Avantasia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avantasia
20160611 Loreley RockFels Avantasia 0717.jpg
Gli Avantasia a Lorelei (Germania) nel 2016
Paese d'origineGermania Germania
GenereHeavy metal
Power metal
Symphonic metal
Hard rock
Opera rock
Periodo di attività musicale2000 – in attività
EtichettaAFM Records
Nuclear Blast
Album pubblicati9
Studio8
Live1
Sito ufficiale

Avantasia è un'Opera in stile Metal del supergruppo tedesco creato da Tobias Sammet, cantante della band Edguy. È considerata un'opera proprio perché ricca di partecipazioni di celebri cantanti e musicisti del mondo rock e metal ed è strutturata come concept album. Il progetto può essere suddiviso a grandi linee in quattro periodi di attività. Il primo, 1999-2002, vede l'uscita dell'omonimo singolo e dei due album collegati The Metal Opera e The Metal Opera Part II ed è caratterizzato da un suound prettamente power metal. Il secondo, 2006–2011, comprende gli EP Lost in Space Part I & II e "The Wicked Trilogy", composta dagli album The Scarecrow, The Wicked Symphony e Angel of Babylon; queste produzioni iniziano a discostarsi dal power metal e sono fortemente contaminate da altre influenze musicali come l'AOR, il symphonic metal e l'hard rock. Il terzo, 2013-2016, include gli album The Mystery of Time e Ghostlights; qui prevale ancora maggiormente la vena rock e AOR, rispetto al power metal del primo periodo. Il quarto periodo è iniziato con l'uscita dell'album Moonglow nel 2019 e racchiude un po' tutti i generi toccati dal progetto Avantasia dagli esordi sino a qui.[1]

Un elenco parziale dei cantanti ospiti presenti nel progetto Avantasia include: Michael Kiske (unico presente in tutti i dischi, a parte ovviamente il creatore Tobias Sammet), Bob Catley, Jørn Lande, Ronnie Atkins, Geoff Tate ed Eric Martin fra gli ospiti più spesso ricorrenti nonché più presenti nella formazione che si esibisce dal vivo, seguiti da vere e proprie special guest come: Alice Cooper, Candice Night, Amanda Somerville, Klaus Meine, Dee Snider, Hansi Kürsch, Jon Oliva, Biff Byford, Joe Lynn Turner, Tim "Ripper" Owens, Russell Allen, Kai Hansen e Andrè Matos; mentre fra i musicisti più celebri che hanno partecipato vale la pena citare Rudolf Schenker, Bruce Kulick, Sascha Paeth, Eric Singer, Henjo Richter, Markus Grosskopf, Alex Holzwarth, Timo Tolkki e Jens Johansson.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della band ha origine dalla fusione delle parole Avalon e fantasia, come riferimento ad "un mondo al di là dell'immaginazione umana" (dalle note interne al libretto contenuto nel primo album)[2].

Il suono[modifica | modifica wikitesto]

Il suono della band è cambiato molto durante gli anni, sia per la ricerca stilistica del fondatore, nonché autore di tutti i brani, Tobias Sammet, sia per lo stile e le voci dei musicisti coinvolti. Come già premesso i primi dischi erano prettamente Power metal con chiare citazioni sinfoniche, ma col passare del tempo si sono fatte sempre più forti le venature hard rock e AOR dei brani, senza mai però rinunciare del tutto alla matrice Heavy metal né ai temi sinfonici e operistici tanto cari al suo creatore.[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

The Metal Opera (1999-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 1999, durante il tour "Theatre of Salvation" degli Edguy, Tobias Sammet inizia a delineare alcune idee per un concept album di stampo operistico con diversi musicisti ospiti. Al termine del tour, inizia la collaborazione con alcuni fra i maggiori cantanti del mondo metal come: Michael Kiske (Helloween, Unisonic), Andre Matos (ex-Angra), Kai Hansen (Gamma Ray, Helloween), Rob Rock, David Defeis (Virgin Steele), Sharon den Adel (Within Temptation), Bob Catley (Magnum) e Oliver Hartmann e li coinvolge per registrare il primo disco. In questa fase la formazione musicale è composta da quattro membri: Sammet alle tastiere, Henjo Richter (Gamma Ray) alla chitarra, Markus Grosskopf (Helloween) al basso e Alex Holzwarth alla batteria. Va da sé che il genere proposto è fortemente caratterizzato da un sound Power metal, e questo si evince anche considerando le band di appartenenza dei musicisti coinvolti. Nel 2001 viene pubblicato il singolo omonimo e l'album di debutto, The Metal Opera, seguito l'anno successivo da The Metal Opera Part II, nel settembre 2002.[4] Dopodiché il progetto viene temporaneamente sospeso.

The Scarecrow (2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Ben 4 anni dopo, sul finire del 2006, Sammet conferma le voci su un terzo album degli Avantasia, in uscita nel 2008. Due EP intitolati infatti Lost in Space Part I e Part II vengono pubblicati il 19 novembre 2007, mentre l'album completo, The Scarecrow, esce il 25 gennaio 2008. The Scarecrow segna il primo capitolo del concept "The Wicked Trilogy" e segna anche l'inizio della collaborazione (che dura fino ai giorni nostri) con Sascha Paeth nel ruolo di chitarrista e produttore.[5] L'album include la partecipazione del batterista Eric Singer (Kiss), dei chitarristi Henjo Richter e Rudolf Schenker (Scorpions) e dei cantanti Jørn Lande (ex-Masterplan, ex-Ark), Michael Kiske, Bob Catley, Andrè Matos, Alice Cooper, Roy Khan (Kamelot), Amanda Somerville e Oliver Hartmann.[6] Dopo l'uscita di The Scarecrow, Tobias Sammet viene invitato ad esibirsi come headliner al Wacken Open Air, un'offerta che il produttore / chitarrista Sascha Paeth lo convince ad accettare. Questo porta come risultato la programmazione di un tour con 13 esibizioni tra il 5 luglio e il 13 agosto. Gli spettacoli al Masters of Rock e al Wacken Open Air vengono filmati e pubblicati nel DVD live "The Flying Opera" nel marzo 2011. La formazione per il breve tour è composta da: Tobias Sammet, Andre Matos, Jørn Lande, Kai Hansen, Bob Catley, Amanda Somerville, Cloudy Yang alle voci, Sascha Paeth e Oliver Hartmann alle chitarre, Robert Hunecke al basso, Miro alle tastiere e Felix Bohnke (Edguy) alla batteria.

The Wicked Symphony & Angel of Babylon (2009-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2009, Sammet annuncia di stare lavorando a due nuovi album, The Wicked Symphony e Angel of Babylon, in uscita il 3 aprile 2010.[7] Il concept qui narrato è una continuazione della storia di The Scarecrow e questi tre album assieme vengono infatti indicati come "The Wicked Trilogy".[8] Gli ospiti qui presenti aumentano di numero e vediamo infatti alternarsi ben 3 batteristi: Eric Singer, Alex Holzwarth e Felix Bohnke, mentre alle chitarre si alternano: Bruce Kulick (Kiss), Oliver Hartmann e Sasha Paeth. C'è spazio anche per il tastierista Jens Johansson (Stratovarius), mentre i cantanti sono: Jørn Lande, Russell Allen (Symphony X), Michael Kiske, Bob Catley, Klaus Meine (Scorpions), Tim "Ripper" Owens (ex-Judas Priest), Jon Oliva (Savatage), Andre Matos, Cloudy Yang e Ralf Zdiarstek.[9] The Scarecrow, The Wicked Symphony e Angel of Babylon ottengono un ottimo piazzamento nelle varie classifiche musicali internazionali.[10]

The Metal Opera Comes to Town Tour (2010–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Avantasia dal vivo a Stoccolma (Svezia) nel 2010

Un tour di 12 spettacoli in Europa, Sud America e Asia si svolge nel dicembre 2010, con l'eccezione di un concerto al festival Wacken Open Air nell'agosto 2011. Gli show durano quasi tre ore e molti registrano il sold-out già parecchi giorni prima dell'evento.[11] L'ensemble è quasi lo stesso di The Scarecrow Tour del 2008, con due sole modifiche. Andre Matos viene stato sostituito da Michael Kiske e Cloudy Yang non fa parte della formazione. Entrambi i tour vengono accuratamente documentati da Amanda Somerville sul suo canale YouTube.[12] I video mostrano vari momenti interessanti nel backstage come le prove, i voli aerei e in treno; insomma un vero e proprio dietro le quinte on the road.

