Eudemo da Rodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il condiscepolo e amico di Aristotele nel periodo platonico di nome Eudemo, vedi Eudemo di Cipro.

Eudemo da Rodi (in greco antico Ευδημος, traslitterato in Eudemos); IV secolo a.C. – ...) è stato un filosofo e storico della scienza [1] greco antico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Eudemo era nato nell'isola di Rodi, ma passò buona parte della sua vita ad Atene, dove studiò filosofia presso il Peripato. Collaborò a lungo e strettamente con Aristotele e viene generalmente considerato uno dei più fedeli discepoli. [2].

Insieme a Teofrasto egli veniva generalmente chiamato "compagno" (ἑταῖρος) di Aristotele piuttosto che discepolo.

Aristotele doveva particolarmente stimarlo se gli dedicò un'elegia [3] e se rinunciò a pubblicare la Metafisica che Eudemo aveva ritenuto inadatta alla diffusione. Ormai anziano si tramanda che fondasse una sua scuola a Rodi. [4]

Pubblicò, rispettandone la dottrina originale, le opere del maestro tra le quali una Fisica, un' Analitica. a noi pervenute in frammenti, e gli scritti etici di Aristotele che furono intitolati Etica Eudemea perché per molto tempo attribuiti a Eudemo.

Più rilevanti sono le sue opere di storia della scienza che rispondevano al progetto aristotelico di realizzare un piano di ricerca scientifica. Le opere di Eudemo su una Storia dell'aritmetica, una Storia della geometria, una Storia dell'astronomia sono le principali fonti della storia antica della scienza. Scrisse anche una Storia della teologia [5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da non confondersi con Eudemo di Cipro, filosofo accademico vissuto nel IV secolo a.C. amico e discepolo di Aristotele e con un altro filosofo greco peripatetico vissuto a Roma nel II secolo d.C. sotto Marco Aurelio e che Galeno ascoltò ed ebbe modo di curare.
  2. ^ Dizionario di filosofia Treccani (2009) alla voce corrispondente
  3. ^ fr.421 Rose
  4. ^ Enciclopedia Italiana Treccani (1932) alla voce corrispondente
  5. ^ I frammenti delle opere sono stati pubblicati a cura di L. Spengel (Berlino 1866, 2ª ed. 1870)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fritz Wehrli (a cura di) Die Schule des Aristoteles. Eudemus von Rhodos. Texte und Kommentar, Basel, Schwabe & Co., 1969 (edizione critica dei frammenti con commento in tedesco)
  • Istvan Bodnar, William W. Fortenbaugh (a cura di), Eudemus of Rhodes, New Brunswick, Transactions Publishers, 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]