Penisola di Kola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 67°41′18″N 35°56′38″E / 67.688333°N 35.943889°E67.688333; 35.943889

La penisola di Kola, tra il Mare di Barents a nord e il Mar Bianco a sud.
Le temperature medie dell'aria nella città di Kandalakša. (fonte NASA)

La penisola di Kola (in russo: Кольский полуостров, Kol'skij poluostrov?) è situata all'estremità nord-occidentale del territorio della Federazione Russa ed è parte dell'Oblast' di Murmansk. Confina a nord col mare di Barents e col mar Bianco ad est e a sud. Il suo confine occidentale corre dalla baia della Kola (mare di Barents) al golfo di Kandalakša (mar Bianco) passando attraverso i laghi di Imandra e di Kola, e lungo il fiume Niva.

Territorio, clima e ambiente[modifica | modifica sorgente]

La penisola ha una superficie di circa 100.000 km²; la sua costa settentrionale è generalmente scoscesa, mentre quella meridionale è piuttosto piatta; entro la penisola vi sono i gruppi montuosi dei monti Chibiny e dei Kejvy, che arrivano a una quota di 1.120 m. Vi si trovano minerali in abbondanza, fra cui apatite, ferro, alluminio, titanio e mica.

I fiumi sono numerosi e dalla corrente piuttosto rapida e costituiscono un importante habitat per il salmone atlantico (Salmo salar), che vi ritorna per riprodursi in acqua dolce; i principali sono il Ponoj, la Voronja, la Varzuga, la Jokanga, la Strel'na, la Tuloma, la Umba e l'omonima Kola.

Il clima della penisola di Kola è meno freddo di quello della gran parte dei luoghi posti a latitudini confrontabili, grazie all'influenza delle correnti atlantiche: le temperature medie sono comprese fra i −8 °C e i −13 °C in gennaio, fra gli 8 °C e i 14 °C in luglio. Il sud della penisola è coperto dalla taiga, mentre sul suo lato settentrionale gli alberi tendono a scomparire e prevale la tundra.

La penisola nel suo complesso ha subito gravi danni ecologici per via sia dell'inquinamento dovuto alle numerose industrie militari (specialmente navali) insediate nella zona, sia per lo sfruttamento minerario dei giacimenti di apatite. Basti dire che nella penisola sono stoccati circa 250 reattori nucleari prodotti dalle forze armate sovietiche che non sono più utilizzati ma continuano a generare radiazioni e scorie radioattive.[1]

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

La penisola è abitata da gran parte della popolazione lappone (o sami) della Russia, che negli anni del regime comunista fu costretta a stabilirsi nella città di Lovozero e che ora è tornata ad allevare le renne in gran parte della regione.

Il principale centro della regione è il porto di Murmansk, che si trova sulla costa del mare di Barents, all'estremo limite occidentale della penisola. Nel periodo sovietico Murmansk era sede di gran parte della produzione dei sottomarini della marina sovietica e ancor oggi rimane una delle principali basi navali della Russia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) "das ARD radiofeature": Das atomare Vermächtnis der Nordmeerflotte Atomschrott aus Sowjetzeiten bedroht Nord- und Ostsee. URL consultato il 22 marzo 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia