Frah Quintale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frah Quintale
Frah Quintale Live agli ex magazzini roma (cropped).jpg
Frah Quintale in concerto a Roma nel 2018
NazionalitàItalia Italia
GenereHip hop
Contemporary R&B
Periodo di attività musicale2006 – in attività
EtichettaUndamento
GruppiFratelli Quintale
Album pubblicati4
Studio3
Raccolte1

Frah Quintale, pseudonimo di Francesco Servidei (Brescia, 27 dicembre 1989), è un cantautore e rapper italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Brescia nel 1989, si appassiona alla musica nel 2004, a quindici anni, per poi iniziare il suo percorso musicale nel duo dei Fratelli Quintale, formatosi nel 2006, che vanta cinque album ancora all'attivo.[1] Nel 2016, dopo aver lasciato il duo, pubblica la sua prima canzone da solista Colpa del vino e l'EP 2004.

Il 30 giugno 2017 esce il singolo Cratere inserito poi nell'album Regardez moi che prende il nome da un graffito presente in un palazzo abbandonato nella sua città natale.[2] Nello stesso anno esce il singolo Sabato nel parco. Il 29 luglio 2018 Regardez moi è stato reso disponibile anche in vinile e in contemporanea è stata pubblicata digitalmente la raccolta Lungolinea., che contiene i messaggi vocali scambiati con i produttori durante la realizzazione dell'album precedente, alcuni singoli precedenti e brani inediti, quali 64 Bars, Stupefacente e Missili.[3]

All'inizio del 2019 pubblica il brano inedito Quest'anno, rimasto online per solo 24 ore, dove racconta tutto ciò che gli è accaduto nell'anno del suo successo.[4] Nello stesso periodo esce 2%, da una collaborazione con Gué Pequeno. Il 4 ottobre pubblica il singolo Farmacia,[5] seguito il 5 marzo 2020 da Contento.

Il 19 maggio 2020 ha annunciato il progetto Banzai, composto da due album. La prima parte, intitolata Banzai (lato blu), è stata pubblicata il 26 giugno dello stesso anno.[6] Il 23 aprile 2021 ha pubblicato il singolo Sì può darsi, che ha anticipato la seconda parte del progetto, Banzai (lato arancio), distribuita a partire dal 4 giugno.[7]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Raccolte
EP
Singoli
Collaborazioni

Con i Fratelli Quintale[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 – The Reverse Coconut Mixtape
  • 2011 – Green Project
  • 2012 – One Hundred
  • 2013 – All You Can Eat
  • 2015 – Tra il bar e la favola

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fratelli Quintale, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 12 agosto 2020.
  2. ^ Francesca Ceccarelli, Frah Quintale, dal rap al pop per raccontare la vita, su la Repubblica XL, 15 gennaio 2018. URL consultato il 12 agosto 2020.
  3. ^ Frah Quintale_ vinile di "Regardez Moi" ed esce anche "Lungolinea.", su rapburger.com, 29 giugno 2018. URL consultato il 12 agosto 2020.
  4. ^ Filippo Ricagni, Quest'anno di Frah Quintale, il nuovo singolo disponibile solo per 24h!, su rapologia.it, 15 marzo 2019. URL consultato il 15 aprile 2020.
  5. ^ Claudia Maddaluno, Frah Quintale è tornato per farci stare bene, su DLSO, 4 ottobre 2019. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  6. ^ Frah Quintale ha annunciato il doppio album Banzai, su DLSO, 19 maggio 2020. URL consultato il 12 agosto 2020.
  7. ^ Il cantante Frah Quintale: "Un disco pieno di luce", su milano.repubblica.it, 21 aprile 2021. URL consultato il 23 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN510156133224558430000 · WorldCat Identities (ENlccn-n2019031546