1ª Divisione CC.NN. "23 marzo"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1ª Divisione CC.NN. "23 marzo"
Descrizione generale
Attiva 23 aprile 1935 - gennaio 1941
Nazione bandiera Regno d'Italia
Alleanza Potenze dell'Asse
Servizio Flag of Italy (1860).svg Regio esercito
Tipo Divisione della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale
Equipaggiamento cannone 65/17, cannone 47/32, mortai da 81 mm
Motto Indomabile
Battaglie/guerre Guerra d'Etiopia
Campagna del Nordafrica
Invasione italiana dell'Egitto
Operazione Compass
Parte di
Reparti dipendenti
219ª Legione CC.NN.
233ª Legione CC.NN.
205º Reggimento artiglieria
Comandanti
Comandanti degni di nota Gen. di Div. Emanuele Filiberto Duca di Pistoia, Lgt. Gen. Francesco Antonelli

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 1ª Divisione CC.NN. "23 marzo" era una divisione italiana della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (MVSN), che fu impiegata nelle prime fasi della Campagna del Nordafrica. Venne distrutta nel gennaio 1941 nell'ambito dell'Operazione Compass.

Il nome "23 marzo" venne dato in onore della fondazione dei Fasci Italiani di Combattimento, avvenuta appunto il 23 marzo 1919.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La 23 marzo venne costituita nel 1935, ed inviata successivamente in Abissinia, Eritrea e Libia. Inquadrata nel III Corpo d'armata comandata dal gen. Ettore Bastico, mise per prima la bandiera sull'altopiano di Amba Aradam nel febbraio del 1936.

Nel guerra civile spagnola il Raggruppamento Fanteria CC.NN. "XXIII Marzo", costituito nel gennaio 1937, nell'ottobre 1937 fu riorganizzato come "Divisione CCNN XXIII Marzo", che l'anno successivo fu aggregata con la divisione "Fiamme Nere", per costituire la Divisione CCNN "XXIII Marzo Fiamme Nere".

Ricostituita nella seconda guerra mondiale, prese parte all'invasione italiana dell'Egitto, spingendosi fino alla località di Sidi el Barrani. Rimasta coinvolta nella controffensiva britannica, l'unità si trincerò a Bardia, dove fu annientata all'inizio del 1941.

Il Raggruppamento[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato maggiore della MVSN decise nel 1942 di ricostituire il "Raggruppamento CC.NN. 23 marzo" per operare sul fronte orientale germano-sovietico della campagna di Russia. Era composto da due gruppi di battaglioni,il "Valle Scrivia" e il "Leonessa". Al comando fu inviato il luogotenente generale Enrico Francisci. Combatté sulla riva destra del Don.[1]

Ordine di battaglia del 1935[modifica | modifica wikitesto]

  • 135ª Legione CC.NN. "Indomita" (La Spezia)
  • 192ª Legione CC.NN. "Francesco Ferrucci" (Firenze)
    • CXCII Battaglione CC.NN. (Firenze)
    • CXC Battaglione CC.NN. (Firenze)
    • 192ª Compagnia mitraglieri CC.NN. (Empoli)
    • 192ª Batteria sommeggiata CC.NN. (Firenze)
    • 192ª Sezione lanciafiamme (Firenze)
  • 202ª Legione CC.NN. "Cacciatori del Tevere" (Perugia)
    • CCII Battaglione CC.NN (Perugia)
    • CCIV Battaglione CC.NN. (Terni)
    • 202ª Compagnia mitraglieri CC.NN. (Arezzo)
    • 202ª Sezione lanciafiamme (Pisa)
    • 202ª Batteria sommeggiata CC.NN./8ª Legione DICAT (Roma)
  • 2 battaglioni complementi CC.NN.
  • 1º Battaglione mitraglieri CC.NN. (Pisa)
  • gruppo da cannoni 65/17/10º Reggimento artiglieria divisionale (Regio Esercito)
  • 1ª compagnia speciale mista Genio (CC.NN. e Regio Esercito)
  • 1 sezione CC.RR. (Firenze)
  • Ufficio Commissariato
  • 1ª Sezione Sanità (Firenze)
  • 1ª Sezione Sussistenza (Firenze)
  • Autoreparto misto (CC.NN. e R.E.)
  • 1º Reparto salmerie divisionali

Ordine di Battaglia del 1940[modifica | modifica wikitesto]

Occorre considerare che le unità del genio militare ed il reggimento di artiglieria erano forniti dal Regio Esercito.

Ordine di Battaglia del 1942[modifica | modifica wikitesto]

  • Comando Raggruppamento
  • Gruppo Battaglioni Camicie Nere "Valle Scrivia"
    • V Battaglione Camicie Nere d'Assalto "Tortona"
    • XXXIV Battaglione Camicie Nere d'Assalto "Savona"
    • XLI Battaglione Camicie Nere Armi d'Accompagnamento "Trento"
  • Gruppo Battaglioni Camicie Nere "Leonessa"
    • XIV Battaglione Camicie Nere d'Assalto "Bergamo"
    • XV Battaglione Camicie Nere d'Assalto "Brescia"
    • XXXVIII Battaglione Camicie Nere Armi d'Accompagnamento "Asti

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.regioesercito.it/reparti/mvsn/mvsnru41_3.htm.
  2. ^ Biography of Major-General Francesco Antonelli ( – ), Italy.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]