Merlin (motore a razzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Merlin
SpaceX Merlin engine.gif

Motore Merlin smontato (v1A)
Paese di origine Stati Uniti Stati Uniti
Primo volo 24 marzo 2006
Principale costruttore SpaceX
Successore Merlin 2 (annunciato)
Status In uso (Versione 1D+)
Motore a propellente liquido
Propellente Ossigeno liquido / RP-1
Ciclo a generatore di gas
Pompe 1
Usato in
tutti i razzi Falcon

Merlin è un motore a razzo sviluppato dalla SpaceX per i suoi lanciatori Falcon 1 e Falcon 9, inoltre è pianificato il suo utilizzo per il vettore Falcon Heavy. Utilizza come propellenti il cherosene RP-1 (una forma molto raffinata di cherosene) e l'ossigeno liquido in un ciclo a generazione di gas.

I propellenti sono iniettati attraverso un unico condotto da una turbopompa, che provvede anche a fornire il cherosene ad alta pressione per gli attuatori idraulici. Questo cherosene viene poi riciclato nell'entrata a bassa pressione, eliminando la necessità di un sistema idraulico separato; non è quindi possibile il blocco del controllo del vettore di spinta per mancanza di liquido idraulico.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Merlin 1A[modifica | modifica wikitesto]

Il Merlin 1A è la prima versione di motore Merlin, e utilizza un ugello di scarico in materiale composito di fibra di carbonio economico, raffreddato ad ablazione e non recuperabile, produceva 340 kN di spinta. Questa versione ha volato solo due volte, entrambe sul primo stadio di un Falcon 1.[1][2] La prima il 24 marzo 2006, quando però prese fuoco a causa di una fuoriuscita di carburante poco dopo il lancio, che quindi fallì. Secondo un comitato governativo incaricato di indagare sull'accaduto, l'incidente è da imputarsi a un dado rotto.[3][4] Il secondo volo avvenne il 21 marzo 2007, e fu un successo.[5]

Merlin 1B[modifica | modifica wikitesto]

Il Merlin 1B era una versione migliorata del motore Merlin 1A. Il miglioramento delle turbopompe (che nonostante i miglioramenti pesavano ancora circa 70 kg) era stato affidato alla Barber-Nichols Inc.[6] ed era previsto il suo utilizzo per il Falcon 1, sarebbe stato in grado di produrre 380 kN di spinta.[7] I miglioramenti includevano una turbina migliorata (con una potenza di 1860 kW rispetto ai 1490 kW della versione 1A) che poteva raggiungere i 22000 rpm[8] e un ugello più grande.[7] Erano previsti iniettori di carburante molto più grandi sia per l'ossigeno liquido che per il cherosene.[7]

Anche il Falcon 5 avrebbe dovuto essere spinto da sei di questi motori, cinque al primo stadio e uno al secondo, al posto dei due Kestrel precedentemente pianificati, ma dopo le esperienze con i primi voli del Falcon 1 la SpaceX decise di passare allo sviluppo della Merlin 1C, che sfruttava il raffreddamento rigenerativo dell'ugello;[7] quindi il Merlin 1B non è mai stato utilizzato per un lanciatore.[9]

Merlin 1C[modifica | modifica wikitesto]

Il Merlin 1C è il primo Merlin a impiegare la tecnologia del raffreddamento rigenerativo[9] che con 45 kg di cherosene al secondo assorbe fino a 10 megawatt di energia termica dalle pareti della camera di combustione e dell'ugello per evitare che vengano distrutte dai gas caldi.[10] La turbopompa è la stessa del Merlin 1B con modifiche minori. Nel novembre 2007 è stato per la prima volta testato con un'accensione della durata di una missione nominale,[11] 170 secondi, e ha per la prima volta volato in una missione operativa nell'agosto 2008,[12] portando in orbita il primo veicolo a propellente liquido interamente finanziato da privati durante in quarto volo del Falcon 1,[12] mentre nel giugno 2010 portò in orbita il Falcon 9 v1.0 nel suo volo inaugurale.[13]

Un Merlin 1C era anche stato usato durante il terzo volo non riuscito del Falcon 1. Discutendo del fallimento Elon Musk affermò che il motore, che avrebbe dovuto essere usato anche sul nuovo Falcon 9, si era comportato perfettamente.

Secondo la configurazione usata per il Falcon 1, il Merlin 1C aveva una spinta al decollo di 350 kN, una spinta nel vuoto di 400 kN e un'ISP di 304 s. In questa configurazione ogni motore consumava 140 kg di propellenti al secondo. Prove di accensione hanno confermato che il motore può stare acceso per 27 minuti (sommando test diversi), che equivalgono a circa dieci voli di un Falcon 1.[9][14]

Il 7 ottobre 2012 il motore numero 1 della missione CRS-1 subì un'anomalia a 1:20 minuti dal decollo, subito dopo il punto di massima pressione dinamica, ulteriori indagini interne scoprirono che il motore si era spento a causa di una perdita di pressione ed era solo andata distrutta una protezione aerodinamica, generando i detriti visibili nel video del lancio; il motore non esplose, infatti i controllori di volo continuarono a ricevere i dati di telemetria durante il resto del volo. La missione primaria non fu affetta dall'anomalia, poiché da procedura i restanti otto motori sono stati in grado di aggiustare la traiettoria, ma il carico secondario non è riuscito a raggiungere l'orbita per via dell'alta probabilità che avevano di collidere con la ISS.[15][16]

La SpaceX progettava una versione da 560 kN del Merlin 1C da usare sul Falcon 9 block II e sul Falcon 1e. Questi lanciatori e questa versione furono abbandonati in favore del più avanzato Merlin 1D e del più potente Falcon 9 v1.1.[17]

Merlin 1C Vacuum[modifica | modifica wikitesto]

Un Merlin 1C Vacuum senza l'ugello

Nel marzo 2009 un comunicato SpaceX annunciò i test avvenuti con successo della versione Vacuum (Vuoto) del Merlin 1C, praticamente una versione del motore ottimizzata per il vuoto, con ugello significativamente più ampio per massimizzare l'espansione dei gas nel vuoto. La camera di combustione è raffreddata grazie al raffreddamento rigenerativo, mentre l'ugello, lungo quasi tre metri e costruito con una lega a base di niobio, sfrutta il calore radiante.[18] Il motore sviluppa una spinta nel vuoto di 411 kN[19] ed ha un ISP di 342 s. Il primo motore prodotto fu sottoposto a un test di accensione completa, della stessa durata di una normale missione (329 s), integrato a un secondo stadio di un Falcon 9 il 2 gennaio 2010[18] mentre ha volato per la prima volta sul volo inaugurale del Falcon 9 v1.0 il 4 giugno 2010. A piena potenza questo era il motore più efficiente prodotto negli Stati Uniti che utilizza come combustibile l'RP-1 è stato superato solo dalla versione 1D Vacuum del motore.[18]

Un test non programmato di un motore fu fatto nel dicembre 2010, poco prima del secondo volo del Falcon 9 furono scoperte due crepe sull'ugello del motore del secondo stadio.[20] La soluzione adottata dagli ingegneri fu di tagliare via il metro inferiore dell'ugello, poiché la performance extra non sarebbe stata necessaria per la missione. Anche con l'ugello accorciato il secondo stadio piazzò il carico ad un'altezza di 300 km.[21]

Merlin 1D[modifica | modifica wikitesto]

Il Merlin 1D è stato in sviluppo fino al 2012, ed è stato originariamente (nell'aprile 2011) progettato per fornire una spinta a livello del mare di 850 kN.[22] Durante la conferenza AIAA Propulsion Conference (un evento dell'American Institute of Aeronautics and Astronautics) del 2011 Tom Mueller della SpaceX ha rivelato che il motore avrebbe avuto una spinta nel vuoto di 690 kN, un vacuum specific impulse (Isp) di 310 s e un rapporto di espansione di 16, invece che di 14.5 come nel Merlin 1C. Una nuova caratteristica di questo motore sarà la capacità di accelerare dal 100% al 70%; in questo modo si potrà regolare la spinta semplicemente diminuendo la potenza dei motori, invece di spegnerli.[23][24] Le ultime versioni del motore erano in grado di diminuire la spinta fino al 40%.[25]

Gli obbiettivi raggiunti dal progetto furono un'aumentata affidabilità (è stata aumentata la resistenza alla fatica e la resistenza termica della camera di combustione e dell'ugello), migliori performance (spinta di 620 kN e un impulso specifico di 310 s), e una procedura di produzione più semplice (un numero inferiore di componenti e un tempo di assemblaggio minore).[26]

Quando sono state completate le procedure di qualifica nel giugno 2012, la SpaceX ha annunciato che il motore ha completato con successo un'accensione di prova della durata di una normale missione, 185 secondi, producendo una spinta di 650 kN e confermando il rapporto peso/potenza di 150.[27] Nel novembre del 2012 la sezione dedicata al Merlin sulla pagina del Falcon 9 affermava che il motore aveva una spinta di 650 kN al al lancio e di 720 kN nel vuoto, mentre l'impulso specifico sarebbe rispettivamente di 282 s e 311 s,[28] il motore avrebbe così il più alto impulso specifico mai raggiunto da un motore con un ciclo a generatore di gas alimentato con cherosene. Il 20 marzo 2013 la SpaceX ha annunciato che il Merlin 1D ha raggiunto la certificazione al volo. Nel giugno 2013 il primo Falcon 9 v1.1 a usare la versione 1D ha completato i test.[29]

Il primo volo dei Merlin 1D è avvenuto a bordo del lancio del satellite CASSIOPE per conto per l'agenzia spaziale canadese. Il CASSIOPE, un satellite di 360 kg adibito a ricerche meteorologiche e comunicazioni, è stato lanciato in un'orbita quasi polare bassa. Il secondo volo fu il lancio del satellite SES-8 in un'orbita di trasferimento geostazionaria.[30][31]

Il 24 novembre 2013, durante una teleconferenza di SpaceX e SES sul lancio di SES-8, Elon Musk ha annunciato che il motore stava operando all'85% del suo potenziale, è stato anche anticipato che la spinta al lancio sarebbe stata aumentata a 730 kN.[32] Nel giugno 2015 Tom Muller ha scritto su Quora che il Merlin 1D ha un peso di 470 kg, attuatori inclusi, una spinta nel vuoto di 723 kN, aumentata in seguito a 825 kN senza aumentarne il peso. Questi dati danno un TWR di 158 per la prima versione e di 180 per la seconda.[33] La seconda versione, rinominata 1D+ è correntemente utilizzata a bordo del Falcon 9 Full Thrust, insieme ad altri miglioramenti. Il primo lancio del Melrin 1D+ è stato durante la ventesima missione del Falcon 9, portando in orbita 11 satelliti Orbcomm.[34]

Nel maggio 2016 la SpaceX ha annunciato piani per migliorare ulteriormente la spinta del motore a 914 kN nel vuoto e 845 kN al lancio; secondo SpaceX la spinta migliorata ha portato il carico utile del Falcon 9 verso la LEO a 22 tonnellate, senza il recupero del primo stadio.[34]

Merlin 1D Vacuum[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una versione del motore 1D adattata per operare nel vuoto, da utilizzare sul secondo stadio del Falcon 9 v1.1 e del Falcon Heavy.[24]

Alla fine del 2012, Elon Musk ha mostrato un'immagine del Merlin 1D Vacuum in funzione nella piattaforma di prova, commentando: "Il test del nostro motore più avanzato, il Merlin 1D Vacuum, mentre produce 80 tonnellate di spinta".[35] Secondo la SpaceX[36] la spinta di questa versione è pari a 934 kN e l'impulso specifico è di 348 secondi. Il miglioramento dell'impulso specifico è dovuto al maggior rapporto di espansione dell'ugello, di 165 a 1, grazie a un'espansione aggiunta ad esso. Il motore può diminuire la propria spinta fino al 39%, ovvero a 360 kN.[36][37]

Prestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione 1A[38] 1C[19] 1C Vac[19] 1D[39] 1D Vac[39] 1D+[34] 1D+ Vac[34]
Spinta Al lancio 342 kN 420 kN n/a 645 kN n/a 845 kN n/a
Vuoto 408 kN 480 kN 445 kN 716 kN 801 kN 914 kN 934 kN
Impulso Specifico Al lancio 255 s 275 s n/a 282 s n/a 282 s n/a
Vuoto 304 s 304 s 342 s 311 s 340 s 314 s 348 s
Tempo di accensione 169 s 170 s 345 s 180 s 372 s 162 s 397 s
Peso 760 kg[40] 630 kg 630 kg 450/490 kg 450/490 kg 470 kg 490 kg
Diametro 1,25 m
Regolazione potenza nessuna 60-100% 40-100%[25] 39-100% 55-100% 39-100%
Pressione nella camera di combustione 6,77 MPa 9,7 MPa >10 MPa 9,7 MPa
Il Merlin 1B non ha mai volato, per tanto non esistono dati sulle sue prestazioni effettive.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2011, la SpaceX produceva i Merlin al ritmo di otto al mese;[24] nel settembre 2013 ha aumentato la superficie della fabbrica fino a quasi 93 000 metri quadrati, e di conseguenza la produzione a 40 motori all'anno.[41] Nell'ottobre 2014, SpaceX ha annunciato di aver prodotto il suo centesimo motore Merlin 1D, e di aver portato la produzione a 4 motori la settimana.

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corso altri programmi di sviluppo di nuovi motori presso la SpaceX. Tra i prototipi ci sono un motore a idrogeno liquido in addizione alla corrente famiglia Merlin alimentata con RP-1 attualmente in produzione. Tuttavia nel 2012 Elon Musk, CEO di SpaceX ha comunicato la nuova direzione dell'azienda: sviluppare un motore alimentato da una miscela di metano e ossigeno liquido,[42] che porterebbe vantaggi economici e un miglioramento dell'impulso specifico rispetto al cherosene, senza soffrire dei difetti dell'idrogeno liquido.[43]

Merlin 2[modifica | modifica wikitesto]

Alla conferenza AIAA JPC del 30 luglio 2010 il direttore del centro sperimentale di McGregor, Tom Markusic, condivise alcune informazioni riguardo alle fasi iniziali del progetto della SpaceX del motore Merlin 2 alimentato a LOX/RP-1 con il ciclo a generatore di gas, capace di produrre 7600 kN di spinta al livello del mare e 8500 kN nel vuoto, per essere impiegato in un ipotetico lanciatore pesante. Se questo motore fosse prodotto, produrrebbe più spinta di un F-1, impiegato per lanciare il razzo Saturn V.[44]

Markusic indicò che il Merlin 2 sarebbe potuto essere qualificato al volo in tre anni per 1 miliardo di dollari.[45] A metà agosto, Elon Musk ha chiarito che, mentre l'architettura del motore Merlin 2 è stato un elemento chiave per l'obbiettivo dell'azienda di produrre un lanciatore pesante, le potenziali configurazioni proposte da Markusic non fossero altro che una serie di "idee per una discussione".[46]

In seguito all'annuncio originale non è stato reso noto alcun aggiornamento sul Merlin 2. Alla conferenza JPC del 2011, Elon Musk ha affermato che la SpaceX stava lavorando verso un motore a ciclo a combustione stadiata.[47] Nell'ottobre 2012 l'azienda ha pubblicamente annunciato un progetto per un motore molto più potente del Merlin 1, e che non userebbe l'RP-1 come propellente.[48] Il nuovo motore era progettato per essere impiegato su un nuovo razzo di SpaceX, in grado di lanciare dalle 150 alle 200 tonnellate in orbita bassa.[49]

Raptor[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Raptor (motore a razzo).

