West Ryder Pauper Lunatic Asylum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
West Ryder Pauper Lunatic Asylum
Artista Kasabian
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 giugno 2009
Durata 51 min : 59 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Alternative rock[1]
Indie rock[1]
Neopsichedelia[3][4]
Rock sperimentale[4]
Etichetta Sony Music[1]
RCA[2]
Columbia Records[2]
Produttore Dan the Automator
Certificazioni
Dischi d'oro Australia Australia[5]
(Vendite: 35.000+)
Dischi di platino Regno Unito Regno Unito (2)[6]
(Vendite: 600.000+)
Irlanda Irlanda[7]
(Vendite: 10.000+)
Kasabian - cronologia
Album precedente
(2006)
Album successivo
(2010)
Singoli
  1. Fire
    Pubblicato: 1º giugno 2009
  2. Where Did All the Love Go?
    Pubblicato: 10 agosto 2009
  3. Underdog
    Pubblicato: 26 ottobre 2009
  4. Vlad the Impaler
    Pubblicato: 15 febbraio 2010

West Ryder Pauper Lunatic Asylum è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico Kasabian, pubblicato il 5 giugno 2009.

L'album ha vinto i premi come miglior album e miglior artwork dell'anno agli NME Awards 2010.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'album, prodotto da Dan the Automator, è stato pubblicato il 5 giugno 2009, debuttando subito al primo posto della classifica britannica. Il primo singolo estratto dall'album è stato il fortunato Fire (terzo posto nella UK Singles Chart), seguito da Where Did All the Love Go? e Underdog. Il 15 febbraio 2010 viene pubblicato come singolo anche Vlad the Impaler, precedentemente reso disponibile per il download gratuito dal 31 marzo al 3 aprile 2009, prima dell'uscita dell'album.

L'8 giugno 2009 viene pubblicata in Europa un'edizione limitata dell'album, contenente un doppio DVD con alcuni estratti da due concerti della band e dei contenuti speciali, tra cui il making of del video di Vlad the Impaler. In Giappone è stata invece pubblicata un'altra edizione limitata con tre tracce bonus e un DVD contenente parte dell'esibizione della band all'iTunes Festival del 2009.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album rappresenta una notevole crescita stilistica dei Kasabian, che si distaccano dai loro classici brani tra l'indie e l'elettronica per passare a un suono più psichedelico e sperimentale[4][8]. Mentre le prime due tracce, Underdog e Where Did All the Love Go?, mostrano rispettivamente una l'influenza elettronica e l'altra quella psichedelica tipiche della band[9], quasi il resto dell'album è corredato da spunti "revival western"[10] e melodie quasi inedite per la band[4]; ne è esempio West Ryder Silver Bullet (che vede la partecipazione come cantante ospite dell'attrice Rosario Dawson), vagamente riconducibile a una colonna sonora western[4]. Tuttavia sono presenti anche le influenze britpop e indie dei Beatles e degli Oasis che hanno caratterizzato da sempre la band, come in Ladies and Gentleman, Roll the Dice e Happiness[4][10]. Vlad the Impaler è sicuramente il brano più controverso dell'album e presenta una forte influenza elettronica, al contrario del resto dell'album[9], mentre Fire, una delle canzoni di maggior successo del gruppo[4], è un misto di indie rock e atmosfere country e alternative[10].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Sergio Pizzorno.