The Mistery of Time (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2012 Sammet dichiara:

"Non avevo previsto quanto avessi bisogno di Avantasia quando decisi di chiudere questo capitolo della mia vita nel 2011. Dopo il successo mondiale degli ultimi dischi, un tour mondiale nelle arene che è stato praticamente sold-out ovunque e collaborazioni con i miei eroi d'infanzia, sentivo di aver detto tutto quello che avrei potuto dire col nome Avantasia. Ma non è questo il motore che spinge Avantasia. Voglio creare una musica fantastica, voglio introdurre mondi ancor più fantastici: più è grande e più è epico, e meglio è! E ascoltando il materiale che ho creato per questo prossimo capitolo della storia di Avantasia, so che ce la farò ad ogni costo! Ho la sensazione e la certezza, che questo è assolutamente destinato ad accadere e ad essere. "[13]

Nel dicembre 2012 viene rivelato sul sito web degli Avantasia che il nuovo album sarà intitolato The Mystery of Time e che vedrà la luce il 30 marzo 2013. The Mystery of Time segna l'inizio di un nuovo concept ed è la prima volta che viene coinvolta una vera orchestra: la German Film Orchestra Babelsberg. L'album vede la partecipazione del batterista Russell Gilbrook (Uriah Heep), i chitarristi Bruce Kulick, Oliver Hartmann e Arjen Anthony Lucassen, mentre le voci sono di: Joe Lynn Turner (TNT, ex-Rainbow), Biff Byford (Saxon), Michael Kiske, Ronnie Atkins (Pretty Maids), Eric Martin (Extreme), Bob Catley e Cloudy Yang.[14][15] The Mystery Of Time riscuote un buon successo nelle classifiche musicali mondiali e permette persino agli Avantasia di entrare nelle classifiche di Billboard degli Stati Uniti per la prima volta.[16]

The Mystery World Tour (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Avantasia dal vivo a San Paolo (Brasile) nel 2013

Il secondo tour mondiale degli Avantasia si svolge tra aprile e agosto 2013. Il tour prevede 30 concerti, incluse 7 apparizioni nei maggiori festival Europei, un'esibizione in un festival Canadese e spettacoli di tre ore in Sud America, Giappone, Russia, Germania, Svizzera, Italia e Olanda.[17][18] La formazione per il tour è così composta: Tobias Sammet, Michael Kiske, Ronnie Atkins, Eric Martin, Bob Catley, Thomas Rettke (Heaven's Gate), Amanda Somerville alle voci e Sascha Paeth, Oliver Hartmann, Miro, Andre Neygenfind e Felix Bohnke alla sezione musicale. Questa una dichiarazione di Sammet all'epoca:

"Voglio mettere su lo show più grande che si sia mai visto, voglio portare più cantanti, fare spettacoli più lunghi e renderlo una gigantesca Rock Opera. Adoro i festival da headliner, devi dare il meglio in 90 minuti davanti a tutta quella gente, ma adoro anche il nostro tour indoor perché possiamo renderlo molto più esteso e adatto a noi, suonando quasi tre ore ... Sarà enorme. "[19]
Avantasia dal vivo a San Paolo (Brasile) nel 2013

A due spettacoli dalla fine del tour, Sammet tiene una conferenza stampa in cui annuncia che gli Avantasia saranno protagonisti del Wacken Open Air Festival nel 2014 e che questa sarà una performance di addio, e che non ci saranno ulteriori tour né concerti per il prossimo futuro:[20]

