Mare di Barents

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mare di Barents
Barents Sea map.png
Parte di Mar Glaciale Artico
Stati Russia Russia
Norvegia Norvegia
Coordinate 75°N 40°E / 75°N 40°E75; 40Coordinate: 75°N 40°E / 75°N 40°E75; 40
Dimensioni
Superficie 1.424.000 km²
Profondità massima 600 m
Profondità media 222 m
Volume 316.000 km³
Idrografia
Isole Svalbard, Terra di Francesco Giuseppe, Novaja Zemlja, Vajgač, Kolguev.
Insenature Porsangerfjord, Varangerfjord, baie della Čëša, della Pečora e Chajpudyrskaja.

Il mare di Barents è parte del mar Glaciale Artico ed è localizzato a nord della Norvegia e della Russia. Per essere un mare costiero la sua profondità è notevole (mediamente 222 m) è delimitato a ovest dal mare di Norvegia, a nord ovest dalle isole Svalbard, a nord-est dalle isole della Terra di Francesco Giuseppe e a est dalle isole della Novaja Zemlja e Vajgač. La sua superficie è di 1 milione e 424 mila km², il volume è di 316 km³, la profondità media di 222 m e quella massima di 600 m[1].

La parte meridionale del mare di Barents, inclusi i porti di Murmansk (Russia) e Vardø (Norvegia) rimane sgombra dai ghiacci tutto l'anno a causa della corrente nord-atlantica più calda. Nel mese di settembre il mar di Barents è quasi completamente privo di ghiacci. Le maggiori insenature della costa sono: il Porsangerfjord e il Varangerfjord, le baie della Čëša, della Pečora e la Chajpudyrskaja

Fino alla guerra finno-sovietica, i territori della Finlandia giungevano fino al mare di Barents, con il porto di Petsamo che era l'unico porto libero dai ghiacci di inverno della Finlandia.

Ci sono tre tipi principali di masse d'acqua nel mare di Barents:

  • acqua atlantica calda e salata (temperatura > 3 °C, salinità > 35) che giunge dalla corrente nord-atlantica,
  • acqua artica fredda (temperatura < 0 °C, salinità < 35) che giunge da nord,
  • acqua costiera calda e non molto salata (temperatura > 3 °C, salinità < 34,7).

Fra le acque atlantiche e quelle polari si forma il cosiddetto fronte polare. Nelle parti occidentali del mare (vicino all'Isola degli Orsi) la posizione del fronte polare è determinata dalla topografia del fondale per cui è abbastanza stabile e ben definita, mentre nella parte orientale (verso Novaja Zemlja) la posizione del fronte varia molto di anno in anno.

Grazie alla corrente nord-atlantica il mare di Barents ha una produzione biologica elevata rispetto ad altri mari che si trovano sulle stesse latitudini.

La fioritura primaverile di fitoplancton inizia in corrispondenza con lo scioglimento dei ghiacci, che forma uno strato stabile d'acqua fresca. Il fitoplancton alimenta lo zooplancton formato da Calanus finmarchicus, Calanus glacialis, Calanus hyperboreus, Oithona e il krill. Si alimentano di zooplancton i merluzzi (Gadus morhua e Boreogadus saida), i capelin (Mallotus villosus), le balene e le gazze marine minori. I capelin a loro volta sono cibo per i predatori superiori come il merluzzo dell'Atlantico, le foche della Groenlandia, le urie comuni e le urie di Brünnich.

La pesca del merluzzo nel mar di Barents è un'importante risorsa per la Russia e per la Norvegia.

Da un punto di vista ambientale destano preoccupazione i rischi di contaminazione nucleare da reattori navali russi affondati e le future trivellazioni nell'area Goliath al largo della Norvegia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Баренцево море

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]