Strada del Karakorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 35°36′N 74°39′E / 35.6°N 74.65°E35.6; 74.65

Cartina della Strada del Karakorum

La strada del Karakorum (Karakoram Highway in inglese da cui la sigla KKH con cui è individuata) è la strada asfaltata internazionale più alta del mondo. Collega la Cina al Pakistan attraversando la catena montuosa del Karakorum, superando il passo Khunjerab ad un'altitudine, recentemente confermata, di 4.693 metri che ne fa di gran lunga la più alta via asfaltata del mondo che attraversi un confine internazionale.

La strada, che collega i Territori del Nord del Pakistan all'antica Via della seta, è lunga circa 1.200 km da Kashgar (nello Xinjiang, Cina) a Havelian nel distretto di Abbottabad del Pakistan. Il proseguimento della strada incontra la Grand Trunk Road ad Hasan Abdal, ad ovest di Islamabad. Una grossa porzione della strada attraversa le aree del nord del Pakistan.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Il punto più alto della strada: il Passo Khunjerab.
La Strada del Karakorum nello Xinjiang in Cina.

Negli ultimi anni, questa strada è diventata una destinazione turistica per viaggi avventurosi. La strada ha dato agli alpinisti un facile accesso a molte montagne, ghiacciai e laghi d'alta quota della zona. La Strada del Karakorum consente un facile accesso via terra a Gilgit e Skardu da Islamabad. Questi sono i due principali centri per le spedizioni montuose nel nord del Pakistan.

I fatti dell'"11 settembre" hanno avuto l'effetto collaterale di ridurre il turismo nell'area, poiché da allora il Pakistan è stato sconsigliato come meta turistica. I turisti di lingua non inglese (inclusi molti europei) stanno ricominciando a frequentare queste zone mentre inglesi ed americani sono ancora rari a causa della permanente, anche se isolata, cattiva fama.

Montagne e ghiacciai[modifica | modifica sorgente]

La KKH consente alle spedizioni l'accesso alla maggior parte dei picchi nel nord del Pakistan e a numerose montagne nello Xinjiang. Questa regione include alcuni tra i più grandi ghiacciai del mondo, come il Ghiacciaio Baltoro. Cinque degli 8000 (montagne che superano gli 8.000 metri di altezza) che si trovano in Pakistan sono accessibili tramite la KKH, un modo o nell'altro. Questi monti includono:

  • K2, al confine tra Cina e Pakistan, la seconda vetta del mondo con 8.611 m.
  • Nanga Parbat, Pakistan, 9° per altezza con 8.125 metri
  • Gasherbrum I, al confine tra Cina e Pakistan, 11° al mondo con 8.080 m.
  • Broad Peak, al confine tra Cina e Pakistan, 12° al mondo con 8.047 m.
  • Gasherbrum II-IV, Pakistan, 13° e 17° al mondo con 8.035 e 7.932 m.
  • Masherbrum (K1), Pakistan, 22° al mondo, 7.821 m.
  • Muztagh Ata, Cina, 7.546 m.
  • Kungur Tagh, Cina, 7.719 m.

Laghi[modifica | modifica sorgente]

Diversi laghi sono raggiungibili dalla strada.

Pianure del Deosai[modifica | modifica sorgente]

Pianure del Deosai, il secondo altopiano per altezza al mondo, a 4.115 m si trova nel sud dello Skardu e nell'est della Valle dell'Astore. La pianura copre un'area di 3.000 chilometri quadrati. L'area è stata dichiarata Parco nazionale del Deosai nel 1993.

Graffiti rupestri[modifica | modifica sorgente]

Ci sono più di 20.000 esemplari di incisioni rupestri e rocce artistiche lungo la KKH nel nord del Pakistan, che sono concentrati in dieci principali siti tra fiume Hunza e Shatial. Le incisioni sono state lasciate da vari invasori, commercianti e pellegrini che hanno attraversato questa rotta, così come da locali. I più antichi risalgono al periodo tra il 5.000 e il 1000 a.C., e mostrano animali, uomini stilizzati e scene di caccia in cui gli animali sono molto più grossi degli uomini. Queste incisioni sono state scolpite nella roccia con strumenti in pietra e sono coperti da una fitta patina che ne prova l'età. L'archeologo Karl Jettmar ha ricostruito la storia dell'area da varie incisioni e ha esposto le sue scoperte in Rockcarvings and Inscriptions in the Northern Areas of Pakistan e nel successivo Between Gandhara and the Silk Roads - Rock carvings Along the Karakoram Highway.

Trasporto pubblico tra Gilgit e Kashghar[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2006, i rispettivi governi hanno annunciato che dal 1 giugno 2006 un servizio di autobus quotidiani avrebbe attraversato il confine tra Gilgit, Pakistan e Kashghar, Cina, e che lavori di ampliamento sarebbero cominciati su 600 km della strada.

Condizioni meteo[modifica | modifica sorgente]

È preferibile percorrere la KKH in primavera o all'inizio dell'autunno. Forti nevicate durante il rigido inverno possono far chiudere la strada per lunghi periodi. Tra luglio e agosto le piogge monsoniche possono causare frane di fango che bloccano la strada per ore.

L'attraversamento del confine tra Cina e Pakistan al passo Khunjerab è aperto solo tra il 1° maggio e il 15 ottobre.

Una pietra miliare sulla Strada del Karakorum in Pakistan

Storia[modifica | modifica sorgente]

La KKH è stata costruita dai governi di Pakistan e Cina ed è stata completata nel 1978, dopo circa 20 anni di lavori. Diverse centinaia di lavoratori pakistani e cinesi hanno perso la vita durante i lavori, soprattutto in frane e cadute. Il percorso della KKH segue uno dei molti tracciati della Via della seta.

Dal lato pakistano la strada è stata costruita dalla FWO (Frontier Works Organization), impiegando un corpo militare di genieri. Attualmente la divisione ingegneristica dell'esercito pakistano sta lavorando ad un progetto per documentare la storia della Karakorum Highway. Il brigadiere in pensione Muhammad Mumtaz Khalid, un vecchio veterano che lavorò alla costruzione della strada, sta scrivendo la storia della Strada del Karakorum.

A causa dello stato estremamente critico del conflitto del Kashmir tra India e Pakistan, la strada ha una grande importanza strategica e militare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]