Autonomous spaceport drone ship

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autonomous spaceport drone ship
SpaceX ASDS in position prior to Falcon 9 Flight 17 carrying CRS-6 (17127808431).jpg
Veduta aerea della ASDS
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
TipoPiattaforma per l'atterraggio di razzi[1]
Numero unità3
ProprietàSpaceX
Entrata in servizio2015
Caratteristiche generali
Stazza lorda4422 tsl
Lunghezza87,8 m
Propulsione4 propulsori azimutali da 300 CV
Equipaggio0
voci di navi presenti su Wikipedia
Falcon 9 First Stage Reusability Graphic.jpg

Autonomous spaceport drone ship o in sigla: ASDS(Traducibile in italiano come: Nave-drone per spazioporto autonomo) è la denominazione delle piattaforme robotiche della SpaceX adibite all'atterraggio dei suoi razzi vettore riutilizzabili Falcon 9 e dell'atterraggio del core centrale del Falcon Heavy. Questo tipo di imbarcazioni sono state dotate di sistemi automatici che permettono di stazionare in un punto designato per permettere al razzo di atterrarvi sopra. Grazie ai suoi quattro propulsori azimutali e ai dati GPS, esse possono mantenere la posizione con una precisione di 3 metri anche in condizioni di mare mosso.[2][1] Le ASDS sono una componente importante nei piani della SpaceX per abbassare significativamente il costo del trasporto verso l'orbita, e la società prevede, nel futuro, di rendere queste piattaforme in grado di rifornire i razzi atterrati con abbastanza carburante per permettere loro di tornare al sito di lancio.[1]

Le ASDS operative sono due, dislocate nell'Oceano Atlantico per i lanci dalla Cape Canaveral Air Force Station: la Just Read the Instructions (dislocata nell'oceano Pacifico per i lanci dalla Vandenberg Air Force Base fino al 2019) e la Of Course I Still Love You; originariamente queste imbarcazioni erano chiatte, poi riconvertite per conto della SpaceX; tra le pesanti modifiche, si notano il nuovo sistema di propulsione, il landing pad e i sistemi computerizzati che manovrano la chiatta autonomamente, senza bisogno di membri dell'equipaggio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 il CEO di SpaceX, Elon Musk, ha espresso l'ambizione di "creare un cambiamento di paradigma nell'approccio tradizionale per il riutilizzo dell'hardware dei razzi"[3]. Nell'ottobre 2014, SpaceX ha annunciato pubblicamente di aver stipulato un contratto con un cantiere navale della Louisiana per la costruzione di una piattaforma di atterraggio galleggiante per veicoli di lancio orbitali riutilizzabili. Le prime informazioni indicavano che l'imbarcazione avrebbe trasportato una piattaforma di atterraggio di circa 90 per 50 metri e sarebbe stata in grado di posizionarsi con precisione in modo da poter mantenere la sua posizione per l'atterraggio dei veicoli di lancio.[4] Il 22 novembre 2014 Musk ha pubblicato una fotografia della "Autonomous spaceport drone ship" insieme ad ulteriori dettagli sulla sua costruzione e dimensioni.[3][5]

A partire da dicembre 2014, la prima piattaforma autonoma utilizzata, la chiatta Marmac 300 del McDonough Marine Service, era ormeggiata a Jacksonville, Florida, all'estremità settentrionale del Terminal Crociere JAXPORT, dove SpaceX ha costruito uno stand per mettere in sicurezza il primo stadio del Falcon durante le operazioni post-atterraggio. Lo stand è costituito da quattro strutture a piedistallo di 6.800 kg, alte 270 cm e larghe 244,5 cm imbullonate ad una base di cemento. Una gru mobile solleva il booster dalla nave e lo colloca sul piedistallo. Mansioni come la rimozione o il ripiegamento delle gambe di atterraggio prima di posizionare il booster in posizione orizzontale per il trasporto venivano svolte lì.[6]

Il luogo di stazionamento dell'ASDS per il primo test di atterraggio era nell'Atlantico a circa 320 km a nord-est del luogo di lancio a Cape Canaveral, e 266 km a sud-est di Charleston, South Carolina.[3][7]

Il 23 gennaio 2015, durante le riparazioni della nave a seguito del primo test non riuscito, Musk ha annunciato che la nave sarebbe stata chiamata Just Read the Instructions[8], con una nave gemella prevista per i lanci sulla costa occidentale che sarà chiamata Of Course I Still Love You[9]. Il 29 gennaio 2015, SpaceX ha pubblicato una foto manipolata dell'imbarcazione con il nome che illustra come sarebbe apparsa una volta dipinta[10]. Entrambe le navi prendono il nome da due General Contact Units, astronavi comandate da intelligenze artificiali autonome, che appaiono in "The Player of Games", un romanzo di Iain M. Banks.[11]

La prima Just Read the Instructions è stata dismessa nel maggio 2015 dopo circa sei mesi di servizio nell'Atlantico, ed è stata sostituita da Of Course I Still Love You[12]. La precedente ASDS è stata modificata rimuovendo le estensioni delle ali che avevano esteso la superficie della chiatta e le attrezzature (propulsori, telecamere e dispositivi di comunicazione) che erano state aggiunte per riadattarla come ASDS; questi elementi sono stati conservati per un futuro riutilizzo.[12] Nel 2018, SpaceX ha annunciato i piani per una quarta chiatta, A Shortfall of Gravitas, per sostenere le operazioni sulla east coast[13] ma la chiatta non si è materializzata e invece JRTI è stata spostata sulla costa orientale e ha iniziato ad essere utilizzata nel giugno 2020.[14]

La flotta di ASDS attive[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2015, SpaceX ha affittato due ulteriori chiatte - la Marmac 303 e la Marmac 304 - e ha iniziato il refit per la costruzione di due ulteriori piattaforme con capacità di funzionamento autonomo, costruite sugli scafi di queste chiatte Marmac. Queste costituiscono la flotta ASDS attiva a partire dal 2020.

Of Course I Still Love You[modifica | modifica wikitesto]

L'ASDS Of Course I Still Love You, costruita sulla chiatta Marmac 304

La seconda chiatta ASDS, Of Course I Still Love You (OCISLY), è stata costruita in un cantiere della Louisiana all'inizio del 2015 utilizzando un diverso scafo - il Marmac 304 - per servire i lanci sulla east coast. È stata costruita in sostituzione di Just Read the Instructions ed è entrato in servizio in occasione del Falcon 9 Flight 19 alla fine di giugno 2015. A giugno 2015, il suo porto d'origine era Jacksonville, Florida,[9][12] ma dopo dicembre 2015 è stata trasferita 260 km più a sud, a Port Canaveral.

