Dixit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo programma televisivo, vedi Dixit - Qualcosa da dire.
Dixit
accessori
accessori
Tipo gioco di carte
Autore Jean-Louis Roubira
Illustratore Marie Cardouat
Editore Libellud
Asterion Press
Regole
N° giocatori 3-6
Requisiti
Età 7-99
Preparativi 5 minuti
Durata 20-30 minuti
Aleatorietà Dipende dalle persone

Dixit è un gioco di carte ideato da Jean-Louis Roubira e illustrato da Marie Cardouat, vincitore dello Spiel des Jahres nel 2010.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del gioco i giocatori ricevono 6 carte a testa e i segnalini voto dal numero 1 al numero dei giocatori (ad esempio se ci sono 4 giocatori ricevono i segnalini dall'uno al quattro).

In ogni turno uno dei giocatori avrà il ruolo del narratore, egli sceglie una carta dalla propria mano e dice agli altri una frase che sia in relazione con l'immagine raffigurata. A quel punto ogni giocatore deve scegliere una carta tra le proprie che sia in relazione con la frase pronunciata dal narratore e la consegna coperta proprio al narratore. Il narratore mescola le carte di tutti i giocatori e la propria, poi le posiziona scoperte sul tavolo.

Tutti i giocatori tranne il narratore posizionano una carta segnalino con il numero corrispondente alla carta che essi credono sia stata giocata dal narratore e la scoprono.

A quel punto il narratore rivela quale è la carta giocata da lui e tutti coloro che hanno indovinato ricevono 3 punti, anche il narratore riceve tre punti. Il narratore deve prestare attenzione al fatto di pronunciare una frase che sia legata alla carta scelta ma non in modo troppo palese, perché sia nel caso in cui tutti indovinino la sua carta che nel caso in cui nessuno la indovini egli non riceve punti mentre gli altri giocatori ricevono due punti. Inoltre ogni giocatore (tranne il narratore) prende un punto per ogni giocatore che ha indicato la sua carta.

Al termine di una manche tutti i giocatori pescano una carta (in modo da averne sempre in mano 6) e il ruolo del narratore passa al giocatore a sinistra del narratore precedente.

Il giocatore che arriva prima a 30 punti vince la partita.

Espansioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle espansioni sottoelencate sono state anche pubblicate carte singole distribuite come prozione a fiere come Gen Con.

  • (2010) Dixit: Quest (conosciuto anche come Dixit 2). Espansione che aggiunge 84 nuove carte con illustrazioni di Marie Cardouat.
  • (2012) Dixit: Journey. Espansione, giocabile anche a sé stante, con carte illustrate da Xavier Collette.
  • (2011) Dixit: Odyssey. Espansione, giocabile anche a sé stante, che aggiunge 84 nuove carte con illustrazioni di Marie Cardouat e Pierô.
  • (2013) Dixit 3. Espansione che aggiunge 84 nuove carte con illustrazioni di Xavier Collette.
  • (2013) Dixit: Origins (conosciuto anche come Dixit 4). Espansione che aggiunge 84 nuove carte con illustrazioni di Clément Lefevre.
  • (2014) Dixit: Daydreams (conosciuto anche come Dixit 5). Espansione che aggiunge 84 nuove carte con illustrazioni di Franck Dion.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DEEN) Ausgezeichnete Spiele 2010, Spiel des Jahres. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  2. ^ (FR) As d'Or - Jeu de l'Année, Sito ufficiale del Festival International du Jeux. URL consultato il 14 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giochi da tavolo