Critolao

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Critolao (disambigua).

Critolao (in greco: Κριτόλαος) (Faselide, ... – ...) è stato un filosofo greco antico del II secolo a.C.. Non si conosce molto della sua vita. Un Critolao è citato da Plutarco[1], come l'autore di un'opera sull'Epiro, e di un altro titolo Fenomeni; e da Aulo Gellio[2] che parla anche di uno storico con questo nome. Se lo storico sia lo stesso filosofo peripatetico, non può essere determinato. Un grammatico Critolao è menzionato nell'Etymologicum Magnum.

Vita e opere[modifica | modifica sorgente]

Dalla originaria Licia si trasferì ad Atene dove divenne il quinto scolarca del Liceo, la scuola filosofica fondata da Aristotele.

Critolao scrisse una Storia del Peripato dove aveva inserito i testamenti lasciati dagli scolarchi suoi predecessori.

Insieme a Carneade e Diogene di Babilonia fece parte di un'ambasceria ateniese inviata a Roma nel 155 a.C. per chiedere la remissione di una pesante multa di 500 talenti imposta agli ateniesi colpevoli di aver distrutto la città di Oropos.

L'ambasceria ebbe successo politico e suscitò grande interesse presso gli intellettuali romani e gli uomini di stato come Scipione l'Africano, Gaio Lelio Sapiente, Lucio Furio Philus, attirati dall'arte retorica dei greci. Meno accoglienza ebbero le dottrine di cui erano portatori che apparivano pericolose per la morale tradizionale romana agli occhi dei conservatori come Catone che convinse il senato a rimandare il più rapidamente possibile l'ambasceria in Grecia.[3]

Pensiero[modifica | modifica sorgente]

Critolao da fedele seguace del maestro avrebbe voluto svolgere nella scuola peripatetica la funzione di severo custode della dottrina del maestro[4] ma in realtà se ne allontanò in alcuni punti per avvicinarsi invece allo Stoicismo. Come il maestro Critolao sosteneva che il mondo e la stessa umanità fossero eterni ma nello stesso tempo pensava che l'anima fosse di natura materiale, costituita dall'etere, la quintessenza aristotelica.

Un'ulteriore deviazione dal pensiero originario aristotelico, Critolao la fece nel campo della morale dove sosteneva che la ricerca del piacere fosse un male[5] fonte di altri mali, riproponendo in questo modo la severità e il rigore etico degli stoici.

Da una testimonianza di Cicerone sappiamo del tentativo di Critolao di operare una sintesi tra l'aristotelismo e lo stoicismo per quanto riguarda la teoria dei tre beni:

« E qui io mi domando il valore che può avere la famosa bilancia di Critolao. Pone, Critolao, su un piatto i beni spirituali, sull’altro quelli fisici ed esteriori: il piatto dei beni spirituali, egli dice, s’abbasserà talmente che neppure la terra e il mare riuscirebbero, col loro peso, a ristabilire l’equilibrio »
(Marco Tullio Cicerone, Tusc. disput., V 17, 50)

Critolao infatti sosteneva che i beni esteriori e i beni del corpo, posti su uno dei piatti della bilancia, sarebbero risultati molto più leggeri, molto meno importanti, dei beni dell'anima, della virtù, collocati sull'altro piatto. Critolao in questo modo tentava di realizzare un equilibrio tra le concezioni stoiche, per cui virtuosi erano i soli beni spirituali, e quelle aristoteliche per le quali anche i beni fisici e quelli del corpo possono essere indicai come beni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Plutarco,Parall. min.CC. 6, 9.
  2. ^ Aulo Gellio, XI, 9.
  3. ^ Plutarco, Cato Maj.22; Aulus Gellius, VII, 14; Macrobius,Saturnus, I, 5; Cicerone, De Orat, II, 37, 38.
  4. ^ cfr. Cicerone, De Finibus, V, 5 «C. imitari antiquos voluit»".
  5. ^ Aulo Gellio, IX, 5, 6,

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Julia Annas, La morale della felicità, in Aristotele e nei filosofi dell'età ellenistica, Pref. Giovanni Reale, ed. Vita e Pensiero (1998), ISBN 88-343-0870-0
  • Paul Moraux, L'aristotelismo presso i greci. volume secondo, tomo I, Gli aristotelici nei secoli I e II d.C.,Intr. Giovanni Reale, ed. Vita e Pensiero, 2000, ISBN 8834303989