Atletica leggera ai Giochi della XXXI Olimpiade - Salto con l'asta femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Salto con l'asta femminile
Rio de Janeiro 2016
Informazioni generali
Luogo Stadio Nilton Santos
Periodo 16 e 19 agosto 2016
Partecipanti
Podio
Medaglia d'oro Aikaterinī Stefanidī Grecia Grecia
Medaglia d'argento Sandi Morris Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo Eliza McCartney Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Edizione precedente e successiva
Londra 2012 Tokyo 2020
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Rio de Janeiro 2016
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
5000 m piani uomini donne
10000 m piani uomini donne
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini donne
3000 m siepi uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini donne
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini donne
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini donne
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

Il salto con l'asta ha fatto parte del programma femminile di atletica leggera ai Giochi della XXXI Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 16 e 19 agosto allo Stadio Nilton Santos di Rio de Janeiro.

Situazione pre-gara[modifica | modifica wikitesto]

Prima di questa competizione, il record del mondo (WR) e il record olimpico (RO) erano i seguenti.

Record Prestazione Atleta Data Competizione
Record mondiale 5,06 m Yelena Isinbayeva
Russia Russia
28 agosto 2009
Svizzera Zurigo (Svizzera)
Record olimpico 5,05 m Yelena Isinbayeva
Russia Russia
18 agosto 2008
Cina Pechino (Cina)
Giochi della XXIX Olimpiade

Campioni in carica[modifica | modifica wikitesto]

I campioni in carica, a livello mondiale e olimpico, erano:

Campione Atleta Prestazione Data Competizione
Oro Olimpico Jennifer Suhr
Stati Uniti Stati Uniti
4,75 m 6 agosto 2012
Regno Unito Londra (Regno Unito)
Giochi della XXX Olimpiade
Oro Mondiale Yarisley Silva
Cuba Cuba
4,90 m 27 agosto 2015
Cina Pechino (Cina)
Campionati del mondo 2015

La stagione[modifica | modifica wikitesto]

Prima di questa gara, gli atleti con le migliori tre prestazioni dell'anno erano[1]:

Pos. Atleta Prestazione Data
1 Sandi Morris
Stati Uniti Stati Uniti
4,93 m 23 luglio 2016
Stati Uniti Houston (Stati Uniti)
2 Fabiana Murer
Brasile Brasile
4,87 m 03 luglio 2016
Brasile São Bernardo do Campo (Brasile)
3 Aikaterinī Stefanidī
Grecia Grecia
4,86 m 8 giugno 2016
Grecia Atene (Grecia)

La gara[modifica | modifica wikitesto]

In qualificazione viene eliminata la protagonista più attesa dai brasiliani: Fabiana Murer. La campionessa del mondo del 2011 cerca la qualificazione con un salto a 4,55 quando le altre hanno iniziato a 4,15. Risultato: tre errori e grande delusione per la trentacinquenne brasiliana, che disputa le sue ultime olimpiadi.
In finale tutte le migliori passano la prima misura (4,35) ed entrano in gara a 4,50. L'unica a passare anche questa prova è la greca Aikaterinī Stefanidī.
A 4,60 Jennifer Suhr (campionessa olimpica in carica) e Yarisley Silva (campionessa mondiale in carica e argento olimpico) commettono il loro primo errore. A 4,70 escono di gara.
La misura di 4,80 non basta per assegnare le medaglie: è la prima volta nella storia della specialità. Si contendono i tre gradini del podio quattro atlete: la sorprendente diciannovenne neozelandese Eliza McCartney, l'unica con un percorso netto, la Stefanidi (un errore a 4,80), Sandi Morris (due errori in totale) e l'australiana Alana Boyd (tre errori).
A 4,85 tutte sbagliano al primo tentativo. La Stefanidi e la Morris esultano alla seconda prova. Le altre due vengono eliminate.
Si passa a 4,90. Le due atlete rimaste sbagliano tutti i tre tentativi.
Si stila dunque la classifica finale. Stefanidi e Morris hanno valicato la misura precedente (4,85) entrambe al secondo tentativo. Hanno un errore in comune anche a 4,80 mentre la Morris ha commesso un errore a 4,70. Vince l'oro Ekaterini Stefanidi.
Tra McCartney e Boyd sale sul podio la prima perché la Boyd ha superato 4,80 solo al secondo tentativo.

Le misure della quarta (4,80) e della quinta e sesta classificata (4,70) sono le più alte di sempre per tali posizioni.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazione: 4,60 (Q) o le migliori 12 misure (q).

