Alex Acker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alex Acker
Alex Acker.jpg
Acker durante un tiro libero con la maglia del Barcellona
Nome Alex Maurice Acker
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Italia Italia
Altezza 196 cm
Peso 84 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Squadra Pall. Cantù
Carriera
Giovanili
1998-2002 Eisenhower High School
2002-2005 Pepperdine Waves
Squadre di club
2005-2006 Detroit Pistons 5 (9)
2006 Fayet. Patriots 17 (306)
2006-2007 Olympiakos 26 (316)
2007-2008 Barcellona 30 (201)
2008-2009 Detroit Pistons 7 (9)
2009 F.W. Mad Ants 4 (72)
2009 L.A. Clippers 18 (63)
2009-2010 Olimpia Milano 14 (130)
2010-2012 Le Mans 59 (987)
2012 Prokom Gdynia 8 (65)
2013 Boulazac 10 (147)
2013-2014 Limoges CSP 30 (375)
2014 İstanbul B.B. 9 (92)
2015 ASVEL 14 (162)
2015-2016 Scandone Avellino 29 (272)
2016- Pall. Cantù 21 (123)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 aprile 2017

Alex Maurice Acker (Compton, 21 gennaio 1983) è un cestista statunitense naturalizzato italiano, che gioca come guardia per la Pallacanestro Cantù.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2016, dopo essere stato sposato per anni con una ragazza italiana di Cantù, ha acquisito la cittadinanza italiana,[1] ma per la Serie A italiana può essere schierato comunque solo con lo status di comunitario.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Svincolatosi dalla Scandone Avellino, il 10 ottobre 2016 si aggrega alla Pallacanestro Cantù per gli allenamenti.[2] Il 27 ottobre 2016 viene ufficialmente ingaggiato dalla Pallacanestro Cantù con un contratto annuale.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Limoges CSP: 2013-14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alex Acker diventa italiano, Sportando, 24 agosto 2016. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  2. ^ a b SPINELLI E ACKER SI AGGREGANO AGLI ALLENAMENTI DELLA RED OCTOBER, Pallacanestro Cantù, 10 ottobre 2016. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  3. ^ La Red October Cantù ingaggia Alex Acker, Pallacanestro Cantù, 27 ottobre 2016. URL consultato il 27 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]