Mentre le dimensioni dell'imbarcazione sono quasi identiche a quelle della prima ASDS, sono stati apportati diversi miglioramenti, tra cui un muro di acciaio per l'esplosione eretto tra i container di poppa e il ponte di atterraggio. La nave era in posizione per un test di atterraggio del primo stadio nella missione CRS-7, che fallì durante il lancio il 28 giugno 2015.[12]

L'8 aprile 2016 il primo stadio, che ha lanciato la capsula Dragon CRS-8, è atterrato con successo per la prima volta in assoluto su OCISLY, completando quindi il primo atterraggio su una chiatta autonoma.[15]

Nel febbraio 2018, il nucleo centrale del Falcon Heavy Test Flight è esploso vicino a OCISLY, danneggiando due dei quattro propulsori della chiatta, che vennero poi rimossi per effettuare le riparazioni.

Il 30 maggio 2020, il primo stadio della missione Crew Demo-2 è atterrato su OCISLY, facendo sì che il primo lancio di astronauti americani, da suolo americano, su un razzo americano dopo il volo finale dello Space Shuttle nel 2011, sia stato a bordo di un razzo SpaceX.[16][17] Questa è stata la prima volta nella storia che il primo stadio di un razzo ha lanciato un equipaggio nello spazio e poi è atterrato in sicurezza per essere riutilizzato.

L'ASDS Just Read The Instructions, costruita sulla chiatta Marmac 303

Just Read The Instructions[modifica | modifica wikitesto]

La prima chiatta per l'atterraggio dei razzi (Marmac 300), e la terza (Marmac 303), sono state entrambe denominate Just Read the Instructions (JRTI). Infatti, alcune delle parti dello scafo/piattaforma originale sono state utilizzate per costruire l'ASDS del Marmac 303. L'originale, il Marmac 300, è stato demolito dopo il fallimento dell'atterraggio del CRS-6 il 14 aprile 2015.

La seconda JRTI, che utilizza lo scafo della chiatta Marmac 303, è stata costruita nel corso del 2015 in un cantiere della Louisiana. Quando il refit come ASDS è stato completato, la chiatta ha attraversato il Canale di Panama nel giugno 2015 trasportando le sue estensioni alari - le stesse originariamente costruite per la prima ASDS costruita, JRTI su Marmac 300- come carico sul ponte perché l'ASDS, una volta completata, sarebbe stata troppo larga per passare attraverso il canale.[12][9]

Il porto base per il Marmac 303 era inizialmente il porto di Los Angeles (fino all'agosto 2019) presso il campus di ricerca marina e commerciale di AltaSea nel porto esterno di San Pedro.[18] La piattaforma di sbarco e le nuove imbarcazioni hanno iniziato ad attraccare lì nel luglio 2015, prima della costruzione principale degli impianti di AltaSea.[19][20]

SpaceX ha annunciato che il Marmac 303 sarebbe stato il secondo ASDS ad essere chiamato Just Read the Instructions nel gennaio 2016, poco prima del suo primo utilizzo come piattaforma di atterraggio per il Falcon 9 Flight 21.[21]

Il 17 gennaio 2016, JRTI è stata utilizzata nel primo tentativo di recuperare un booster del Falcon 9 della missione Jason-3 partita da Vandenberg.[12] Il booster è atterrato con successo sul ponte; tuttavia, una pinza di bloccaggio non è riuscita ad agganciarsi su una delle gambe causando il ribaltamento del razzo, che è esploso all'impatto con il ponte.[22] Il 14 gennaio 2017, SpaceX ha lanciato il Falcon 9 Flight 29 da Vandenberg e ha fatto atterrare il primo stadio su JRTI che si trovava a circa 370 km al largo nell'Oceano Pacifico, rendendolo il primo atterraggio avvenuto con successo nel Pacifico.[23]

Nell'agosto 2019, JRTI ha lasciato il porto di Los Angeles per essere rimorchiata nel Golfo del Messico, dopo aver attraversato il Canale di Panama.[24] JRTI è arrivata a Morgan City, Louisiana alla fine di agosto, e vi è rimasta fino a dicembre, poi è stata trasferita a Cape Canaveral.[25] JRTI ha iniziato a operare nell'Atlantico nel giugno 2020, nella missione che vide atterrare per la seconda volta il primo stadio di un Falcon 9 dopo il quinto utilizzo.[14]

A Shortfall of Gravitas[modifica | modifica wikitesto]

Una quarta ASDS, A Shortfall of Gravitas, è stata annunciata nel febbraio 2018 e avrebbe dovuto entrare in servizio a metà del 2019, ma non si è concretizzata fino a luglio 2021[26]. Come il resto della flotta, il suo nome si basa su quelli utilizzati per le navicelle del Ciclo della Cultura di Iain Banks.[27][28]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La "X" del logo di SpaceX utilizzata per segnare il centro della piattaforma di atterraggio.

Le ASDS sono navi autonome in grado di effettuare un posizionamento di precisione, originariamente entro 3 metri anche in condizioni di tempesta[5], utilizzando informazioni di posizione GPS[29] e quattro propulsori azimutali diesel.[30] Oltre alla modalità di funzionamento autonomo, le navi possono anche essere controllate da remoto.[31]

I propulsori azimutali sono unità di propulsione idraulica con unità di propulsione diesel-idraulica modulare prodotte da Thrustmaster, un produttore di attrezzature marine in Texas.[1] Il razzo di ritorno non deve solo atterrare entro i confini della superficie del ponte, ma deve anche affrontare le mareggiate e gli errori GPS.[1][32]

SpaceX equipaggia le navi con una varietà di sensori e tecnologie di misurazione per raccogliere dati sui tentativi di rientro del booster e di atterraggio, comprese alcune telecamere GoPro utilizzate per visualizzare in diretta la separazione e l'atterraggio dei booster.[33]

Al centro della piattaforma di atterraggio dell'ASDS c'è un cerchio che racchiude la "X" stilizzata di SpaceX usata come punto di atterraggio.[3]

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Un rimorchiatore viene utilizzato per portare l'ASDS in posizione nell'oceano, mentre una nave di supporto si posiziona a una certa distanza dall'ASDS che rimane senza equipaggio. Le navi inizialmente utilizzate sulla costa orientale erano Elsbeth III (rimorchiatore) e GO Quest (supporto).[34] Dopo l'atterraggio, i tecnici e gli ingegneri di solito salgono a bordo della piattaforma di atterraggio e fissano le gambe di atterraggio del razzo per bloccare il veicolo per il trasporto di ritorno in porto.[31] Il booster è fissato al ponte della chiatta con sostegni in acciaio saldati ai piedi delle gambe di atterraggio.[35] Nel giugno 2017, OCISLY ha iniziato ad essere utilizzata con un robot che si posiziona sotto il razzo e che, dopo l'atterraggio, si aggrappa ai morsetti di fissaggio situati all'esterno della struttura del Falcon 9.[36] I fan chiamano il robot "Optimus Prime" o "Roomba", quest'ultimo è stato trasformato in un acronimo di "Remotely Operated Orientation and Mass Balance Adjustment".[37]