"Non ci saranno altri shows degli Avantasia, sarà solo un singolo spettacolo. Magari ritornerò con una nuova idea e potrei riprovarci in un lontano futuro, questa volta non dirò che l'addio è per sempre, ma non ho idea di quando e dove e chi potrebbe unirsi a noi e cosa potrà accadere, e se mai dovessimo farlo di nuovo tra un paio d'anni. Quindi, prendi i tuoi biglietti per Wacken 2014 perché sarà la tua ultima occasione per vederci, se non per sempre almeno per alcuni anni. Ci vediamo, T"

Ghostlights (2014-2016)[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista del maggio 2014 riguardante il disco degli Edguy Space Police: Defenders of the Crown, Tobias confessa che The Mystery of Time lasciava le porte aperte ad un possibile sequel.[21] Il nuovo album, intitolato così Ghostlights, viene pubblicato il 29 gennaio 2016 e vede come ospiti i soliti Bruce Kulick e Oliver Hartmann alle chitarre, mentre alle voci ritroviamo Jørn Lande, Michael Kiske, Ronnie Atkins, Bob Catley, Sharon den Adel e le new entry Dee Snider (Twisted Sisters), Geoff Tate (Queensryche), Marco Hietala (Nightwish), Robert Mason e Herbie Langhans.[22] Ghostlights raggiunge la posizione più alta di qualsiasi pubblicazione degli Avantasia nelle maggiori classifiche musicali internazionali e permette alla band di entrare nelle classifiche di Billboard degli Stati Uniti per la seconda volta.[23]

Ghostlights World Tour (2016–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Avantasia dal vivo a Madrid (Spagna) nel 2016

Il "più grande tour mondiale finora" si svolge tra marzo e agosto 2016. Stando al sito web ufficiale è composto da 40 concerti in Europa, Nord America, Sud America, Canada, Giappone, Russia e Scandinavia. Escludendo 8 spettacoli da headliner ai maggiori festival estivi europei, ogni concerto dura oltre tre ore.[24][25] L'ensemble è quasi lo stesso del tour precedente con l'aggiunta di Jørn Lande e Herbie Langhans. Così come in passato, Sammet annuncia ancora una volta che il Ghostlights World Tour potrebbe essere l'ultima attività del progetto per molto tempo.[26][27] Al termine del tour gli Avantasia sono gli headliner protagonisti sia del Wacken Open Air che del Barcelona Rockfest durante l'estate del 2017.[28]

Moonglow e Moonglow World Tour (2018-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2018, Sammet pubblica una foto sul suo profilo Facebook annunciando di aver iniziato il processo creativo relativo all'ottavo album degli Avantasia.[29] Il 10 ottobre, Nuclear Blast annuncia ufficialmente che il nuovo album Moonglow verrà rilasciato il 15 febbraio 2019 e che alle voci si alterneranno, oltre ai veterani Jørn Lande, Bob Catley, Eric Martin, Ronnie Atkins, Michael Kiske, Geoff Tate, i nuovi arrivati Candice Night (Blacksmore's Night), Hansi Kürsch (Blind Guardian) e Mille Petrozza (Kreator).[30] Alla pubblicazione del disco segue il Moonglow World Tour 2019 composto da 29 concerti in Europa, Australia, Stati Uniti e Sud America svoltisi tra marzo e giugno 2019.[31] La formazione del tour include ancora Bob Catley, Ronnie Atkins, Geoff Tate, Eric Martin e Jørn Lande, e i nuovi arrivati Herbie Langhans, Ina Morgan e Adrienne Cowan; completano la formazione gli ormai immancabili musicisti Oliver Hartmann e Sasha Paeth alle chitarre, Robert Hunecke al basso, Miro alle tastiere e Felix Bohnke alla batteria.