Il Raptor è un progetto di motore a razzo, attualmente in fase di progettazione, ad alte prestazioni per lo stadio superiore dei vettori Falcon 9. Questo motore sarebbe spinto da metano e ossigeno liquidi, invece che da cherosene RP-1 e ossigeno liquido. Il vantaggio in termini di spinta che comporterebbe l'utilizzo di questi propellenti permetterà di trasportare più massa in orbita ad ogni lancio.[50] Inoltre nell'ottica di future missioni marziane permetterebbe di poter produrre il carburante per il ritorno in loco una volta arrivati in quanto il sottosuolo marziano è ricco di metano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Loretta Hidalgo Whitesides, SpaceX Completes Development of Rocket Engine for Falcon 1 and 9, Wired Science, 12 novembre 2007. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  2. ^ Braddock Gaskill, SpaceX has magical goals for Falcon 9, Nasa Spaceflight, 5 agosto 2006. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  3. ^ Brian Berger, Falcon 1 Failure Traced to a Busted Nut, Space.com, 19 luglio 2006.
  4. ^ Findings of the Falcon return to flight board, SpaceX.com, 25 luglio 2006.
  5. ^ Demo Flight 2 Flight Review Update (PDF), SpaceX, 15 giugno 2007. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2008).
  6. ^ (EN) Turbopumps Supplied By Barber-Nichols Power Falcon 9 Into Orbit, su www.barber-nichols.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  7. ^ a b c d (EN) Ed Kyle, SpaceX Falcon 9 Data Sheet, su www.spacelaunchreport.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  8. ^ (DE) Bernd Leitenberger, Das Merlin Triebwerk, su www.bernd-leitenberger.de. URL consultato il 9 settembre 2016.
  9. ^ a b c (EN) Under the Hood with the SpaceX Merlin Engine – Linux Academy Blog, su linuxacademy.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  10. ^ (EN) SpaceX, News [collegamento interrotto], spacex.com, Dicembre 2007. URL consultato il 9 settembre 2016.
    «Merlin has a thrust at sea level of 95,000 lbs, a vacuum thrust of over 108,000 pounds, vacuum specific impulse of 304 seconds and sea level thrust to weight ratio of 92. In generating this thrust, Merlin consumes 350 lbs/second of propellant and the chamber and nozzle, cooled by 100 lbs/sec of kerosene, are capable of absorbing 10 MW of heat energy. A planned turbo pump upgrade in 2009 will improve the thrust by over 20% and the thrust to weight ratio by approximately 25%».
  11. ^ (EN) SPACEX COMPLETES DEVELOPMENT OF MERLIN REGENERATIVELY COOLED ROCKET ENGINE, businesswire.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  12. ^ a b (EN) Stephen Clark, Successful launch for Falcon 1 rocket, su www.spaceflightnow.com, 28 settembre 2008. URL consultato il 9 settembre 2016.
  13. ^ (EN) Boyle Alan, Shuttle successor succeeds in first test flight, nbcnews.com, 4 giugno 2010. URL consultato il 9 settembre 2016.
  14. ^ (EN) Merlin 1C, su www.astronautix.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  15. ^ (EN) spacexcmsadmin, SpaceX CRS-1 Mission Update, spacex.com, 8 ottobre 2012. URL consultato il 9 settembre 2016.
  16. ^ (EN) Stephen Clark, Orbcomm craft falls to Earth, company claims total loss, su www.spaceflightnow.com. URL consultato il 9 settembre 2016.
  17. ^ (EN) Falcon 1 Launch Vehicle Payload User’s Guide (PDF), 2008. (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2008).
  18. ^ a b c (EN) SpaceX Falcon 9 Upper Stage Engine Successfully Completes Full Mission Duration Firing, spacex.com, 10 marzo 2009. URL consultato il 10 settembre 2016.
  19. ^ a b c (EN) Falcon 9 v1.0 – Rockets, su spaceflight101.com. URL consultato il 10 settembre 2016.
  20. ^ (EN) Denise Chow, SpaceX Examines Cracked Engine Nozzle on Private Rocket, space.com. URL consultato il 10 settembre 2016.
  21. ^ (EN) SpaceX Falcon9/COTS1 Launch Delayed By Small Cracks, su www.aero-news.net. URL consultato il 10 settembre 2016.
  22. ^ William Harwood, World's biggest private space rocket planned, CBS, 5 aprile 2011. URL consultato il 24 ottobre 2011.
  23. ^ SpaceX Merlin 1D, Aviation Week, 1º agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2012).
  24. ^ a b c (EN) SpaceX Unveils Plans To Be World’s Top Rocket Maker [collegamento interrotto], in Aviation Week and Space Technology, 11 agosto 2011. URL consultato il 7 agosto 2011.
    «Revealing several new details of the 1D, Tom Mueller, propulsion engineering vice president, says the engine is designed to produce 155,000 lb. vacuum thrust and have a chamber pressure at “the sweet spot” of roughly 1,410 psia. “We’ve also increased the nozzle expansion ratio to 16 [compared with 14.5 on the Merlin 1C],” says Mueller, who adds that the initial engine “is doing better than we hoped.” The engine is designed for an Isp (specific impulse) of 310 sec. and has a thrust-to-weight ratio of 160:1. “We took structure off the engine to make it lighter. The engine we shipped [for test] to Texas was a development engine and hopefully the production engines will be even better.”».
  25. ^ a b (EN) Elon Musk on Twitter, in Twitter, 6 maggio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  26. ^ (EN) Chris Bergin, SpaceX to begin testing on Reusable Falcon 9 technology this year, su www.nasaspaceflight.com, 11 gennaio 2012. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  27. ^ (EN) SpaceX, Upgraded Falcon 9 Demonstration Mission (PDF), 2013, p. 9. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  28. ^ (EN) Falcon 9 Overview, su SpaceX.com. URL consultato il 16 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2013).
  29. ^ (EN) Chris Bergin, Reducing risk via ground testing is a recipe for SpaceX succes, su www.nasaspaceflight.com, 20 giungno 2013. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  30. ^ (EN) Zach Rosenberg, SpaceX readies upgraded engines, in Flightglobal.com, 16 marzo 2012. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  31. ^ (EN) William Graham, Falcon 9 v1.1 successfully lofts SES-8 in milestone launch, su www.nasaspaceflight.com, 3 dicembre 2013. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  32. ^ (EN) SpaceX & SES-8 Pre-Launch Conference Nov 24 2013, in Souncloud. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  33. ^ (EN) Thomas Mueller's answer to Is SpaceX's Merlin 1D's thrust-to-weight ratio of 150+ believable?, su www.quora.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  34. ^ a b c d (EN) Falcon 9 FT – Rockets, su spaceflight101.com. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  35. ^ (EN) Elon Musk on Twitter, in Twitter, 20 gennaio 2017. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  36. ^ a b (EN) SpaceX, Falcon 9, in SpaceX, 15 novembre 2012. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  37. ^ (EN) SpaceX, Falcon 9 Launch Vehicle Payload User's Guide (PDF), 21 ottobre 2015, p. 11. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  38. ^ (EN) Ed Kyle, SpaceX Falcon Data Sheet, su www.spacelaunchreport.com, 1º gennaio 2014. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  39. ^ a b (EN) Falcon 9 v1.1 & F9R – Rockets, su spaceflight101.com. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  40. ^ (EN) Merlin 1A, su www.astronautix.com. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  41. ^ Production at SpaceX, spacex.com. URL consultato il 2 agosto 2015.
  42. ^ (EN) David Todd, SpaceX’s Mars rocket to be methane-fuelled, in Flightglobal.com, 22 novembre 2012. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  43. ^ (EN) David Todd, Musk goes for methane-burning reusable rockets as step to colonise Mars, su seradata.com, 20 novembre 2012. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  44. ^ (EN) RLV and Space Transport News » SpaceX Merlin 2 engine, heavy lift designs, hobbyspace.com, 13 ottobre 2011. URL consultato il 22 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2012).
  45. ^ (EN) Guy Norris, SpaceX Unveils Heavy-Lift Vehicle Plan, su aviationweek.com, 5 agosto 2010. URL consultato il 22 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2010).
  46. ^ (EN) Exploration Musk Clarifies SpaceX Position On Exploration [collegamento interrotto], su aviationweek.com.
  47. ^ (EN) RLV and Space Transport News » Webcasts of Elon Musk & Gwynne Shotwell at AIAA mtg, hobbyspace.com, 8 gennaio 2011. URL consultato il 22 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2011).
  48. ^ (EN) Zach Rosenberg, SpaceX aims big with massive new rocket, in Flightglobal.com, 15 ottobre 2012. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  49. ^ (EN) I am Elon Musk, CEO/CTO of a rocket company, AMA! • /r/IAmA, su reddit. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  50. ^ Long term SpaceX vehicle plans, HobbySpace.com. URL consultato il 5 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2010).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) SpaceX Merlin Engine, dal sito ufficiale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]