Il vero nome del robot è "Octagrabber" e ha quattro braccia e guide. Dopo l'atterraggio del booster, il robot viene fatto uscire dal suo garage a prova di esplosioni e posizionato sotto i motori. Grazie alle sue quattro braccia si attacca all'octaweb del Falcon 9, fissando l'intero stadio per il trasporto. Le squadre di recupero devono comunque salire a bordo della chiatta per eseguire altre operazioni post-atterraggio, ma il robot consente un processo di recupero più sicuro ed efficiente.[38]

Atterraggi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo test è stato effettuato il 10 gennaio 2015 quando SpaceX ha condotto una prova di volo a discesa controllata per far atterrare il primo stadio del Falcon 9 Flight 14 su una superficie solida dopo che era stato utilizzato per portare un carico utile verso l'orbita terrestre.[4] SpaceX aveva previsto, prima del primo tentativo di atterraggio, che la probabilità di atterrare con successo sulla piattaforma sarebbe stata del 50% o meno.[1] Ad oggi gli atterraggi sono passati da prove a parti integranti della routine delle missioni.

2015[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
1 10 Gennaio 2015 SpaceX CRS-5 SpaceX ha tentato un atterraggio durante la missione CRS-5 su Just Read the Instructions il 10 gennaio 2015. Molti degli obiettivi del test sono stati raggiunti, compreso il controllo di precisione della discesa del razzo per atterrare sulla piattaforma in un punto specifico dell'Oceano Atlantico settentrionale e una grande quantità di dati è stata ottenuta dal primo utilizzo di alette a griglia per un posizionamento più preciso del rientro. Tuttavia, l'atterraggio non è stato un successo. Il webcast di SpaceX ha indicato che si sono verificate le combustioni di boostback e di rientro, e che il razzo in discesa è poi andato "sotto l'orizzonte", come previsto, perdendo così il segnale di telemetria in tempo reale. Poco dopo, SpaceX ha rilasciato informazioni che il razzo è arrivato alla chiatta come previsto, ma "È atterrato bruscamente... La nave in sé sta bene. Alcune delle attrezzature di supporto sul ponte dovranno essere sostituite". Durante l'atterraggio, il razzo terminò la riserva di liquido idraulico che permetteva il movimento delle alette direzionali, e quindi, nonostante gli altri parametri fossero corretti, si schiantò sulla chiatta ed esplose.[39] JRTI

(Marmac 300)

Fallito
2 11 Febbraio 2015 DSCOVR La chiatta Just Read the Instructions è stata trainata in mare per il lancio del satellite dell'Osservatorio Climatico dello Spazio Profondo l'11 febbraio 2015, ma non è stato utilizzato per un tentativo di atterraggio. Le condizioni dell'oceano -onde alte 7m- hanno interferito con il posizionamento dell'ASDS per l'atterraggio, quindi l'imbarcazione è tornata in porto e non si è verificato alcun test di atterraggio. SpaceX ha eseguito un atterraggio morbido in mare per continuare la raccolta dati per i futuri tentativi di atterraggio. L'atterraggio morbido ha avuto successo, Elon Musk ha twittato che il booster è atterrato con una precisione di 10 m di distanza dall'obiettivo e in posizione verticale.[40] Non programmato
3 14 Aprile 2015 SpaceX CRS-6 Il 14 aprile 2015 ci fu un secondo tentativo di atterraggio, ma il Falcon 9 arrivò alla piattaforma con una velocità laterale troppo elevata, che non riuscì a compensare. Tecnicamente esso riuscì ad atterrare, ma subito dopo si ribaltò; anche questo razzo finì quindi con l'esplodere sulla chiatta.[41] Dal video dell'atterraggio e della successiva esplosione si evince quanto la SpaceX sia andata vicino al successo. JRTI

(Marmac 300)

Fallito
Il booster della missione CRS-6 nel tentativo di atterrare su JRTI (Marmac 300).
4 28 Giugno 2015 SpaceX CRS-7 Per essere utilizzata nel corso della missione SpaceX CRS-7, l'allora nuova ASDS, Of Course I Still Love You, è stata trainata in mare per tentare un terzo test di atterraggio.[12] Questo è stato il suo primo incarico operativo. Tuttavia, il booster del Falcon si è disintegrato prima dello spegnimento del primo stadio, per cui la missione non è giunta al termine.[42] OCISLY Non programmato

2016[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
5 17 Gennaio 2016 Jason-3 Nel gennaio 2016, SpaceX ha annunciato che ci sarebbe stato un tentativo di atterraggio sull'allora nuova ASDS, Just Read the Instructions (Marmac 303), posizionata sulla costa occidentale in seguito al lancio della missione Falcon 9 Flight 21. JRTI si trovava nell'Oceano Pacifico a circa 320 km di distanza dal sito di lancio. Elon Musk riferì che il primo stadio aveva effettuato con successo l'atterraggio morbido sulla nave, ma un blocco su una delle gambe di atterraggio non riuscì ad agganciarsi e il booster cadde, causando una rottura dei serbatoi di propellente e una deflagrazione dovuta all'impatto con la chiatta.[43] JRTI

(Marmac 303)