Nel marzo 2020, Tobias annuncia sui suoi social network di essere al lavoro sul successore di Moonglow; verso la fine dello stesso anno la scrittura del nuovo album è praticamente terminata e Sammet dichiara di aver iniziato le registrazioni per il nuovo disco[32]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia degli Avantasia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Avantasia reviews, music, news, sputnikmusic. URL consultato il 26 settembre 2013.
  2. ^ Informazioni su Avantasia, su LiveNation.it, 2012. URL consultato il 31 gennaio 2018.
  3. ^ Copia archiviata, su http:. URL consultato il 3 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2011).
  4. ^ Avantasia - The Metal Opera Review, The Metal Crypt, 16 luglio 2001. URL consultato il 26 settembre 2013.
  5. ^ Barely Sinister, Interview: Tobias Sammet from Edguy, su new-transcendence.com/, 31 marzo 2014.
  6. ^ Listing of The Scarecrow album on Discogs.com, (accessed 16 March 2015).
  7. ^ BLABBERMOUTH.NET - AVANTASIA: New Album Titles Announced, Roadrunnerrecords.com, 19 novembre 2009. URL consultato il 2 settembre 2011.
  8. ^ Avantasia Book - The Wicked Trilogy, Facebook.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
  9. ^ Avantasia :: Official Web, Tobias Sammet, 12 settembre 2009. URL consultato il 7 agosto 2011.
  10. ^ Avantasia :: Official Web, Tobias Sammet. URL consultato il 26 settembre 2013.
  11. ^ Avantasia :: Official Web, Tobias Sammet. URL consultato il 7 agosto 2011.
  12. ^ amandasomerville, Channel of user amandasomerville, YouTube, 16 marzo 2011. URL consultato il 7 agosto 2011.
  13. ^ bravewords.com, > News > AVANTASIA - New Epic In The Making, Bravewords.com. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  14. ^ Tobias Sammet :: Avantasia :: Official Web, su tobiassammet.com, 6 agosto 2012. URL consultato l'8 agosto 2012.
  15. ^ Avantasia - The Mystery Of Time - Listening Session - Kolumne bei Musikreviews.de - Metal, Progressive und Rock, Musikreviews.de. URL consultato il 26 settembre 2013.
  16. ^ EvilG, Avantasia "The Mystery of Time" debuts at #9 on Billboard "Heat Seekers" chart, #33 on "Hard Rock", Metal-rules.com, 10 maggio 2013. URL consultato il 26 settembre 2013.
  17. ^ Avantasia :: Official Web, Tobias Sammet. URL consultato il 26 settembre 2013.
  18. ^ Artikel | AVANTASIA: Interview mit Tobias Sammet, Powermetal.De, 13 febbraio 2013. URL consultato il 26 settembre 2013.
  19. ^ Avantasia :: Official Web, Tobias Sammet. URL consultato il 26 settembre 2013.
  20. ^ Avantasia to headline Wacken Open Air 2014, su tobiassammet.com.
  21. ^ Shane Pinnegar, Interview – Tobias Sammet, in 100% Rock Magazine, 14 maggio 2014. URL consultato il 21 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2014).
  22. ^ AVANTASIA - more details on »Ghostlights«! - Nuclear Blast, su nuclearblast.de.
  23. ^ Tobias Sammet’s AVANTASIA Enter Charts In 17 Countries On 3 Continents With Ghostlights, in bravewords.com.
  24. ^ Tobias Sammet :: Avantasia :: Official Web, su tobiassammet.com.
  25. ^ Avantasia - We want your review - see below!But first:... - Facebook, su facebook.com.
  26. ^ Alison Booth, Interview With Tobias Sammet, Avantasia: "It’s gonna be the last time in a very long time", su Metal Shock Finland, 21 gennaio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  27. ^ Thomas Schwarzkopf, Exclusive Interview with Tobias Sammet (Avantasia, Edguy), su Myglobalmind Magazine, 27 gennaio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  28. ^ Tobias Sammet :: Avantasia :: Official Web, su tobiassammet.com.
  29. ^ Avantasia, su Facebook.com.
  30. ^ (EN) AVANTASIA - to release new album "Moonglow"!, in Nuclear Blast, 12 ottobre 2018. URL consultato il 12 ottobre 2018.
  31. ^ (EN) AVANTASIA - Germany's most successful symphonic rock event will be touring the world in 2019 with its new album MOONGLOW!. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  32. ^ {{https://www.instagram.com/p/CI3XaNSgEd2/?igshid=1x8rdd6jrv7fv}}

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143458342 · ISNI (EN0000 0001 1482 0905 · LCCN (ENno2008060446 · GND (DE10342751-X · BNF (FRcb140716064 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2008060446