2)
  • 2010 – Traffic (Rai Radio 2)
  • 2010-2019 – Babylon (Rai Radio 2)[12]
  • 2020 – Zeitgeist con Guè Pequeno (TRX Radio)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Editoria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pagina utente Carlo Pastore su Rockit.it, in rockit.it, 21 giugno 2016.
  2. ^ A Torino si balla con Carlo Pastore di Radio 2, su Vita Low Cost, 9 ottobre 2012. URL consultato il 22 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  3. ^ Carlo Pastore: MTV, X Factor, Rai Radio 2, su billboard.it.
  4. ^ Finisce Babylon ma non la Bellamusica® (e Carlo Pastore è il capo), su Rockit.it. URL consultato il 20 novembre 2019.
  5. ^ Sito del festiva pagina credits, su Rockit.it/miami, 3 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2015).
  6. ^ Speciale: L'animale - MI AMI 2010, su Rockit.it, 20 dicembre 2010.
  7. ^ “Credits: Bollicine”: Nove racconta il grande successo di Vasco Rossi | TV Sorrisi & Canzoni, su TV Sorrisi & Canzoni, 21 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2016).
  8. ^ 'Credits: Nord Sud Ovest Est': giovedì 1 dicembre 2016 su Real Time, in ComingSoon.it. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  9. ^ Niente Di Strano: TIDAL X buddybank, su Vogue Italia. URL consultato il 20 novembre 2019.
  10. ^ L’impiegato part-time, l’ex avvocato, il dj: ecco chi produce musica in città, su Corriere della Sera. URL consultato il 22 giugno 2016.
  11. ^ Auroro Borealo - Adoro Borealo, su Rockit.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  12. ^ Redazione ANSA, Arrivano a Expo i dj set di Rai Radio2, in Ansa.it, 29 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN196233677 · WorldCat Identities (ENviaf-196233677