Fallito
Il booster della missione Falcon 9 Flight 21 durante l'atterraggio su JRTI
6 4 Marzo 2016 SES-9 Durante il lancio di un pesante satellite per le comunicazioni durante la missione Falcon 9 Flight 22, SpaceX ha effettuato un tentativo sperimentale di discesa e atterraggio con livelli di propellente molto bassi. Per la prima volta, e per ridurre il propellente richiesto, è stato tentato l'atterraggio con tre motori. SpaceX aveva indicato che il test non avrebbe portato ad un atterraggio e ad un recupero di successo. In tal caso, un motore si è spento in anticipo e il razzo ha colpito la superficie del ponte OCISLY a una notevole velocità, distruggendo il razzo e causando danni al ponte della chiatta. Il 21 marzo 2016, il ponte di OCISLY era quasi riparato.[44] OCISLY Fallito
7 8 Aprile 2016 SpaceX CRS-8 Il primo stadio del Falcon 9 ha effettuato con successo il primo atterraggio su una ASDS, su OCISLY nell'Oceano Atlantico al largo della costa della Florida a T+9 minuti e 10 secondi dopo il decollo della missione SpaceX CRS-8. Il razzo è stato fissato sulla chiatta durante il viaggio di ritorno al porto, ed è entrato a Port Canaveral la mattina del 12 aprile 2016.[45] OCISLY Riuscito
Il primo atterraggio di un booster del Falcon 9 avvenuto con successo su una ASDS (OCISLY).
8 6 Maggio 2016 JCSat-14 SpaceX ha fatto atterrare il primo stadio del Falcon 9 su OCISLY durante la missione JCSat-14 il 6 maggio 2016. Questo è stato il suo secondo atterraggio con successo su una chiatta in mare, e il suo primo recupero di un booster da una missione ad alta velocità diretta verso l'orbita geostazionaria (GTO).[46] OCISLY Riuscito
JCSAT-14 first stage landing (27044931232).jpg
9 27 Maggio 2016 Thaicom 8 SpaceX ha fatto atterrare il primo stadio di un Falcon 9 su OCISLY durante la missione Thaicom 8. Questo è stato il terzo atterraggio con successo su una chiatta in mare.[47] OCISLY Riuscito
THAICOM 8 first-stage landing (26812758364).jpg
10 15 Giugno 2016 ABS-3A/Eutelsat 115 West B SpaceX non è riuscito a far atterrare il primo stadio del Falcon 9 su OCISLY durante la missione Asia Broadcast Satellite/Eutelsat.[48] Elon Musk ha twittato che uno dei tre motori aveva una bassa spinta, e quando il razzo era a un passo dal ponte, i motori hanno esaurito il comburente.[49] OCISLY Fallito
11 14 Agosto 2016 JCSAT-16 Il 28° volo del Falcon 9 ha portato il satellite giapponese per telecomunicazioni JCSAT-16 ad un'orbita di trasferimento geostazionaria il 14 agosto 2016. Il primo stadio è rientrato nell'atmosfera e durante la notte è atterrato verticalmente su OCISLY, che era posizionata nell'Oceano Atlantico a quasi 650km dalla costa della Florida. A differenza dei precedenti atterraggi riusciti, questo atterraggio ha utilizzato un solo motore, non tre.[50] OCISLY Riuscito
JCSAT-16 landing (28453337463).jpg

2017[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
12 14 Gennaio 2017 Iridium NEXT-1 La prima tappa del Falcon 9 è atterrata sull'ASDS JRTI nell'Oceano Pacifico durante la missione Iridium NEXT-1. Questo è stato il primo atterraggio riuscito su JRTI e il primo atterraggio nell'Oceano Pacifico.[51] JRTI Riuscito
Falcon 9 Booster 1029.1 Landing.jpg
13 30 Marzo 2017 SES-10 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY durante il lancio della missione SES-10. Questo è stato il primo lancio e atterraggio di successo di un booster orbitale precedentemente utilizzato.[52] OCISLY Riuscito
SES-10 Mission - Falcon 9 First Stage Landing (32996438264).jpg
14 23 Giugno 2017 BulgariaSat-1 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY durante il lancio della missione BulgariaSat-1. Questo è stato il secondo lancio e atterraggio riuscito di un booster orbitale precedentemente utilizzato. Questo è stato anche il primo booster ad essere atterrato su entrambe le chiatte attive. Mentre l'atterraggio è stato considerato un successo, il booster è stato " urtato lateralmente" e ha subito un "atterraggio brusco" che ha portato all'utilizzo della maggior parte del nucleo di compressione d'emergenza.[53] OCISLY Riuscito
The Return of BulgariaSat1 by SpaceX (34808558763).jpg
15 25 Giugno 2017 Iridium NEXT-2 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su JRTI durante il lancio della missione Iridium NEXT-2. JRTI Riuscito
16 24 Agosto 2017 FORMOSAT-5 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su JRTI dopo il lancio della missione FORMOSAT-5.[54] JRTI Riuscito
Formosat-5 Mission (36073878143).jpg
17 9 Ottobre 2017 Iridium NEXT-3 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su JRTI dopo il lancio della missione Iridium NEXT-3.[55] JRTI Riuscito
18 11 Ottobre 2017 SES-11 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione SES-11, anche se l'innesco di uno sversamento di RP-1 ha causato diversi danni all'octagrabber.[56] OCISLY Riuscito
19 30 Ottobre 2017 Koreasat 5A Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Koreasat 5A.[57] OCISLY Riuscito

2018[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
20 6 Febbraio 2018 Falcon Heavy Test Flight Il 6 febbraio 2018, il booster centrale del Falcon Heavy Test Flight ha tentato un atterraggio su OCISLY. Non era rimasto abbastanza innesco TEA-TEB e solo il centrale dei tre motori necessari per l'atterraggio si è acceso. Il booster ha colpito l'acqua vicino alla chiatta a oltre 480 km/h ed è stato distrutto. L'esplosione del nucleo centrale al momento dell'impatto ha danneggiato anche due dei propulsori della ASDS. I propulsori laterali sono atterrati con successo nelle zone di atterraggio 1 e 2. La perdita del booster non ha avuto alcuna ripercussione sulle operazioni di SpaceX, poiché proveniva da una vecchia generazione di Falcon 9 non destinata ad essere riutilizzata.[58] OCISLY Fallito
21 6 Marzo 2018 Hispasat 30W-6 Il 6 marzo 2018, un Falcon 9 Full Thrust che trasportava il satellite di comunicazione Hispasat 30W-6 per la spagnola Hispasat doveva originariamente tentare un atterraggio, poiché il primo stadio è stato programmato per effettuare la manovra. Tuttavia, a causa delle condizioni del mare considerate sfavorevoli, la chiatta è stata lasciata al porto. Il booster ha fatto le manovre pre-programmate, ma non ha tentato l'atterraggio.[59] Non programmato
22 18 Aprile 2018 TESS Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione TESS. Questo è stato il tredicesimo atterraggio avvenuto con successo su una ASDS.[60] OCISLY Riuscito
23 11 Maggio 2018 Bangabandhu-1 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Bangabandhu-1. Questo è stato il primo volo di un Falcon 9 Block 5 e, complessivamente, il venticinquesimo recupero di un booster.[61] OCISLY Riuscito
24 22 Luglio 2018 Telstar 19V Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Telstar 19V. OCISLY Riuscito
25 25 Luglio 2018 Iridium 7 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su JRTI dopo il lancio della missione Iridium 7. JRTI Riuscito
26 7 Agosto 2018 Merah Putih Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Merah Puith. OCISLY Riuscito
27 15 Novembre 2018 Es'hail-2 Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Es'hail-2. OCISLY Riuscito
Es'hail-2 Mission (32248947038).jpg
28 3 Dicembre 2018 SSO-A Il primo stadio del Falcon 9 è atterrato su JRTI dopo il lancio della missione SSO-A, segnando la prima volta che un booster è atterrato 3 volte. JRTI Riuscito
Spaceflight SSO-A Mission (46227271292).jpg

2019[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
29 11 Gennaio 2019 Iridium 8 Il primo stadio del Falcon 9 B1049 è atterrato su JRTI dopo il lancio della missione Iridium 8. JRTI Riuscito
30 22 Febbraio 2019 Nusantara Satu/Beresheet/ S5 Il primo stadio del Falcon 9 B1048 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Nusantara Satu, Beresheet & S5. OCISLY Riuscito
Nusantara Satu Mission (47130341432).jpg
31 2 Marzo 2019 SpX-DM1 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.1 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione SpX-DM1 (Spacex Demonstration Mission 1).[62] OCISLY Riuscito
Crew Demo-1 Mission (46386035545).jpg
32 11 Aprile 2019 Arabsat-6A Il booster centrale del Falcon Heavy B1055.1 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Arabsat-6A. Questo è stato il primo atterraggio riuscito di un booster centrale usato in un Falcon Heavy. Anche i booster laterali sono atterrati sulle rispettive piazzole di terra. Tuttavia, la squadra di recupero non è riuscita a fissare il booster centrale sulla chiatta a causa del mare mosso e il propulsore è caduto in mare.[63] OCISLY Riuscito
Il booster B1055.1 durante l'atterraggio.
33 4 Maggio 2019 SpaceX CRS-17 Il primo stadio del Falcon 9 B1056.1 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione SpaceX CRS-17. L'atterraggio era originariamente previsto per la Landing Zone 1, ma è stato cambiato dopo l'esplosione durante un test di una capsula Crew Dragon sulla LZ1. Il lancio del CRS-17 è stato posticipato a causa di problemi al generatore sulla chiatta. OCISLY Riuscito
34 24 Maggio 2019 Starlink L0 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.3 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L0 che ha posizionato in orbita LEO 60 satelliti Starlink.[64] OCISLY Riuscito
35 25 Giugno 2019 Space Test Program Flight 2 Il booster centrale del Falcon Heavy della missione STP-2 non è riuscito ad atterrare su OCISLY a causa della mancanza di controllo dovuta ad un guasto del thrust vectoring control del motore centrale. I booster laterali sono atterrati con successo sulle piazzole a terra.[65] OCISLY Fallito
36 11 Novembre 2019 Starlink L1 Il primo stadio del Falcon 9 B1048.4 è atterrato su OCISLY dopo il lancio della seconda missione Starlink che ha portato in orbita LEO altri 60 satelliti. Questa è stata la prima volta che il booster di un Falcon 9 è riuscito ad effettuare 4 voli e 4 atterraggi con successo.[66] OCISLY Riuscito
37 5 Dicembre 2019 SpaceX CRS-19 Il primo stadio del Falcon 9 B1059.1 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione commerciale di rifornimento della ISS, SpaceX CRS-19.[67] OCISLY Riuscito
38 16 Dicembre 2019 JSAT-18 Il primo stadio del Falcon 9 B1056.3 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione JSAT-18. È stato il terzo volo e atterraggio di questo booster. OCISLY Riuscito

2020[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
39 7 Gennaio 2020 Starlink L2 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.4 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L2, che ha portato in orbita il terzo gruppo di satelliti Starlink.[68] OCISLY Riuscito
40 29 Gennaio 2020 Starlink L3 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.3 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L3, partita da Cape Canaveral (SLC-40), che ha portato in orbita il quarto gruppo di satelliti Starlink.[68] OCISLY Riuscito
41 17 Febbraio 2020 Starlink L4 Il primo stadio del Falcon 9 B1056.4 ha effettuato un atterraggio morbido in acqua dopo il lancio della missione Starlink L4, che ha portato in orbita il quinto gruppo di satelliti Starlink. Il fallimento dell'atterraggio sulla ASDS ha segnato il primo tentativo fallito di atterraggio di un booster riutilizzato.[69] OCISLY Fallito
42 18 Marzo 2020 Starlink L5 Il primo stadio del Falcon 9 B1048.5 non è riuscito ad atterrare su OCISLY a causa di un'anomalia al motore durante il lancio.

Dopo un'interruzione del lancio a T-0s dovuta a dati fuori standard durante un controllo della potenza del motore, il 15 marzo 2020[70], il lancio è stato rinviato al 18 marzo 2020. A T+2:22 si è verificato un arresto del motore, il secondo mai avvenuto su un volo Falcon 9 dopo il CRS-1.

Ha eseguito normalmente l'accensione dei motori in entrata, ma poi a T+7:30 si è interrotta l'alimentazione del downlink dei dati telemetrici.

Si presume che il booster si sia rotto nell'atmosfera o si sia schiantato nell'oceano.

È stato poi confermato da Elon Musk su Twitter che una piccola quantità di alcool isopropilico è rimasta intrappolata in un sensore di pressione e si è incendiata durante il volo.[71]

OCISLY Fallito
43 22 Aprile 2020 Starlink L6 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.4 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L-6. È stato il quarto volo e atterraggio di questo booster.[72] OCISLY Riuscito
44 30 Maggio 2020 Crew Dragon Demo-2 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.1 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Spx-DM2 (Crew Dragon Demo-2). È stata la prima missione con equipaggio per Spacex e B1058.1 è stato il primo booster di un Falcon 9 a portare degli astronauti in orbita e a atterrare con successo.[73] OCISLY Riuscito
45 3 Giugno 2020 Starlink L7 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.5 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L7. È stata solo la seconda volta che un booster del Falcon 9 è stato riutilizzato 5 volte.[74] JRTI Riuscito
46 13 Giugno 2020 Starlink L8 Il primo stadio del Falcon 9 B1059.3 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L8. È stato il terzo volo e atterraggio di questo booster.[75] OCISLY Riuscito
47 30 Giugno 2020 GPS III SV03 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.1 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione GPS III SV03.[76] JRTI Riuscito
48 20 Luglio 2020 ANASIS-II Il primo stadio del Falcon 9 B1058.2, il booster che è stato usato nella missione Crew Dragon Demo 2, è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione ANASIS-II.[77] JRTI Riuscito
49 7 Agosto 2020 Starlink L9 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.5 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L9. È stata la terza volta che un booster del Falcon 9 è stato riutilizzato 5 volte.[78] OCISLY Riuscito
50 18 Agosto 2020 Starlink L10 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.6 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L10. Il B1049 è il primo booster di un Falcon 9 ad aver volato 6 volte.[79] OCISLY Riuscito
51 3 Settembre 2020 Starlink L11 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.2 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L11.[80] OCISLY Riuscito
52 6 Ottobre 2020 Starlink L12 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.3 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L12.[81] OCISLY Riuscito
53 18 Ottobre 2020 Starlink L13 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.6 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L13. È stata la seconda volta che un booster del Falcon 9 è stato riutilizzato 6 volte. Tra le missioni precedenti ricordiamo la missione Demo-1 per la certificazione della capsula Dragon per il trasporto degli astronauti sulla ISS.[82] OCISLY Riuscito
54 24 Ottobre 2020 Starlink L14 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.3 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L14. Questo è stato il 100° lancio avvenuto con successo e il 45° volo a riutilizzare un booster.[83] JRTI Riuscito
55 6 Novembre 2020 GPS-III SV04

