This Was

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
This Was
Artista Jethro Tull
Tipo album Studio
Pubblicazione 25 ottobre 1968(UK)
3 febbraio 1969 (USA)
Durata 37 min : 31 s +
8 min : 21 s (bonus track)
Dischi 1 (2 edizione 40th Anniversary Collector's Edition)
Tracce 10 + 3 bonus track
Genere Blues rock
Rock
Rock progressivo
Etichetta Chrysalis
Island Records (UK)
Reprise Records (USA)
Produttore Terry Ellis, Jethro Tull
Registrazione 13 giugno 1968 -
23 agosto 1968
Sound Techniques Studio, Chelsea, Londra
Note Ristampato nel 2001 con 3 tracce bonus e nel 2008 versione Collector's Edition
Jethro Tull - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1969)
« Everyday I see the morning come on in the same old way. I tell myself tomorrow brings me things I would not dream today. »
(da "A Song for Jeffrey")
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 3/5 stelle
Melody Maker Favorevole
NME Favorevole
George Starostin 11/15 stelle[1]

This Was è il primo album discografico dei Jethro Tull, registrato e pubblicato nel 1968.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Si distingue dalla loro produzione successiva, per due ragioni principali: la grande presenza di blues, determinata dal primo chitarrista della formazione, Mick Abrahams (che lasciò i Jethro Tull dopo questo disco), e, come contraltare alla "musica del diavolo", l'amore per il jazz, e per uno dei suoi sacerdoti, Roland Kirk.

Il portavoce di questa seconda influenza è, pur se non ancora formalmente riconosciuto leader della band, il flautista, cantante e armonicista Ian Anderson, nel disco trovano quindi spazio sia le influenze di blues del chitarrista, che quelle di jazz del flautista.

Curiosamente, causa lo scontro/incontro dei due generi, si affaccia un terzo genere: il folk. Per moda, ma anche per l'amore del front man del gruppo, il folk accompagnerà la produzione della formazione britannica per parecchi anni a venire. Qui invece tutto suona come il tradizionale omaggio alla musica del Delta; di formazioni e musicisti bianchi come ce n'erano tante allora, da Alexis Korner, a John Mayall & Bluesbreaker, dagli Stones fino ai Cream. La forte presenza di questo genere nel disco stupisce forse per la forte lontananza della loro produzione successiva (anche se nella discografia della band si possono ritrovare più volte dei riferimenti al Blues).

This Was è anche l'unico album dei Jethro Tull dove Ian Anderson non è la voce principale: infatti in Some Day the Sun Won't Shine for You e Move On Alone è presente anche il canto del chitarrista Abrahams.

La copertina è stata concepita da Terry Ellis e Ian Anderson e realizzata da Brian Ward.

Nel 2001 è stata pubblicata un'edizione rimasterizzata con l'aggiunta di 3 bonus track. Per il quarantesimo anniversario del 2008 è stato inoltre pubblicato in edizione deluxe doppio disco con brani dal vivo e rimasterizzati.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. My Sunday Feeling (Anderson) - 3:38
  2. Some Day the Sun Won't Shine for You (Anderson) - 2:42
  3. Beggar's Farm (Abrahams/Anderson) - 4:19
  4. Move on Alone (Abrahams) - 2:00
  5. Serenade to a Cuckoo (Roland Kirk) - 6:01
  6. Dharma for One (Anderson/Bunker) - 4:11
  7. It's Breaking Me Up (Anderson) - 4:56
  8. Cat's Squirrel (tradizionale, arrangiamento di Abrahams) - 5:36
  9. Song for Jeffrey (Anderson) - 3:18
  10. Round (Anderson/Abrahams/Bunker/Cornick/Terry Ellis) - 0:50
    • Bonus track presenti nella versione rimasterizzata del 2001:
  11. One for John Gee (Abrahams) - 2:05
  12. Love Story (Anderson) - 3:07
  13. Christmas Song (Anderson) - 3:09

This Was 40th Anniversary Collector's Edition 2008[modifica | modifica sorgente]

A quarant'anni dalla pubblicazione del 1968 This Was viene pubblicato in versione 40th Anniversary Collector's Edition, in occasione del quarantesimo anniversario del gruppo.

Tracce Disco 1[modifica | modifica sorgente]

  1. My Sunday Feeling (Original Mono Remastered)
  2. Some Day The Sun Won't Shine For You (Original Mono Remastered)
  3. Beggar's Farm (Original Mono Remastered)
  4. Move On Alone (Original Mono Remastered)
  5. Serenade To A Cuckoo (Original Mono Remastered)
  6. Dharma For One (Original Mono Remastered)
  7. It's Breaking Me Up (Original Mono Remastered)
  8. Cat's Squirrel (Original Mono Remastered)
  9. A Song For Jeffrey (Original Mono Remastered)
  10. Round (Original Mono Remastered)
  11. So Much Trouble (BBC Sessions)
  12. My Sunday Feeling (BBC Sessions)
  13. Serenade To A Cuckoo (BBC Sessions)
  14. Cat's Squirrel (BBC Sessions)
  15. A Song For Jeffrey (BBC Sessions)
  16. Love Story (BBC Sessions)
  17. Stormy Monday (BBC Sessions)
  18. Beggars Farm (BBC Sessions)
  19. Dharma For One (BBC Sessions)

Tracce Disco 2[modifica | modifica sorgente]

  1. My Sunday Feeling (New Stereo Mix)
  2. Some Day The Sun Won't Shine (New Stereo Mix)
  3. Beggars Farm (New Stereo Mix)
  4. Move On Alone (New Stereo Mix)
  5. Serenade To A Cuckoo (New Stereo Mix)
  6. Dharma For One (New Stereo Mix)
  7. It's Breaking Me Up (New Stereo Mix)
  8. Cat's Squirrel (New Stereo Mix)
  9. A Song For Jeffrey (New Stereo Mix)
  10. Round (New Stereo Mix)
  11. Love Story (Additional New Stereo Mix)
  12. Christmas Song (Additional New Stereo Mix)
  13. Sunshine Day (Original Mono Remastered)
  14. One For John Gee (Original Mono Remastered)
  15. Love Story (Original Mono Remastered)
  16. Christmas Song (Original Mono Remastered)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • In Dharma For One viene utilizzato uno strumento chiamato Claghorn, questo strumento è in realtà frutto di un'invenzione dello stesso Ian e consiste sostanzialmente in un flauto in legno al quale è stato aggiunto il bocchino di un sassofono.

Claghorn:

« "a strange bamboo flute with a saxophone mouthpiece attached to it called a claghorn — a dreadful instrument that I invented" »
(Ian Anderson, interview with BBC Radio Scotland, 27 August2001 [1])

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Gruppo[modifica | modifica sorgente]

Altri musicisti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione di George Starostin
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo