7 Wonders

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
7 Wonders
Tipo gioco di carte
Luogo origine Belgio
Autore Antoine Bauza
Illustratore Miguel Coimbra
Editore Repos Production
Asterion Press
1ª edizione 2010
Regole
N° giocatori 2-7 (8 con l'espansione 7 Wonders Cities)

7 Wonders è un gioco di carte in stile tedesco ideato da Antoine Bauza e pubblicato dalla Repos Production nel 2010, che ha vinto il Kennerspiel des Jahres[1] e il Deutscher Spiele Preis[2] nel 2011. È stato il primo gioco a ricevere il Kennerspiel des Jahres.[3]

Il gioco è stato pubblicato in italiano sia dalla Repos Production (un'edizione multilingua comprendente olandese, inglese, tedesco, italiano e spagnolo), che esclusivamente in italiano dalla Asterion Press nel 2011.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ogni giocatore riceve all'inizio del gioco una scheda che rappresenta una delle sette meraviglie del mondo, che rappresenta la civiltà che controlla. La scheda indica quali sono i bonus che dà la meraviglia ai vari stadi di avanzamento di costruzione e le risorse iniziali a disposizione del giocatore.

Il gioco viene giocato in tre turni rappresentanti tre epoche, una più avanzata dell'altra. Ad ogni epoca è associato un mazzo di carte che rappresentano materie prime, prodotti finiti, strutture militari, civili, commerciali, scientifiche e gilde. Ogni carta riporta il proprio costo di costruzione, che può essere nullo o richiedere di possedere alcune risorse o di pagare monete d'oro. Risorse mancanti possono essere acquistate da uno dei giocatori vicini se questo le possiede e vengono pagate in monete d'oro. Il costo di alcune strutture può essere ignorato se si possiede una specifica struttura dell'era precedente.

All'inizio di ogni era ogni giocatore riceve sette carte del mazzo di quell'era. Ogni giocatore sceglie contemporaneamente agli altri una singola carta dalla propria mano da giocare e quindi passa il resto della mano al giocatore vicino (alla sua sinistra nella prima e terza era e alla sua destra nella seconda era). Le carte giocate vengono rivelate contemporaneamente, il loro costo pagato e i loro effetti risolti. Quindi si ripete la scelta della carta da giocare per altri cinque turni fino a che non resta che una singola carta in mano a ogni giocatore, che viene scartata.

Al termine di ogni era vengono risolti i conflitti militari tra vicini, quindi si distribuisce una nuova mano dal mazzo dell'era successiva e si prosegue. Esaurito anche il secondo mazzo si prosegue con il terzo mazzo, terminato anche questo i giocatori conteggiano i loro punteggi nelle differenti aree (civile, scientifica e commerciale). Chi ha ottenuto più punti vince.

Ci sono sette modi per raccogliere punti vittoria:[4]

  1. Vittoria militare - un punto per le vittorie nella prima età, tre punti per quelle nella seconda età e cinque per quelle nella terza età. Un giocatore sconfitto riceve un punto vittoria negativa al termine di ogni età. Il valore delle sconfitte non cambia con il cambiare dell'età
  2. Monete d'oro - un punto per ogni tre monete d'oro che un giocatore possiede alla fine del gioco
  3. Avanzamento della Meraviglia - ogni Meraviglia conferisce un numero di punti vittoria differente come ricompensa per lo stadio di avanzamento nel costruirla.
  4. Strutture civili (carte blu): ogni struttura conferisce un numero di punti vittoria fisso, che generalmente aumenta con l'aumentare dell'età.
  5. Strutture commerciali (carte gialle)- alcune di queste strutture, generalmente quelle della terza era conferiscono punti vittoria basati su altre strutture/risorse che un giocatore e/o i propri vicini hanno costruito.
  6. Gilde (carte viola) - forniscono punti vittoria, basati su quello che un giocatore e/o i propri vicini hanno costruito.
  7. Strutture scientifiche - ci sono tre simboli associati alle strutture scientifiche che conferiscono punti vittoria in base a quanti e quali simboli un giocatore ha costruito.

Espansioni[modifica | modifica sorgente]

Espansioni ufficiali[modifica | modifica sorgente]

  • 2011: 7 Wonders: Leaders. Aggiunge un nuovo tipo di carta, i leader e una nuova carta meraviglia, Roma. Ogni giocatore riceve quattro carte leader a inizio partita e può giocare una all'inizio di ogni era, pagandola in monete d'oro.
  • 2012: 7 Wonders: Cities. Porta il numero di giocatori massimo a otto, aggiunge un nuovo tipo di carta (le città in rovina)

Espansioni promozionali[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Campionato italiano di 7 Wonders[modifica | modifica sorgente]

Organizzato dalla Boardgame League[11] coinvolge ogni anno centinaia di giocatori e appassionati da tutta Italia. Di seguito l'elenco delle edizioni con i relativi vincitori.

Edizione Anno Sede della finale Manifestazione Campione d'Italia Secondo Classificato Terzo Classificato
I 2012 Modena PLAY Davide Genestreti Marco Missiroli Roberto Mirabella
II 2013 Modena PLAY Lorenzo Rocci Alberto Carpani Claudio Vironda
III 2014 Caorle BGL Con Enrica Cecchi Carmine Vattimo Gabriele Timolati

7 Wonders Cities

Edizione Anno Sede della finale Manifestazione Coppia vincitrice
I 2013 Bologna Asterion Gaming Days Claudio Vironda Lorenzo Rocci

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) 7 Wonders, sito ufficiale Spiel des Jahres. URL consultato il 17 febbraio 2013.
  2. ^ (DE) Deutscher Spiele Preis - Preisträger, sito ufficiale del Deutscher Spiele Preis. URL consultato il 17 febbraio 2013.
  3. ^ All Kennerspiel des Jahres Winners, sito ufficiale del Spiel des Jahres, 27 giugno 2011. URL consultato l'11 luglio 2011.
  4. ^ Bauza, Antoine. 7 Wonders Rulebook and Scorecard. Repos Production, 2010, p. 3.
  5. ^ (DE) 7 Wonders: Manneken Pis. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  6. ^ (EN) 7 Wonders: Leaders Stevie Wonder Promo Card. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  7. ^ Kulkmann's G@mebox - SPIEL 2011 at Essen / Germany. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  8. ^ (DE) 7 Wonders: Catan Island. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  9. ^ (EN) 7 Wonders: Leaders Louis Armstrong Promo Card. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  10. ^ (EN) 7 Wonders: Leaders Esteban Promo Card. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  11. ^ Boardgame League. URL consultato il 28 giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Giochi di ruolo Portale Giochi di ruolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giochi di ruolo