Posizione Gruppo Atleta Nazionalità 4,15 4,30 4,45 4,55 4,60 Risultato Note
1 A Aikaterinī Stefanidī Grecia Grecia o 4,60 Q
2 A Holly Bradshaw Regno Unito Regno Unito o xo o 4,60 Q
A Lisa Ryzih Germania Germania xo o 4,60 Q
B Jennifer Suhr Stati Uniti Stati Uniti d'America xo o 4,60 Q
5 A Eliza McCartney Nuova Zelanda Nuova Zelanda xxo xo o 4,60 Q
B Yarisley Silva Cuba Cuba xo xxo o 4,60 Q
7 B Martina Strutz Germania Germania o xo o xo 4,60 Q
8 A Kelsie Ahbe Canada Canada o o o 4,55 q
A Alana Boyd Australia Australia o o 4,55 q
B Nicole Büchler Svizzera Svizzera - o o 4,55 q
A Sandi Morris Stati Uniti Stati Uniti d'America o o 4,55 q
B Tina Šutej Slovenia Slovenia o o o o 4,55 q
13 B Minna Nikkanen Finlandia Finlandia o xo o xxx 4,55
14 B Angelica Bengtsson Svezia Svezia o o o xo xxx 4,55
A Maryna Kylypko Ucraina Ucraina o o o xo xxx 4,55
16 B Li Ling Cina Cina o xo xo xxx 4,55
17 A Michaela Meijer Svezia Svezia o o xxx 4,45
B Alysha Newman Canada Canada o o xxx 4,45
19 A Jiřina Ptáčníková Rep. Ceca Repubblica Ceca o xo xxx 4,45
A Lexi Weeks Stati Uniti Stati Uniti d'America o xo xxx 4,45
21 B Sonia Malavisi Italia Italia o o xxo xxx 4,45
B Annika Roloff Germania Germania o xxo xxx 4,45
23 A Angelica Moser Svizzera Svizzera xo xxo xxo xxx 4,45
24 B Romana Maláčová Rep. Ceca Repubblica Ceca o o xxx 4,30
A Wilma Murto Finlandia Finlandia o xxx 4,30
B Marta Onofre Portogallo Portogallo o o xxx 4,30
27 B Tori Pena Irlanda Irlanda o xo xxx 4,30
28 A Vanessa Boslak Francia Francia o xxo xxx 4,30
29 A Joana Costa Brasile Brasile o xxx 4,15
B Annika Newell Canada Canada o xxx 4,15
B Diamara Planell Porto Rico Porto Rico o xxx 4,15
A Femke Pluim Paesi Bassi Paesi Bassi o xxx 4,15
A Maria Leonor Tavares Portogallo Portogallo o xxx 4,15
34 B Iryna Yakaltsevich Bielorussia Bielorussia xxo xxx 4,15
35  B Fabiana Murer Brasile Brasile xxx 0.01 NM
35  A Ren Mengqian Cina Cina xxx 0.01 NM
36  B Nikoleta Kyriakopoulou Grecia Grecia 0.00 NP
36  A Robeilys Peinado Venezuela Venezuela 0.00 NP

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Venerdì 19 agosto, ore 20:30.

Pos. Atleta Età Nazione Salti Misura
4,35 4,50 4,60 4,70 4,80 4,85 4,90
Oro Aikaterinī Stefanidī 26 Grecia Grecia O O XO XO XXX 4,85
Argento Sandi Morris 24 Stati Uniti Stati Uniti d'America O O XO XO XO XXX 4,85
Bronzo Eliza McCartney 20 Nuova Zelanda Nuova Zelanda O O O O XXX 4,80
Record nazionale=
4 Alana Boyd 32 Australia Australia O O XXO XO XXX 4,80
5 Holly Bradshaw 25 Regno Unito Regno Unito O XO O XXX 4,70
6 Nicole Büchler 33 Svizzera Svizzera O XXO O X– XX 4,70
7 Jennifer Suhr 34 Stati Uniti Stati Uniti d'America O XO XXX 4,60
Yarisley Silva 29 Cuba Cuba O XO XXX 4,60
9 Martina Strutz 35 Germania Germania O O XXO XXX 4,60
10 Lisa Ryzih 28 Germania Germania O XXX 4,50
11 Tina Šutej 28 Slovenia Slovenia O XO XXX 4,50
12 Kelsie Ahbe 25 Canada Canada XXO XXO XXX 4,50
Record mondiale record mondiale; Record olimpico record olimpico; Miglior prestazione mondiale stagionale record mondiale stagionale; Record africano record africano; Record asiatico record asiatico; Record europeo record europeo; Record nord-centroamericano record nord-centroamericano e caraibico; Record sudamericano record sudamericano; Record oceaniano record oceaniano; Record nazionale record nazionale; Miglior prestazione personale record personale; Miglior prestazione personale stagionale record personale stagionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2016 Top List - Pole vault Women, IAAF.org. URL consultato il 16 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]