Isola degli Orsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola degli Orsi
Bjørnøya
Bjoern9.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mar Glaciale Artico
Coordinate 74°26′N 19°03′E / 74.433333°N 19.05°E74.433333; 19.05Coordinate: 74°26′N 19°03′E / 74.433333°N 19.05°E74.433333; 19.05
Arcipelago Svalbard
Superficie 176 km²
Altitudine massima 536 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Norvegia Norvegia
Centro principale non presente
Demografia
Abitanti 10 (2007)
Densità 0,06 ab./km²
Cartografia
Bjornoya map.png
Mappa di localizzazione: Mar Glaciale Artico
Isola degli Orsi

[senza fonte]

voci di isole della Norvegia presenti su Wikipedia

L'isola degli Orsi (nome originale Bjørnøya) è un'isola norvegese situata nel Mar Glaciale Artico tra Capo Nord e le isole Svalbard, arcipelago a cui appartiene. Bjørnøya è situata nella parte occidentale del Mare di Barents. L'isola è la più a sud tra tutte quelle appartenenti all'arcipelago delle Svalbard.

L'isola fu scoperta dagli esploratori olandesi Willem Barents e Jacob van Heemskerk il 10 giugno 1596 e porta questo nome a causa di un orso polare che i due hanno visto non appena sono sbarcati sull'isola. L'isola degli Orsi era considerata terra nullius poiché, prima del 1920, anno in cui fu unificata alle isole Svalbard, non era sottomessa a nessuna nazione né era rivendicata. Malgrado la sua natura arida, l'isola è conosciuta per le attività commerciali che si svolgono su di essa, quali l'estrazione di minerali dalle rocce, la pesca e la caccia alla balena. Nessuna città è presente sull'isola; vi è però una stazione meteorologica nella quale vivono permanentemente 10 studiosi.

Bjørnøya è stata dichiarata area protetta nel 2002 per i suoi abbondanti laghi d'acqua dolce e per i rischi ambientali che sta attualmente correndo.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome isola degli Orsi equivale alla traduzione dalla parola norvegese Bjørnøya. In russo, l'isola viene comunemente chiamata Medveji ostrov secondo l'alfabeto latino e Медвежий остров secondo quello cirillico.

Questo nome deriva dalla numerosità di orsi presenti sull'isola, ma che oggi si stanno diradando. L'isola degli orsi viene citata dal caleberrimo scrittore Hans Christian Andersen nella fiaba:"Il paradiso terrestre", dove però si parla di caccia al tricheco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Dag Hagenaes-Kjelldahl, Bear Island: The story of an isolated arctic island - exploration, people, culture and nature. Nordic Travellers Series, IK Foundation and Co Ltd, 2006 ISBN 1-904145-09-4
  • (EN) G. C. L. Bertram, David Lack, Bear Island. The Geographical Journal, The Royal Geographical Society, 1933.
  • (EN) G. C. L. Bertram, David Lack, Notes on the Animal Ecology of Bear Island. The Journal of Animal Ecology, British Ecological Society, 1938.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]