  1. Underdog - 4:37
  2. Where Did All the Love Go? - 4:17
  3. Swarfiga - 2:18
  4. Fast Fuse - 4:10
  5. Take Aim - 5:23
  6. Thick as Thieves - 3:06
  7. West Ryder Silver Bullet (feat. Rosario Dawson) - 5:15
  8. Vlad the Impaler - 4:44
  9. Ladies and Gentlemen, Roll the Dice - 3:33
  10. Secret Alphabets - 5:07
  11. Fire - 4:13
  12. Happiness - 5:16
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Runaway (Live) - 4:09
  2. Cunny Grope Lane - 3:12
  3. Road Kill Café - 2:39
CD bonus nell'edizione giapponese
  1. Shoot the Runner (Live at iTunes Festival) - 5:16
  2. Empire (Live at iTunes Festival) - 4:08
  3. Stuntman (Live at iTunes Festival) - 5:32
  4. The Doberman (Live at iTunes Festival) - 6:02
  5. Club Foot (Live at iTunes Festival) - 4:49
  6. L.S.F. (Live at iTunes Festival) - 7:55
DVD nell'edizione speciale
  1. Processed Beats (Live at Union Chapel) - 4:05
  2. Black Whistler (Live at Union Chapel) - 4:00
  3. I.D. (Live at Union Chapel) - 3:59
  4. Me Plus One (Live at Union Chapel) - 3:06
  5. Doberman (Live at Union Chapel) - 5:12
  6. Runaway (Live at Union Chapel) - 3:45
  7. Fast Fuse (Live at Royal Albert Hall) - 4:06
  8. Thick as Thieves (Live at Royal Albert Hall) - 3:26
  9. Club Foot (Live at Royal Albert Hall) - 4:44
  10. L.S.F. (Live at Royal Albert Hall) - 7:23
Tracce bonus nell'edizione tour australiana
  1. Julie & the Moth Man
  2. Where Did All the Love Go?
  3. Burns Remix
  4. Vlad the Impaler (Zane Lowe Remix)
  5. Take Aim (Dan the Automator Remix feat. Quannum Mc's)
DVD bonus nell'edizione tour australiana
  1. Underdog (Live at T4)
  2. Where Did All the Love Go? (Live at T4)
  3. Thick as Thieves (Live at T4)
  4. Fire (Live at T4)
  5. Club Foot (Live at T4)
  6. Empire (Live at T4)
  7. Vlad the Impaler (Music Video)
  8. Underdog (Music Video – International Version)
  9. Fire (Music Video)
  10. Where Did All the Love Go? (Music Video)
  11. Underdog (Musica Video – UK Version)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Kasabian
Altri musicisti
  • Rosario Dawson – voce in West Ryder Silver Bullet
  • Jay Mehler – chitarra ritmica in Underdog, Ladies and Gentlemen (Roll The Dice) e Happiness
  • Tim Carter – chitarra ritmica, tastiera e percussioni in Where Did All the Love Go?, Take Aim, West Ryder Silver Bullet e Secret Alphabets
  • Daniel Ralph Martin – chitarra ritmica in Fast Fuse e tastiera in Happiness
  • Ben Kealey – tastiera in Ladies and Gentlemen, Roll the Dice

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione
massima
Australia[11] 11
Austria[11] 56
Belgio (Vallonia)[11] 94
Francia[11] 30
Giappone[12] 11
Grecia[11] 48
Irlanda[13] 4
Nuova Zelanda[11] 23
Paesi Bassi[11] 85
Regno Unito[14] 1
Spagna[11] 92
Stati Uniti[15] 126
Stati Uniti (independent)[15] 26
Stati Uniti (rock)[15] 49
Svizzera[11] 27

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) West Ryder Pauper Lunatic Asylum in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b (EN) West Ryder Pauper Lunatic Asylum in Discogs, Zink Media, Inc.
  3. ^ Kasabian - West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Rockline.it. URL consultato il 9 aprile 2012.
  4. ^ a b c d e f g Kasabian - West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Rockzilla.eu, 1° marzo 2010. URL consultato il 14 maggio 2012.
  5. ^ Accreditations - 2010 Albums, ARIA, 31 dicembre 2010. URL consultato il 18 giugno 2012.
  6. ^ Certified Awards, BPI. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  7. ^ 2009 Certification Awards, Irishcharts.ie. URL consultato il 18 giugno 2012.
  8. ^ Kasabian - The West Rider Pauper Lunatic Asylum, Ondarock.it, 29 giugno 2009. URL consultato il 10 agosto 2012.
  9. ^ a b West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Sputnikmusic.com, 8 giugno 2009. URL consultato il 9 aprile 2012.
  10. ^ a b c Kasabian - The West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Kalporz.com, 7 settembre 2009. URL consultato il 14 maggio 2012.
  11. ^ a b c d e f g h i Kasabian - West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Australian-charts.com. URL consultato il 18 giugno 2012.
  12. ^ Kasabian, Oricon. URL consultato il 21 marzo 2013.
  13. ^ Kasabian - West Ryder Pauper Lunatic Asylum, Acharts.us. URL consultato il 10 marzo 2013.
  14. ^ Kasabian, Official Charts Company. URL consultato il 30 luglio 2012.
  15. ^ a b c Kasabian - Chart history, Billboard. URL consultato il 29 gennaio 2012.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock