Theobald von Bethmann-Hollweg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theobald von Bethmann-Hollweg
Theobald von Bethmann-Hollweg Portrait.jpg

Cancelliere dell'Impero tedesco
e Primo Ministro di Prussia
Durata mandato 14 luglio 1909 –
13 luglio 1917
Capo di Stato Guglielmo II
Predecessore Bernhard von Bülow
Successore Georg Michaelis

Dati generali
Firma Firma di Theobald von Bethmann-Hollweg

Theobald von Bethmann-Hollweg (Hohenfinow, 29 novembre 1856Hohenfinow, 1º gennaio 1921) è stato un politico tedesco.

Ricoprì numerosi incarichi di prestigio e fu cancelliere del Reich (1909-1917). Fu un buon governante ma troppo succube ai voleri dell'imperatore Guglielmo II e con una scarsa fermezza nelle sue decisioni.

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Bethmann Hollweg nacque a Hohenfinow, Brandenburgo, figlio dell'ufficiale prussiano d'esercito Felix von Bethmann Hollweg, proveniente da un'importante famiglia di banchieri. Suo nonno era August von Bethmann Hollweg, che era stato un importante riformatore legislativo nonché rettore dell'Università Federico Guglielmo di Berlino, oltre a ricoprire il ruolo di Ministro della Cultura dello stato prussiano. Sua madre era invece Idabella de Rougemont, una alto-borghese svizzero-francese.

Il giovane Theobald venne educato alla scuola di Schulpforta e poi all'Università di Strasburgo, a quella di Lipsia ed a quella di Berlino. Durante i suoi studi superiori ebbe la fortuna di conoscere il principe Guglielmo di Hohenzollern, futuro imperatore Guglielmo II, e diventarne amico, così che la carriera politica gli si dischiuse senza difficoltà.

L'inizio della carriera politica: 1882-1909[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nel servizio amministrativo prussiano nel 1882, nel 1899 divenne presidente della Provincia di Brandeburgo. In quello stesso anno egli sposò Martha von Pfuel, nipote di Ernst von Pfuel, primo ministro prussiano dell'epoca.

L'amicizia con l'imperatore e con Bernhard von Bülow (cancelliere dal 1900 al 1909) unita ad una fedeltà incondizionata ad essi, gli permise di diventare ministro degli Interni (1905) e poi del Reich (1907).

Nel 1909, dopo le dimissioni del cancelliere Bernhard von Bülow, Bethmann Hollweg venne nominato a succedergli.[1]

L'inizio del cancellierato[modifica | modifica wikitesto]

Durante il biennio 19081909 Bethmann–Hollweg si mostrò uno dei più solidi alleati dell'imperatore Guglielmo, difendendolo dalle critiche mossegli da più parti ed anche dallo stesso cancelliere Bulow.

Quest'ultimo divenne sempre più dissidente nei confronti dell'imperatore Guglielmo II (noto per il suo autoritarismo, tanto da aver licenziato il cancelliere Otto von Bismarck per essersi opposto ai suoi voleri). Dopo l'incidente dell'intervista al Daily Telegraph (27 ottobre 1908), Bülow presentò una prima volta le dimissioni, che furono rifiutate. A seguito di una crisi parlamentare, nel luglio 1909, le presentò nuovamente e questa volta il Kaiser le accettò.

Lo scoppio della prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Theobald von Bethmann-Hollweg in uniforme. Il cancelliere non prestò mai servizio effettivo nell'esercito, ma dopo l'inizio della guerra egli venne nominato generale onorario e come tale iniziò a vestire l'uniforme militare.[2]

Guglielmo II, a questo punto, desiderando un cancelliere più accondiscendente, si ricordò del fidato amico Bethmann – Hollweg. Il suo cancellierato, come si può comprendere, fu molto scialbo ed allineato ai voleri della Corona. La crisi latente d'inizio Novecento giunse ad un punto di rottura con l'esplosione della prima guerra mondiale (giugno 1914), la quale vide coinvolta in prima linea la Germania e lui, che aveva appoggiato l'ultimatum dell'Austria alla Serbia senza neanche consultare il Kaiser; quest'ultimo lo apostrofò dicendo: "Tu hai cucinato questo piatto, adesso dobbiamo mangiarlo"[senza fonte].

Mancato intervento sul genocidio armeno[modifica | modifica wikitesto]

La Turchia era alleata della Germania nella guerra e stava conducendo una campagna di espulsione e uccisioni a danno degli Armeni dall'inizio del 1915. Malgrado i numerosi dispacci dai diplomatici tedeschi i quali richiedevano alla Germania di prendere posizione su quanto stava accadendo, il Reichskanzler si rifiutò di intervenire nella questione. L'ambasciatore Paul Wolff Metternich così scriveva a Bethmann Hollweg il 7 dicembre 1915 da Costantinopoli:

« [I turchi] dicono che le esigenze di guerra impongano anche agli armeni di partecipare agli scontri mentre allo stesso tempo ne mettono a morte a centinaia tra donne, bambini e vecchi o li riducono in miseria e sul lastrico. ( … ) I nostri quotidiani devono dare voce a questa persecuzione ingiusta degli Armeni e fermare l'azione dei Turchi. Ciò che stanno facendo è perché glie lo permettiamo, coi nostri ufficiali, con la nostra artiglieria, coi nostri soldi. Senza l'aiuto della Germania la Turchia tracollerebbe su sé stessa. ( … ) Per avere successo nella questione armena, dobbiamo mettere paura nei cuori della leadership turca circa le conseguenze di queste azioni. (…) Talaat Bey è l'anima della persecuzione degli armeni.[3] »

Il 16 dicembre, Bethmann Hollweg scrisse a margine della lettera:

« La proposta di calare le braghe ad un alleato nel bel mezzo di una guerra può essere una misura disciplinare senza precedenti nella storia, ma il nostro obbiettivo è quello di tenere la Turchia dalla nostra parte sino alla fine della guerra, senza riguardo per quanti armeni periscano per questa causa. Se la guerra continuerà ancora a lungo avremo bisogno dei turchi. Non capisco come Metternich possa fare una simile proposta ( … )[4] »

La conclusione della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1916 tentò di trattare, senza successo, con gli Alleati ed uguale sorte ebbe un secondo tentativo l'anno dopo. Tuttavia egli si oppose, non sempre in modo esplicito per via del suo carattere indeciso, alla guerra sottomarina indiscriminata, che portò all'entrata in guerra degli Stati Uniti (aprile 1917). Avversato dall'ala conservatrice della politica e dagli alti comandi dell'esercito per la sua moderazione, in seguito venne osteggiato anche dai partiti di sinistra e dal Centro che fino a quel momento lo avevano supportato; queste due frange si unirono per sfiduciare davanti all'imperatore il cancelliere, il quale si dimise il 12 luglio 1917.

Ritiratosi in Olanda, morì nel 1921 di polmonite.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Theobald von Bethmann-Hollweg
Stemma
Cancelliere dell'Impero Tedesco
Trattamento di cortesia Sua Eccellenza
Trattamento colloquiale Vostra Eccellenza
Titolo nobiliare Conte von Bethmann-Hollweg
Trattamento alternativo Herr
I trattamenti d'onore
Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scrap of Paper Chancellor of Germany Dies, The Globe. Toronto, 3 gennaio 1921. accesso 8 ottobre 2006.
  2. ^ vedi qui
  3. ^ Gust 2005, Document 1915-12-07-DE-001, p.394-5.
  4. ^ Gust 2005, Document 1915-12-07-DE-001, p.395.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wolfgang Gust, ed.: Der Völkermord an den Armeniern 1915/15: Dokumente aus dem Politischen Archiv des Auswärtigen Amts ISBN 3-934920-59-4, pubblicato da Klampen Verlag, 2005
  • Gerhard Ritter, I militari e la politica nella Germania moderna. Vol. 2: La prima guerra mondiale e le crisi della politica tedesca (1914 - 1917). ISBN 8806373668, Einaudi editore, 1973

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cancelliere del Reich Successore Bundesadler Bundesorgane.svg
Bernhard von Bülow 14 luglio 1909 - 13 luglio 1917 Georg Michaelis

Controllo di autorità VIAF: 12348648 LCCN: n86128270