When Dream and Day Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
When Dream and Day Unite
Artista Dream Theater
Tipo album Studio
Pubblicazione 6 marzo 1989
Durata 51 min : 31 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Progressive metal
Etichetta MCA
Produttore Terry Date, Dream Theater
Registrazione 18 giugno–12 agosto 1988 ai Kajem Victory Studios di Gladwyne
Formati CD, LP, musicassetta, download digitale
Dream Theater - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1992)

When Dream and Day Unite è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense Dream Theater, pubblicato il 6 marzo 1989 dalla MCA Records.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si è formato originariamente nel 1985 dall'incontro tra John Myung, John Petrucci e Mike Portnoy sotto il nome di Majesty, nome ispirato da un commento di Portnoy sul finale di Bastille Day dei Rush, definita appunto "maestosa". Dopo aver trovato come tastierista il compagno di scuola Kevin Moore, la formazione fece alcune audizioni per la scelta di un cantante, scelta ricaduta su Chris Collins. Con Collins, i Majesty registrarono il demo omonimo tra il 1985 e il 1986.

Agli inizi del 1988, il gruppo allontanò Collins per divergenze creative e lo sostituì con Charlie Dominici.[1] Successivamente furono costretti a modificare il proprio nome a causa di problemi di copyright con un gruppo omonimo jazz;[2] dopo aver modificato momentaneamente il nome in "Glasser",[1] il gruppo, sotto suggerimento del padre di Portnoy,[1] adottò quello definitivo di Dream Theater, dal nome di un cinema di Monterey (California).[1]

Firmato un contratto con la Mechanic Records, i Dream Theater pubblicarono When Dream and Day Unite nel mese di marzo 1989. L'album di debutto del gruppo venne promosso dai singoli promozionali Afterlife[3] e Status Seeker[4] nonché da un breve tour. Durante lo svolgimento dello stesso, il gruppo decise di licenziare Dominici a causa delle limitate capacità vocali del cantante[1] e soltanto due anni più tardi avrebbero trovato come cantante definitivo il canadese James LaBrie.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. A Fortune in Lies – 5:13 (testo: John Petrucci – musica: Dream Theater)
  2. Status Seeker – 4:18 (testo: Charlie Dominici, John Petrucci – musica: Dream Theater)
  3. The Ytse Jam – 5:46 (musica: Kevin Moore, John Myung, John Petrucci, Mike Portnoy)
  4. The Killing Hand – 8:42 (testo: John Petrucci – musica: Dream Theater)
    • I. The Observance
    • II. Ancient Renewal
    • III. The Stray Seed
    • IV. Thorns
    • V. Exodus
  5. Light Fuse and Get Away – 7:24 (testo: Kevin Moore – musica: Dream Theater)
  6. Afterlife – 5:27 (testo: Charlie Dominici – musica: Dream Theater)
  7. The Ones Who Help to Set the Sun – 8:05 (testo: John Petrucci – musica: Dream Theater)
  8. Only a Matter of Time – 6:36 (testo: Kevin Moore – musica: Dream Theater)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione
  • Prodotto da Terry Date e dai Dream Theater
  • Produttore esecutivo: Steve Sinclair
  • Missato ed ingegnerizzato da Terry Date e Joe Alexander
  • Assistenti: Brian Stover, Trish Finnegan
  • Masterizzato da Howie Weinberg

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante A Fortune in Lies vi è un break di batteria, il quale viene eseguito con un tempo di metronomo più veloce rispetto al resto della canzone. Nelle esecuzioni dal vivo del brano, il break viene suonato "a tempo" e appare molto più lento (un esempio è ascoltabile nell'album dal vivo Live at the Marquee). Inoltre, in gran parte delle esecuzioni dal vivo del brano, i Dream Theater ne accorciano la sezione strumentale che anticipa l'assolo, in quanto nella versione dell'album sono presenti alcuni campionamenti tratti da un documentario che dal vivo non vengono riprodotti.
  • Il titolo del brano strumentale The Ytse Jam non è altro che la parola Majesty riportata al contrario. Majesty era il nome originario del gruppo.
  • L'introduzione acustica di The Killing Hand è stata eseguita raramente dal vivo, in quanto necessita di tre chitarre acustiche. Tale introduzione è stata sostituita con un intermezzo strumentale intitolato Another Hand: infatti questo brano originariamente si sviluppava a partire dall'ultimo accordo di Another Day per confluire in The Killing Hand. Tale introduzione è stata successivamente utilizzata per tutte le esecuzioni del brano. Inoltre, dopo l'assolo di chitarra e tastiera all'unisono, spesso viene ripresa la melodia dell'introduzione originale, su cui parte un assolo di John Petrucci; durante questo assolo, Petrucci riprende la melodia di Carol of the Bells.
  • In un concerto del 2004, i Dream Theater hanno eseguito When Dream and Day Unite nella sua interezza per celebrare i 15 anni dalla sua pubblicazione. I brani, compresa l'introduzione di The Killing Hand, sono state eseguite nella loro versione originale. Terminata la lista tracce del disco, il gruppo ha eseguito To Live Forever e Metropolis. Al concerto hanno partecipato anche Dominici, il quale ha duettato con LaBrie negli ultimi due brani del concerto, e l'ex-tastierista Derek Sherinian, apparso solo per l'esecuzione di Metropolis. Questo concerto è stato successivamente immortalato nel bootleg ufficiale When Dream and Day Reunite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Storia dei Dream Theater - Parte 3: When Dream and Day Unite, ItalianDreamers.net. URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2009).
  2. ^ (EN) Dream Theater Frequently Asked Questions, Gabbo.net. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) Dream Theater – Afterlife (CD, Single, Promo) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Dream Theater – Status Seeker (CD, Single, Promo) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 7 febbraio 2014.