(Sacagawea)

Il primo stadio del Falcon 9 B1062.1 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio del quarto satellite della nuova tecnologia di posizionamento GPS-IIIA.[84] OCISLY Riuscito
56 16 Novembre 2020 Crew-1(Crew Dragon C207 Resilience) Il primo stadio del Falcon 9 B1061.1 è atterrato con successo su JRTI dopo aver portato in orbita la capsula Crew Dragon Resilience con, all'interno, gli astronauti Mike Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker e Soichi Noguchi diretti verso la ISS. JRTI Riuscito
57 25 Novembre 2020 Starlink L15 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.7 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L15. Il B1049 è il primo booster di un Falcon 9 ad aver volato 7 volte.[85] OCISLY Riuscito
58 6 Dicembre 2020 SpaceX CRS-21 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.4 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione CRS-21. Questo è stato il primo lancio della nuova capsula Cargo Dragon 2 che raggiungerà la ISS dopo 26 ore di volo libero.[86] OCISLY Riuscito
59 13 Dicembre 2020 SXM-7 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.7 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione SXM-7.[87] Questo è il secondo booster che è riuscito ad effettuare con successo 7 voli e atterraggi, il primo è stato il B1049.7. JRTI Riuscito

2021[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Missione Descrizione dell'atterraggio sulla ASDS ASDS utilizzata Risultato dell'atterraggio Immagini
60 6 Gennaio 2021 Türksat 5A Il primo stadio del Falcon 9 B1060.4 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Türksat 5A. Questo è stato il primo lancio del 2021, avvenuto con successo. Il booster B1060.4 aveva precedentemente portato in orbita il satellite GPSIII SV03 e due gruppi di satelliti Starlink.[88] JRTI Riuscito
10 20 Gennaio 2021 Starlink L16 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.8 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L16. Il B1051 è il primo booster di un Falcon 9 ad aver volato 8 volte.[85] JRTI Riuscito
62 24 Gennaio 2021 Transporter-1 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.5 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Transporter-1. Questo è stato il primo lancio in rideshare di SpaceX, avvenuto con successo. Il booster B1058.5, al suo quinto volo, aveva precedentemente portato in orbita la missione Demo-2 e ANASIS-II.[89] OCISLY Riuscito
63 4 Febbraio 2021 Starlink L18 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.5 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L18.[90] OCISLY Riuscito
64 16 Febbraio 2021 Starlink L19 Il primo stadio del Falcon 9 B1059.6 doveva inizialmente atterrare su OCISLY, ma dopo l'accensione dei motori all'ingresso in atmosfera sono stati persi i collegamenti con il booster, che si è inabissato nell'oceano atlantico, probabilmente esplodendo all'impatto, non lontano da OCISLY. Questo è stato il primo fallimento nell'atterraggio di un booster da marzo 2020.[91] OCISLY Fallito
65 04 Marzo 2021 Starlink L17 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.8 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L17.[92] OCISLY Riuscito
66 11 Marzo 2021 Starlink L20 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.6 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L20.[93] JRTI Riuscito
67 14 Marzo 2021 Starlink L21 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.9 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L21. Il B1051 è il primo booster ad aver volato 9 volte.[94] OCISLY Riuscito
68 24 Marzo 2021 Starlink L22 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.6 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L22.[95] OCISLY Riuscito
69 07 Aprile 2021 Starlink L23 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.7 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L23. Per la prima volta l'atterraggio del booster sulla ASDS è stato trasmesso nella livestream ufficiale dalle telecamere a bordo del booster stesso[96] OCISLY Riuscito
70 23 aprile 2021 Crew-2(Crew Dragon C206 Endeavour) Il primo stadio del Falcon 9 B1061.2 è atterrato con successo su OCISLY dopo aver portato in orbita la capsula Crew Dragon Endeavour con, all'interno, gli astronauti Robert Kimbrough, Megan McArthur, Thomas Pesquet e Akihiko Hoshide diretti verso la ISS. Questa è stata la prima missione con astronauti a bordo a vedere coinvolti un booster e una capsula riutilizzata OCISLY Riuscito
71 29 aprile 2021 Starlink L24 Il primo stadio del Falcon 9 B1060.7 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L24.[97] JRTI Riuscito
72 4 maggio 2021 Starlink L25 Il primo stadio del Falcon 9 B1049.9 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L25.[98] OCISLY Riuscito
73 9 maggio 2021 Starlink L27 Il primo stadio del Falcon 9 B1051.10 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L27 OCISLY Riuscito
74 15 maggio 2021 Starlink L26 Il primo stadio del Falcon 9 B1058.8 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione Starlink L27 OCISLY Riuscito
75 26 maggio 2021 Starlink L28 Il primo stadio del Falcon 9 B1063.2 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione Starlink L28 JRTI Riuscito
76 3 giugno 2021 SpaceX CRS-22 Il primo stadio del Falcon 9 B1067.1 è atterrato con successo su OCISLY dopo il lancio della missione CRS-22 OCISLY Riuscito
77 6 giugno 2021 Sirius XM Il primo stadio del Falcon 9 B1061.2 è atterrato con successo su JRTI dopo il lancio della missione SXM 8 JRTI Riuscito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) SpaceX’s Autonomous Spaceport Drone Ship ready for action, su nasaspaceflight.com.
  2. ^ (EN) Pad 39A – SpaceX laying the groundwork for Falcon Heavy debut, su nasaspaceflight.com.
  3. ^ a b c d (EN) SpaceX's Autonomous Spaceport Drone Ship ready for action, su NASASpaceFlight.com, 25 novembre 2014. URL consultato il 17 agosto 2020.
  4. ^ a b (EN) Next Falcon 9 Launch Could See First-stage Platform Landing, su SpaceNews, 25 ottobre 2014. URL consultato il 13 agosto 2020.
  5. ^ a b Elon Musk on Twitter: "Autonomous spaceport drone ship. Thrusters repurposed from deep sea oil rigs hold position within 3m even in a storm. http://t.co/wJFOnGdt9w", su web.archive.org, 25 novembre 2014. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2014).
  6. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 8 gennaio 2015. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2015).
  7. ^ (EN) Stephen Clark, Photos: SpaceX’s autonomous spaceport drone ship – Spaceflight Now, su spaceflightnow.com. URL consultato il 13 agosto 2020.
  8. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/558665265785733120, su Twitter. URL consultato il 13 agosto 2020.
  9. ^ a b c https://twitter.com/elonmusk/status/558703223909781505, su Twitter. URL consultato il 14 agosto 2020.
  10. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/560909571691380736, su Twitter. URL consultato il 13 agosto 2020.
  11. ^ (EN) Mike Wall 04 February 2015, Elon Musk Names SpaceX Drone Ships in Honor of Sci-Fi Legend, su Space.com. URL consultato il 13 agosto 2020.
  12. ^ a b c d e f g (EN) SpaceX Augments and Upgrades Drone Ship Armada, su NASASpaceFlight.com, 18 giugno 2015. URL consultato il 13 agosto 2020.
  13. ^ (EN) SpaceX to attempt five recoveries in less than two weeks as fleet activity ramps up, su NASASpaceFlight.com, 19 luglio 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  14. ^ a b (EN) SpaceX Launches Eighth Starlink Mission, Read The Instructions With East Coast Droneship Debut, su NASASpaceFlight.com, 3 giugno 2020. URL consultato il 14 agosto 2020.
  15. ^ (EN) SpaceX Rocket Makes Spectacular Landing on Drone Ship, su Science, 8 aprile 2016. URL consultato il 14 agosto 2020.
  16. ^ Sean Potter, NASA Astronauts Launch from America in Test of SpaceX Crew Dragon, su NASA, 30 maggio 2020. URL consultato il 14 agosto 2020.
  17. ^ Spacex Demo-2, su launch360.space. URL consultato il 14 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2020).
  18. ^ (EN) Just Read the Instructions - Booster Recovery, su SpaceXFleet.com. URL consultato il 14 agosto 2020.
  19. ^ (EN) SpaceX Planning To Base Rocket, Spacecraft Retrieval At Port Of Los Angeles, su losangeles.cbslocal.com, 18 giugno 2015. URL consultato il 14 agosto 2020.
  20. ^ (EN) Groundbreaking partnership announced between SpaceX, AltaSea in San Pedro, su Redlands Daily Facts, 18 giugno 2015. URL consultato il 14 agosto 2020.
  21. ^ (EN) Final SpaceX Falcon 9 v1.1 successfully launches Jason-3, su NASASpaceFlight.com, 17 gennaio 2016. URL consultato il 14 agosto 2020.
  22. ^ (EN) Andy Pasztor, SpaceX Stumbles, as Booster Landing Fails, in Wall Street Journal, 17 gennaio 2016. URL consultato il 14 agosto 2020.
  23. ^ Azadeh Ansari and Jackie Wattles CNN, SpaceX returns to flight, nails rocket landing, su CNN. URL consultato il 14 agosto 2020.
  24. ^ "SpaceX sends Falcon 9's West Coast drone ship to the Panama Canal in surprise move", su teslarati.com.
  25. ^ https://twitter.com/nexthorizonssf/status/1204496825501323266, su Twitter. URL consultato il 14 agosto 2020.
  26. ^ SPACEX SVELA LA NUOVA, SPETTACOLARE "NAVE DRONE" PER L'ATTERRAGGIO IN MARE DEI FALCON 9, in everyeye.it, 12 luglio 2021. URL consultato il 12 luglio 2021.
  27. ^ (EN) Emre Kelly, Elon Musk: New SpaceX drone ship, A Shortfall of Gravitas, coming to East Coast, su Florida Today. URL consultato il 14 agosto 2020.
  28. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/1023073822080098304, su Twitter. URL consultato il 14 agosto 2020.
  29. ^ (EN) James Dean, SpaceX to attempt Falcon 9 booster landing on floating platform, su Florida Today. URL consultato il 17 agosto 2020.
  30. ^ Portable Dynamic Positioning System | DP-0 to DP-3 |Thrustmaster, su web.archive.org, 7 dicembre 2014. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2014).
  31. ^ a b (EN) SpaceX readies rocket for station launch, barge landing, su cbsnews.com. URL consultato il 17 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Pad 39A - SpaceX laying the groundwork for Falcon Heavy debut, su NASASpaceFlight.com, 17 novembre 2014. URL consultato il 17 agosto 2020.
  33. ^ Gwynne Shotwell comments at Commercial Space Transportation Conference Voli spaziali commerciali. L'evento si svolge alle 2:43:15-3:10:05. Recuperato il 4 febbraio 2016. A proposito, quelle sono telecamere GoPro, tecnologia incredibile. Ne facciamo volare molte. ... Il nostro terzo tentativo di atterrare su una nave drone... lo scorso gennaio... abbiamo bloccato l'atterraggio, l'abbiamo bloccato e poi l'abbiamo sbloccato... Adoro questi video. Penso che questi video siano fantastici! Si impara così tanto da questa attività. ... per tutti voi bisbetici che dite che è stato un fallimento, vi sbagliate di grosso. Siamo atterrati. Ci siamo rotti una gamba. Abbiamo imparato un po'. E atterreremo di nuovo. ... questa è la versione precedente del razzo. Le gambe di atterraggio non erano così robuste... di un'epoca precedente.
  34. ^ (EN) SpaceX Autonomous Spaceport Drone Ship Sets Sail for Tuesday’s CRS-5 Rocket Landing Attempt, su AmericaSpace, 4 gennaio 2015. URL consultato il 17 agosto 2020.
  35. ^ (EN) Falcon 9 first stage sails into Port Canaveral atop ASDS - ahead of big plans, su NASASpaceFlight.com, 12 aprile 2016. URL consultato il 17 agosto 2020.
  36. ^ 29 June 2017 SpaceX debuts 'Optimus Prime' Robot, successfully recovers Falcon 9 1029 for the second time Teslarati, su teslarati.com.
  37. ^ (EN) r/spacex - Comment by u/krystar78 on ”Photos of Falcon 9 B1029.2 entering Port Canaveral, with the roomba visible beneath the rocket. Credit: Michael Seeley / We Report Space”, su reddit. URL consultato il 17 agosto 2020.
  38. ^ (EN) Octagrabber - Booster Recovery, su SpaceXFleet.com. URL consultato il 17 agosto 2020.
  39. ^ (EN) Close, but no Cigar this Time, su vine.co.
  40. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/565659578915115011, su Twitter. URL consultato il 17 agosto 2020.
  41. ^ (EN) See SpaceX's Rocket-Landing Near Miss in This Amazing Video, su Space.com.
  42. ^ Alberto Zampieron, Falcon 9 (Dragon CRS-7) esploso durante il lancio, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  43. ^ Marco Zambianchi, SpaceX lancia Jason-3, ma il primo stadio del Falcon 9 non ce l’ha fatta, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  44. ^ Alberto Zampieron, [Aggiornato] Lanciato con successo SES-9 ma fallito l’atterraggio su chiatta, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  45. ^ Paolo Baldo, SpaceX: lanciata la missione Dragon CRS-8, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  46. ^ Marco Zambianchi, SpaceX lancia JCSAT-14 e recupera il primo stadio, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  47. ^ Marco Zambianchi, SpaceX lancia Thaicom-8 e recupera ancora il primo stadio, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  48. ^ Paolo Actis, Falcon 9 lancia due satelliti, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  49. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/743096769001578498, su Twitter. URL consultato il 17 agosto 2020.
  50. ^ Marco Zambianchi, Falcon 9 lancia con successo JCSAT-16, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  51. ^ Valeria Parnenzini, Terminato con successo il lancio di Iridium-1 per SpaceX, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  52. ^ Roberto Mastri, SpaceX completa con successo lo storico volo di un primo stadio usato, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  53. ^ Roberto Mastri, SpaceX mette in orbita BulgariaSat-1 con un Falcon 9 usato, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  54. ^ Valeria Parnenzini, Al via la missione SpaceX Formosat-5, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  55. ^ Marco Zambianchi, SpaceX porta in orbita altri 10 satelliti Iridium NEXT, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  56. ^ Luca Frigerio, Danneggiata la chiatta di SpaceX dopo il lancio del SES-11, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  57. ^ Massimo Orgiazzi, SpaceX lancia Koreasat-5A e completa sedici lanci nel 2017, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  58. ^ Spacex News Conference, su youtube.com.
  59. ^ SpaceX (5 marzo 2018), su spacex.com.
  60. ^ Giuseppe Corleo, Pronta al lancio TESS, la nuova missione della NASA alla ricerca di esopianeti, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  61. ^ Roberto Mastri, SpaceX: debutto perfetto per il Falcon 9 Block 5, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  62. ^ Marco Zambianchi, Missione compiuta per SpaceX: la Crew Dragon è rientrata con successo, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  63. ^ Marco Zambianchi, SpaceX fa tripletta: lanciato Arabsat-6A e recuperati tutti i booster, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  64. ^ Space X, lanciati 60 satelliti per internet veloce, su la Repubblica, 24 maggio 2019. URL consultato il 17 agosto 2020.
  65. ^ "SpaceX CEO Elon Musk explains why Falcon Heavy's center core missed the drone ship", su teslarati.com.
  66. ^ https://twitter.com/spacex/status/1193907618575552514, su Twitter. URL consultato il 17 agosto 2020.
  67. ^ Gianmarco Vespia, Studenti dell’ITIS di Firenze mandano un esperimento sulla ISS con SpaceX CRS-19, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  68. ^ a b Marco Carrara, 240 satelliti Starlink in orbita? Non proprio…, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  69. ^ (EN) SpaceX successfully conducts fifth Starlink launch - booster misses drone ship, su NASASpaceFlight.com, 17 febbraio 2020. URL consultato il 17 agosto 2020.
  70. ^ https://twitter.com/spacex/status/1239182848076075009, su Twitter. URL consultato il 17 agosto 2020.
  71. ^ https://twitter.com/elonmusk/status/1252985622219960327, su Twitter. URL consultato il 17 agosto 2020.
  72. ^ (EN) Starlink 6 | Falcon 9 Block 5 | Prelaunch Preview, su Everyday Astronaut, 21 aprile 2020. URL consultato il 17 agosto 2020.
  73. ^ (EN) Mike Wall 03 June 2020, SpaceX rocket returns to shore after historic astronaut launch (photos), su Space.com. URL consultato il 17 agosto 2020.
  74. ^ Marco Zambianchi, SpaceX di nuovo in volo: lanciati altri 60 Starlink, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  75. ^ Marco Zambianchi, Ancora centro per SpaceX: in orbita 58 Starlink e 3 SkySat, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  76. ^ Marco Vezzoli, SpaceX lancia con successo un satellite GPS III per la US Space Force, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  77. ^ Marco Zambianchi, SpaceX fa tripletta con la missione militare ANASIS-II, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  78. ^ Marco Zambianchi, Starlink 9: SpaceX lancia 57 Starlink e 2 BlackSky, su AstronautiNEWS. URL consultato il 17 agosto 2020.
  79. ^ [2020-08-18] Falcon 9 Block 5 | Starlink 10, su ForumAstronautico.it, 12 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020.
  80. ^ Marco Zambianchi, SpaceX avanti tutta: lanciati 118 Starlink in 20 giorni, su AstronautiNEWS. URL consultato il 3 settembre 2020.
  81. ^ Marco Zambianchi, Starlink 12: SpaceX immette in orbita altri 60 satelliti, su AstronautiNEWS. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  82. ^ Marco Zambianchi, SpaceX lancia altri 60 satelliti con Starlink 13, su AstronautiNEWS. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  83. ^ (EN) Danny Lentz, SpaceX launches second Starlink mission of the week, su NASASpaceFlight.com, 24 ottobre 2020. URL consultato il 25 ottobre 2020.
  84. ^ Marco Zambianchi, SpaceX lancia il satellite GPS III SV04, su AstronautiNEWS. URL consultato il 15 novembre 2020.
  85. ^ a b (EN) Tobias Corbett, SpaceX conducts multi-milestone flight and launch of 16th round of Starlinks, su NASASpaceFlight.com, 24 novembre 2020. URL consultato il 25 novembre 2020.
  86. ^ Marco Zambianchi, SpaceX inaugura la nuova Cargo Dragon con CRS2 SpX-21, su AstronautiNEWS. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  87. ^ (EN) Lee Kanayama, Trevor Sesnic, SXM-7: SpaceX launches 25th Falcon 9 launch of the year, su NASASpaceFlight.com, 13 dicembre 2020. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  88. ^ Turksat 5A, su everydayastronaut.com.
  89. ^ Transporter-1, su everydayastronaut.com.
  90. ^ Starlink 18, su everydayastronaut.com.
  91. ^ (EN) Danny Lentz, SpaceX successfully launches Starlink v1.0 L19 mission, loses first stage during landing, su NASASpaceFlight.com, 15 febbraio 2021. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  92. ^ (EN) Starlink 17 | Falcon 9 Block 5, su Everyday Astronaut, 5 marzo 2021. URL consultato il 22 marzo 2021.
  93. ^ (EN) Starlink 20 | Falcon 9 Block 5, su Everyday Astronaut, 12 marzo 2021. URL consultato il 22 marzo 2021.
  94. ^ (EN) Starlink 21 | Falcon 9 Block 5, su Everyday Astronaut, 14 marzo 2021. URL consultato il 22 marzo 2021.
  95. ^ (EN) Starlink 22 | Falcon 9 Block 5, su Everyday Astronaut, 24 marzo 2021. URL consultato il 7 aprile 2021.
  96. ^ (EN) Lee Kanayama, SpaceX launches Starlink v1.0 L23 mission, su NASASpaceFlight.com, 7 aprile 2021. URL consultato il 7 aprile 2021.
  97. ^ Marco Zambianchi, Altri 60 satelliti in orbita con la missione Starlink 24, su AstronautiNEWS. URL consultato il 6 maggio 2021.
  98. ^ Marco Zambianchi, Starlink-25 porta in orbita altri 60 satelliti, visibili anche dall’Italia, su AstronautiNEWS. URL consultato il 6 maggio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]