Willem Barents

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Willem Barents

Willem Barents (o Barentsz o Barentszoon; Terschelling, 1550 circa – Novaja Zemlja, 20 giugno 1597) è stato un navigatore ed esploratore olandese. Esplorò l'Artide; il Mare di Barents gli deve il nome.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jan Huygen van Linschoten, Mappa di Willem Barents relativa al primo viaggio
La nave di Barents bloccata dai viaggi (incisione dall'opera di Gerrit de Veer del 1598[1]
Resti della baracca costruita nel 1596 a Novaja Zemlja, disegno di Elling Carlsen (1871)
La morte di Willem Barents, olio di Christiaan Julius Lodewyck Portman (1836)

Nacque a Terschelling, una delle isole Frisone Occidentali. Non si sa quasi nulla della sua vita fino alle notizie dei suoi ultimi viaggi ricavate dal racconto di Gerrit de Veer, suo compagno nelle ultime due spedizioni, pubblicato nel 1598[1]. Per i primi due viaggi sono disponibili inoltre le relazioni dell'ammiraglio Jan Huyghen van Linschoten (1563-1611) che prese parte anch'egli alle spedizioni nell'Artico in compagnia di Barents[2]. A causa delle accurate mappe da lui redatte e dei preziosi dati meteorologici da lui raccolti nel corso dei suoi lunghi viaggi, Barents è considerato uno dei più importanti fra i primi esploratori dell'Artico[3].

Nel giugno 1594 Willem Barents partì da Amsterdam al comando di una delle quattro navi di una spedizione mercantile guidata da Cornelis Nay avente l'obiettivo di trovare un percorso che permettesse di raggiungere l'Estremo oriente passando a nord dell'Europa e dell'Asia, il cosiddetto «Passaggio a nord-est». Giunti davanti alla Novaja Zemlja, le navi seguirono due rotte diverse: Barents a nord e Nay a sud. Il tentativo di Barents di trovare un passaggio a nord della Novaja Zemlja fallì e, impossibilitato a proseguire a causa della banchisa polare a 77° di latitudine nord nel mese di luglio, Barents fu costretto al ritorno; Nay, invece, riuscì a raggiungere il Mare di Kara nel mese di agosto attraverso lo Stretto di Kara, a sud della Novaja Zemlja[4].

Il successo di Nay permise di ottenere un finanziamento per una nuova spedizione di sette navi che salpò il 2 giugno 1595 al comando di Nay; Barents comandava una delle navi[5]. Le avverse condizioni bloccarono le navi poco dopo lo stretto di Kara. Sebbene Barents intendesse fermarsi durante l'inverno, ai primi di settembre Nay decise per il ritorno in patria. Questa spedizione fu considerata un fallimento e i finanziamenti governativi per la ricerca del Passaggio a nord-est furono interrotti[4].

Un gruppo di commercianti olandesi finanziò tuttavia un terzo tentativo per il 1596: due navi comandate da Jan Rijp e da Jacob van Heemskerk, mentre Barents era il pilota. Il 9 o il 10 giugno fu scoperta l'Isola degli Orsi, la più meridionale delle isole Svalbard; il 14 o il 19 giugno fu scoperta la Spitsbergen, la più estesa isola delle Svalbard. Ritornate all'Isola degli Orsi, le due navi seguirono rotte differenti: Barents si separò da Rijp e si diresse a est. Il 16 agosto Barents raggiunse il promontorio più settentrionale della Novaja Zemlja, che Barents battezzò Capo Maurizio in onore di Maurizio di Nassau. Poco dopo, tuttavia, la nave si trovò bloccata dai ghiacci e i marinai furono costretti a trascorrere l'inverno nell'Artico. L'equipaggio non riuscì a sciogliere il permafrost, il legno delle navi venne utilizzato per costruire una piccola baracca, mentre le vele vennero utilizzate per costruire coperte e vestiti[6]. Nel 1871 il capitano Elling Carlsen scoprì i resti della baracca nella quale Barents e compagni trascorsero l'inverno[7]; tali resti, trasportati dapprima al Museo della Marina dell'Aia[8], sono conservati nel Museo statale di Amsterdam[9][10].

Il 13 giugno dell'anno seguente l'equipaggio iniziò il ritorno su due battelli scoperti. Barents, sofferente, indicò ai compagni la rotta da seguire, ma il 20 giugno, giunto nell'isola Severnyj dell'arcipelago di Novaja Zemlja, Barents spirò; non si se se sia stato seppellito nel permafrost o nel ghiaccio marino[11]. Sette settimane dopo, dodici superstiti, soccorsi da pescatori russi, raggiunsero la penisola di Kola dove ritrovarono Jan Rijp il quale li ricondusse in Olanda: vi giunsero il 1º novembre 1597[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Diarium nauticum, seu Vera descriptio trium navigationum admirandarum, & nunquam auditarum, tribus continuis annis factarum, à Hollandicis & Zelandicis navibus, ad septentrionem, supra Norvagiam, Moscoviam & Tartariam, versus Catthay & Sinarum regna: tum ut detecta fuerint VVeygatz fretum, Nova Zembla, & regio sub 80. gradu sita, quam Groenlandiam esse censet, quam nullus unquam adijt: ... Auctore Gerardo de Vera Amstelrodamense, Amstelredami: ex officina Cornelij Nicolaij, Tipographi ad symbolum Diarij, ad aquam, 1598
  2. ^ Jan Huyghen van Linschoten, Relation d'un vaisseau hollandois sur la Cote de l'Ile de Quelpaerts avec la description du Royaume de Coree, Voiage d'Anthoine Jenkinson pour decouvrie le chemin du Cathay par la Tartarie, Voyage de Jean Huyghen de Linschoten au Nord par le detroit de Nassauw & jusqu'a l'embouchure du fleuve Oby en 1594, ecc. In: Jean Frederic Bernard (ed.), Recueil de voiages au Nord, contenant divers memoires tres utiles au commerce & a la navigation, tome quatrième, Amsterdam: chez Jean Frederic Bernard, sur le Rockin, pres de la Bourse, 1718
  3. ^ «Barents, Willem». In: Encyclopædia Britannica, cit.
  4. ^ a b François Angelier, Dictionnaire des Voyageurs et Explorateurs occidentaux: du XIII au XX siècle, Paris: Pygmalion, 2011, p. 503, ISBN 978-2-7564-0156-0
  5. ^ a b De Peyster, John Watts, The Dutch at the North pole and the Dutch in Maine: a paper read before the New York historical society, 3d March, 1857, New York: Printed for the Society, 1857.
  6. ^ Herbert Blankesteijn e Louwrens Hacquebord, «God and the Arctic survivors: Without modern medicines, windcheaters or ski boots, explorers still managed to survive the Arctic winters of 400 years ago. Who was their unseen ally?». New Scientist vol. 138 n. 1867 (3 April 1993), pp. 38-42
  7. ^ Jan Karel Jakob Jonge, "Nova Zembla: De voorwerpen door de Nederlandsche Zeevaarders na hunne overwintering aldaar in 1597 achtergelaten en in 1871 door Kapitein Carlsen teruggevonden, beschreven en toegelicht.", 'sGravenhage: Martinus Nijhoff, 1872 (Google libri)
  8. ^ Carlo Errera, «BARENTS, Guglielmo». In: Enciclopedia Italiana cit.
  9. ^ J. Braat, Dutch Activities in the North and the Arctic during the Sixteenth and Seventeenth Centuries in Arctic, vol. 37, nº 4, December 1984.
  10. ^ Louwrens Hacquebord, In search of Het Behouden Huys: a survey of the remains of the house of Willem Barentsz on Novaya Zemlya in Arctic, vol. 38, nº 3, September 1995.
  11. ^ Jaapjan J. Zeeberg et al., "Search for Barents: Evaluation of Possible Burial Sites on North Novaya Zemlya, Russia", Arctic, Vol. 55, No. 4 (December 2002) pp. 329–338

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5038801 · LCCN: (ENn50065898 · ISNI: (EN0000 0000 9807 2707 · GND: (DE119350599 · BNF: (FRcb153278418 (data)