Uragano rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uragano rosso
Titolo originale Red Storm Rising
Autore Tom Clancy
1ª ed. originale 1986
Genere romanzo
Sottogenere techno-thriller, fantapolitica, bellico
Lingua originale inglese

Uragano rosso (Red Storm Rising) è un romanzo di fantapolitica scritto nel 1986 da Tom Clancy, a quattro mani con Larry Bond, dal quale è stato tratto un simulatore di guerra, Harpoon (dal nome in codice del missile americano AGM-84); per il suo realismo è stato adottato come testo complementare in alcune accademie militari americane.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La situazione descritta è una guerra calda tra NATO e Patto di Varsavia che si sviluppa a partire dallo scenario di guerra fredda dell'epoca: un gruppo di terroristi islamici distrugge un sito in una delle repubbliche sovietiche dell'allora URSS, comprendente una gigantesca raffineria e un campo petrolifero. La dirigenza sovietica, messa di fronte alla prospettiva di una grave crisi energetica e non disposta a piegarsi di fronte all'Occidente, prepara un piano di invasione del Medio Oriente.

Per impedire alla NATO di interferire si sceglie di attaccare preventivamente la Germania, cercando (senza riuscirci) di ottenere sorpresa tattica e strategica. Per assicurarsi questa condizione, viene orchestrata dal KGB una messinscena per addossare alla Germania Ovest (esisteva ancora il Muro di Berlino), la responsabilità di un attentato al Cremlino compiuto dallo stesso KGB, in seguito al quale sferrare un attacco alla NATO sul territorio tedesco approfittando della mancanza di coesione che la presunta responsabilità tedesca avrebbe creato tra gli alleati. Ma l'attacco, il cui effetto sorpresa è venuto meno per un banale incidente d'auto che ha coinvolto un maggiore delle spetsnaz (le forze speciali sovietiche), viene anticipato da una pesante serie di incursioni delle forze aeree tattiche NATO che distruggono aeroporti, depositi e linee di comunicazione sovietiche.

Ciò nonostante i sovietici avanzano nel territorio tedesco, occupano l'Islanda con un colpo di mano ed assestano duri colpi alle forze navali NATO dell'Atlantico ed ai convogli che riforniscono le forze terrestri in Europa. Il comandante della marina statunitense Daniel X. Macaffery, al comando del sottomarino classe Los Angeles USS Chicago, viene inviato nel mare di Barents per bombardare le basi aeree sovietiche, allo stesso tempo, il comandante Edward Morris, assiste all'attacco della sua nave ad opera di un sottomarino russo classe Victor. La fregata al comando di Morris, la Pharris, resta danneggiata in modo gravissimo (la prua si stacca dal resto della nave), Morris è quindi costretto a rientrare alla base rimorchiato.

Intanto Macaffery ha bombardato e distrutto le basi aeree sovietiche ma si ritrova braccato dal grosso delle forze navali del patto di Varsavia. Piuttosto che proseguire la missione, Macaffery decide di procedere alla scorta del USS Providence, sottomarino americano danneggiato durante il bombardamento. Macaffrey ha il suo momento di gloria affondando numerosi sottomarini sovietici, senza però riuscire ad evitare che un sommergibile di classe Alfa coli a picco il Providence e un altro classe Los Angeles americano, arrivando in Inghilterra per miracolo. Intanto Morris ha ricevuto un nuovo comando, la fregata di classe Perry USS Reuben James, alla quale si unisce la fregata inglese Battleaxe.

Con l'aiuto della Battleaxe, Morris riesce ad affondare un Victor vicino al relitto dell'Andrea Doria ed elimina altri mezzi navali sovietici. Viene infine distaccato alla riconquista dell'Islanda, dalla quale un gruppetto di Marines sopravvissuti guidati dal tenente Edwards sta trasmettendo informazioni preziose. Per l'operazione vengono impiegati i cannoni da 406 mm della corazzata Iowa, inattiva dalla seconda guerra mondiale. L'operazione riesce e la NATO viene a conoscenza dalla scarsità di carburante sovietica. Il comandante supremo delle forze armate russe, generale Alekseyev, viene messo al corrente che i dirigenti del Partito comunista hanno intenzione di utilizzare armi nucleari. Deciso ad evitare quest'assurdità, Alekseyev dirige un colpo di stato ed elimina i dirigenti del partito (eccetto i pochi che si erano dimostrati contrari alla guerra) e, organizzando una trattativa con il comandante in capo delle forze NATO, organizza una cessazione delle ostilità.

Il romanzo termina con Edwar Morris che, sul ponte di comando della Reuben James, ora all'ormeggio, riflette su tutti gli amici che ha perduto in meno di un mese di guerra.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Colonnello-Generale Pavel Leonidovich Alekseyev, Armata Rossa – Vicecomandante, poi Comandante del Teatro
  • Comandante (equivalente a capitano di fregata) Edward Morris, US Navy – capitano, USS Pharris, poi USS Reuben James
  • Comandante Daniel X. McCafferty, USN – comandante, USS Chicago
  • Mikhail Eduardovich Sergetov – Membro Candidato del Politburo Sovietico
  • Tenente Comandante (eq. capitano di corvetta) Robert A. Toland, III., US Naval Reserve – analista della NSA
  • Primo Tenente Mike Edwards, USAF – ufficiale meteorologico, Keflavik Air Base
  • Capitano (poi maggiore) Ivan Mikhailovich Sergetov, Armata Rossa – aiutante di campo di Alekseyev e figlio di Sergetov

Temi principali[modifica | modifica wikitesto]

Questo libro tratta, pur se all'interno di una trama romanzesca, una serie di problematiche militari e politiche reali, alcune delle quali, come è accaduto per altri libri di Clancy, si sono dimostrate delle previsioni fin troppo esatte (compreso l'attacco con aereo suicida al Campidoglio condotto in Potere esecutivo); ma anche l'elevato consumo di munizioni in una guerra reale rispetto alle previsioni, la possibilità di un colpo di mano per arrivare alle fonti di energia e la difficoltà degli elicotteri d'attacco, anche se blindati, nel sopravvivere sul cielo del campo di battaglia si sono dimostrate altrettanto reali, sia per i Russi (i numerosi Mi-24 Hind abbattuti in Afghanistan dagli Stinger) che per gli Americani (gli AH-64 Apache abbattuti perfino dal fuoco concentrato di armi leggere in Iraq).

Studi militari[modifica | modifica wikitesto]

Uragano Rosso è stato usato come testo in varie accademie militari sia negli Stati Uniti che all'estero, per il realismo dello scenario di una rapida transizione da una pace armata ad una guerra ad alta intensità tra i due blocchi Est-Ovest.[senza fonte]

Giochi[modifica | modifica wikitesto]

Dal libro sono stati derivati sia un gioco da tavolo (negli Stati Uniti), vincitore di alcuni premi per l'originalità, sia un videogioco per computer. Quest'ultimo è stato prodotto dalla MicroProse alla fine degli anni ottanta, basato su un sottomarino nucleare (come i 688 - Los Angeles del romanzo) e distribuito per Amiga, Atari ST, Commodore 64 e IBM compatibili.

Un gioco per il computer sviluppato con Larry Bond è il gioco uscito nell'estate del 2007 World in Conflict.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]