Sindrome LEOPARD

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Sindrome LEOPARD
Malattia rara
Codici di esenzione
SSN italiano RN1010
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 759.8
ICD-10 (EN) Q87.0
Sinonimi
Lentigginosi cardiomiopatica progressiva
Sindrome di Gorlin

La sindrome LEOPARD, o lentigginosi cardiomiopatica progressiva[1] o sindrome di Gorlin, è una malattia genetica caratterizzata da un insieme di malformazioni scheletriche e cardiache associate alla presenza sulla pelle di lentiggini. La malattia venne descritta per la prima volta nel 1936 da Zeisler e Becker come associazione di lentiggini, ipertelorismo, petto carenato e prognatismo[2]; osservazioni successive permisero l'associazione di tali caratteristiche somatiche con i difetti scheletrici e cardiovascolari, ma fu Gorlin che nel 1969 coniò il termine LEOPARD[3] come acronimo che indica sette caratteristiche cliniche e che riconduce anche all'aspetto "macchiato" della pelle dei pazienti per la presenza delle lentiggini.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

La malattia è classificata come rara[4] o estremamente rara[5] dalla letteratura, che comprende un centinaio circa di casi clinici descritti.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Confusa inizialmente con la neurofibromatosi per la presenza delle macchie caffellatte, e con la sindrome di Noonan per l'ipertelorismo che caratterizza entrambe le forme, la sindrome LEOPARD è in realtà dovuta a una mutazione che coinvolge lo stesso gene di quest'ultima, il PTPN11, assieme ad altre mutazioni accessorie che ne spiegano la variabilità clinica. Il gene PTPN11 è responsabile della sintesi dell'enzima tirosin-fosfatasi, ma questo tipo di mutazione produce aspetti differenti da quelli della sindrome di Noonan e si verifica con una frequenza di gran lunga minore[6]. La sindrome si trasmette come carattere autosomico dominante. Il gene responsabile ha un'alta penetranza, ma l'espressività è estremamente variabile e determina caratteristiche cliniche a volte parziali.

Caratteristiche cliniche[modifica | modifica sorgente]

L'acronimo LEOPARD indica l'associazione di:

  • Lentiggini: sono numerosissime e possono arrivare a coprire, senza una distribuzione particolare, fino all'80% della superficie corporea, interessando sia le aree esposte al sole che quelle non esposte; il contorno è irregolare e la loro grandezza varia da pochi millimetri a 1-1,5 centimetri di diametro. Lo studio dei melanociti ha rivelato la presenza di granuli giganti di melanina simili a quelli riscontrati nelle macchie caffellatte della neurofibromatosi.
  • Anomalie Elettrocardiografiche, per la presenza di disturbi di conduzione quali blocco di branca.
  • Ipertelorismo Oculare: l'aumento di distanza fra gli occhi si accompagna ad altre caratteristiche somatiche quali bassa attaccatura delle orecchie e prognatismo (sporgenza della mandibola).
  • Stenosi Polmonare: il restringimento è di solito localizzato alla radice dell'arteria polmonare e può accompagnarsi alla compresenza di stenosi aortica o di prolasso valvolare mitralico
  • Anomalie genitali quali ipospadia o criptorchidismo nel maschio, agenesia o ipoplasia di un ovaio nella femmina.
  • Ritardo di crescita: i bambini hanno peso normale alla nascita e cominciano a rallentare lo sviluppo dopo l'anno di vita.
  • Difetto dell'udito: si tratta di solito di sordità neurosensoriale (in inglese: Deafness).

Sono stati descritti anche due casi di leucemia associata alla sindrome[7][8].

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Per la diagnosi non è necessaria la compresenza di tutte le caratteristiche sopra descritte. È sufficiente il riscontro dell'associazione di lentiggini e di altre due caratteristiche o, in assenza di lentiggini, la presenza di 3 caratteristiche e la conferma della diagnosi in un parente di primo grado (genitore, figlio, fratello)[9].

Prognosi e terapia[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei pazienti affetti dalla sindrome può condurre una vita relativamente normale; la cardiomiopatia è responsabile della morte in quei pazienti in cui le anomalie cardiovascolari sono più rilevanti. Una volta confermata la diagnosi, i pazienti dovrebbero comunque essere seguiti dal punto di vista cardiologico.

Poiché la sindrome è compatibile con una normale fertilità, i pazienti (e i parenti dei pazienti) dovrebbero sottoporsi a una consulenza genetica se decidono di avere figli. L'eventuale gravidanza va seguita anche per il monitoraggio delle eventuali malformazioni cardiache.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ James, William; Berger, Timothy; Elston, Dirk (2005). Andrews' Diseases of the Skin: Clinical Dermatology. (10th ed.). Saunders. ISBN 0721629210.
  2. ^ Zeisler EP, Becker SW, Generalized lentigo: its relation to systemic nonelevated nevi in Arch Dermatol Syphilol, vol. 33, 1936, pp. 109–125.
  3. ^ Gorlin RJ, Anderson RC, Blaw M, Multiple lentigenes syndrome in Am. J. Dis. Child., vol. 117, n. 6, 1969, pp. 652–62. PMID 5771505.
  4. ^ Sito della National Organization for Rare Disorders (NORD)
  5. ^ Jozwiak, S. e Schwartz, R. LEOPARD Syndrome overview
  6. ^ Tullu MS, Muranjan MN, Kantharia VC, et al., Neurofibromatosis-Noonan syndrome or LEOPARD Syndrome? A clinical dilemma in J Postgrad Med, vol. 46, n. 2, 1º aprile 2000, pp. 98–100. PMID 0011013475.
  7. ^ 6.Laux D, Kratz C, Sauerbrey A. Common acute lymphoblastic leukemia in a girl with genetically confirmed LEOPARD syndrome. J Pediatr Hematol Oncol. Aug 2008;30(8):602-4
  8. ^ Ucar C, Calyskan U, Martini S, Heinritz W: Acute myelomonocytic leukemia in a boy with LEOPARD syndrome (PTPN11 gene mutation positive). J Pediatr Hematol Oncol 2006 Mar; 28(3): 123-5
  9. ^ Voron DA, Hatfield HH, Kalkhoff RK, Multiple lentigines syndrome. Case report and review of the literature in Am. J. Med., vol. 60, n. 3, 1976, pp. 447–56. DOI:10.1016/0002-9343(76)90764-6, PMID 1258892.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]