Stratone di Lampsaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stratone raffigurato nella Cronache di Norimberga
Mosaico raffigurante Aristotele, Teofrasto e Stratone

Stratone di Lampsaco (335 a.C. circa – 269 a.C. circa) è stato un filosofo e scienziato greco antico[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Originario della città di Lampsaco, posta sulla riva sud dello stretto dei Dardanelli, Stratone studiò ad Atene, dove fu allievo di Teofrasto. Verso il 300 a.C. fu chiamato ad Alessandria d'Egitto come precettore del futuro Tolomeo II Filadelfo, carica che occupò fino al 294 a.C. Venne anche chiamato a consolare la moglie di Tolomeo II, Arsinoe, per un lutto subìto. Ad Alessandria conobbe Aristarco di Samo, che divenne suo allievo. Dopo la morte di Teofrasto, verso il 288 a.C. ritornò ad Atene per succedergli alla guida del Liceo. Diresse la scuola fino alla morte, avvenuta verso il 269 a.C. Diogene Laerzio ci ha trasmesso i titoli di una cinquantina di opere, delle quali abbiamo scarsi frammenti e testimonianze. Per il suo interesse ai fenomeni naturali fu detto Il Fisico.

Teorie di Stratone sul vuoto[modifica | modifica sorgente]

Tra gli argomenti sui quali Stratone dissentì dal suo caposcuola vi fu quello del vuoto, la cui esistenza Aristotele aveva negato. Le teorie di Stratone sul vuoto furono importanti per la nascente scienza della pneumatica, alla quale si pensa abbia dato importanti contributi. Si ritiene che l’introduzione, di carattere teorico, della Pneumatica di Erone di Alessandria usi Stratone come fonte essenziale.

Caduta dei gravi[modifica | modifica sorgente]

Un altro argomento studiato da Stratone di grande interesse per la storia della scienza (sul quale siamo informati da Simplicio) è l’accelerazione dei gravi in caduta. Stratone aveva dedotto l'accelerazione dei gravi, con un ingegnoso argomento, dalla forma di un filo d’acqua in caduta libera. In effetti poiché il flusso è costante attraverso tutte le sezioni orizzontali del filo, al restringersi del filo verso il basso (che è facilmente osservabile) deve corrispondere un aumento di velocità.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacomo Leopardi, nelle sue Operette morali, ricorda l’antico scienziato con uno scritto intitolato Frammento apocrifo di Stratone da Lampsaco.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Diogene Laerzio, Vite e dottrine dei più celebri filosofi, V, 58-64;
  • Polibio, Storie, XII, 25C;
  • Erone di Alessandria, Pneumatica, Introduzione;
  • Simplicio, In Aristotelis De Caelo commentaria, VII, 267-268;
  • Simplicio, In Aristotelis Physicorum libros commentaria, X, 916.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Rodier, La Physique de Straton de Lampsaque, éd. Alcan, 1891.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30332410