Ticket to Ride (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ticket to Ride
Alan R. Moon intento a giocare una partita a Ticket to Ride

Alan R. Moon intento a giocare una partita a Ticket to Ride

Autore Alan R. Moon
Editore Stati Uniti Days of Wonder
Italia Idea Edizioni
Regole
N° giocatori 2-5
Requisiti
Età 8+
Preparativi 10 minuti
Durata 60-90 minuti
Aleatorietà Media

Ticket to Ride è un gioco da tavolo in stile tedesco di ambientazione ferroviaria progettato da Alan R. Moon e pubblicato nel 2004 dall'editore Days of Wonder, in cui i giocatori devono costruire una rete ferroviaria, collegando le città presenti sul tabellone secondo degli obiettivi forniti dalle carte.

Il gioco ha vinto il premio Spiel des Jahres nel 2004 come miglior gioco per famiglie dell'anno, l'Origins Award come "miglior gioco da tavolo" (Best Board Game) nel 2004[1] e i premi Diana Jones award e As d'Or nel 2005; è arrivato secondo nel Schweizer Spielepreis for Family Games. Ticket to Ride: Europe ha vinto l'International Gamers Award nel 2005.

Dall'agosto 2008, secondo l'editore sono state vendute oltre 750.000 copie del gioco[2].

Regole del gioco[modifica | modifica sorgente]

All'inizio, i giocatori scelgono un certo numero di carte destinazione che mostrano ognuna una coppia di città presenti sulla mappa di gioco. Questi sono gli obiettivi: rappresentano i due estremi che i giocatori devono cercare segretamente di collegare.

Ad ogni turno, i giocatori raccolgono le carte vagone ferroviario di diversi colori (tra cui le carte jolly Locomotiva), possono raccogliere carte destinazione supplementari, o giocare le carte vagone ferroviario già raccolte per unire percorsi ferroviari presenti sulla mappa di gioco e guadagnare punti di conseguenza: più è lungo il tratto ferroviario realizzato e più punti si guadagnano. La mappa rappresenta la rete ferroviaria degli Stati Uniti (che comprende anche porzioni meridionali del Canada).

Gli itinerari sono di varia lunghezza (e richiedono un numero variabile di corrispondenti carte colorate) e ogni itinerario segnato sulla mappa può essere raggiunto da un solo giocatore. Alcune città sono collegate da due percorsi paralleli, che possono poi essere rivendicati da giocatori diversi. I percorsi più lunghi danno in proporzione più punti dei percorsi più brevi, ad esempio, un percorso della lunghezza di quattro vagoni vale più di due percorsi di due vagoni ciascuno.

Il gioco termina quando un giocatore ha esaurito o quasi esaurito la sua fornitura di vagoni colorati. Quando si verifica ciò, ogni giocatore gioca un ultimo turno, dopo di che ciascuno rivela le sue carte destinazione nascoste.

Ulteriori punti sono assegnati per aver completato con successo le rotte indicate dalle carte, mentre vengono sottratti punti per eventuali itinerari incompleti. Un bonus di dieci punti è assegnato al giocatore che ottiene il percorso continuativo più lungo, anche collegato da più percorsi diversi.

Espansioni[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'uscita del gioco base ne sono uscite alcune estensioni e altre versioni con diverse ambientazioni e regole leggermente diverse:

  • Mystery Train
  • USA 1910
  • Europa 1912
  • Switzerland
  • Dice Expansion

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il gioco ha vinto i seguenti premi e riconoscimenti:

  • 2004 Origins Award
  • 2004 Spiel des Jahres
  • 2004 Meeples' Choice Award
  • 2004 Boardgameratings Best Family Game
  • 2004 Japan Boardgame Prize Winner
  • 2005 Årets Spel
  • 2005 Vuoden Perhepeli
  • 2005 Juego del Año
  • 2005 The Diana Jones Award
  • 2005 As d'Or
  • 2006 Japan Boardgame Prize
  • 2006 Hra roku

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 è stata pubblicata la versione videoludica del gioco per la piattaforma Xbox 360, distribuita tramite scaricamento digitale sul sistema Xbox Live nella sezione dei titoli Arcade; suddetta versione ricalca i meccanismi del gioco da tavolo permettendo a più giocatori di partecipare ad una partita in multiplayer tramite Xbox Live.

Il titolo dispone inoltre delle espansioni Usa 1910 e Europa 1912 come contenuti aggiuntivi acquistabili a parte sempre sul marketplace di Xbox Live.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 2004 list of winners, Academy of Adventure Gaming Arts and Design. URL consultato il 6 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2009).
  2. ^ (EN) Ticket to Ride, Game of Wonder, 3 agosto 2008. URL consultato il 7 dicembre 2012 (archiviato il 7 dicembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giochi da tavolo