Scheletro (anatomia umana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Visione frontale dello scheletro umano
Visione posteriore dello scheletro umano

Lo scheletro umano è un endoscheletro, ossia una struttura di sostegno posta all'interno del corpo, formata da un insieme di ossa e tessuto cartilagineo che sostiene il corpo umano. Alla nascita lo scheletro umano presenta circa 270 ossa[1]; da adulti le ossa si riducono a 206 legate tra loro da 68 articolazioni in quanto, durante lo sviluppo, alcune ossa si uniscono tra di loro e vanno a formarne uno solo. Questo numero è sottoposto a una varietà di differenze anatomiche; per esempio, una piccola parte della popolazione umana possiede una costa in più, oppure una vertebra coccigea in più.

In un essere adulto medio, lo scheletro rappresenta circa il 20% del peso corporeo.

Lo scheletro può essere suddiviso in assile (ossa della testa e ossa del tronco e la gabbia toracica ) e appendicolare (ossa degli arti, cintura scapolare e cintura pelvica)

Le funzioni dello scheletro sono molteplici:

Disposizione delle cartilagini[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte dello scheletro, in misura modesta, anche le cartilagini tra cui: le cartilagini delle superfici articolari, dei dischi e dei menischi, la porzione cartilaginea delle coste, alcune più indipendenti:

Classificazioni delle ossa[modifica | modifica wikitesto]

Lo scheletro adulto è composto da 206 ossa.

Le ossa possono dividersi rispetto alla struttura in:

  • osso compatto, che appare omogeneo e denso;
  • osso spugnoso, composto da una rete di sbarrette e lamine ossee che racchiudono cavità più o meno ampie.

Le ossa possono distinguersi in:

  • impari, situate sulla linea mediana del corpo;
  • pari, poste ai lati della linea mediana.

Inoltre si suddividono in:

  • lunghe, prevale la lunghezza su larghezza e spessore costano di un corpo o diafisi e di due estremità o epifisi e sono costituite in gran parte di osso compatto (es. femore);
  • brevi, generalmente sono cuboidali costituite per lo più di osso spugnoso (es. polso);
  • piatte, sono laminari sottili e generalmente incurvate, costano di due strati sottili di osso compatto tra i quali è compreso uno strato di osso spugnoso (es. scapola);
  • irregolari, hanno una forma complessa e superfici incavate, spigolose, corte o appiattite (es. vertebra);
  • sesamoidi, appiattite, piccole e tondeggianti e si sviluppano internamente ai tendini (es. patella);
  • wormiane o suturali, appiattite, piccole e con forma indefinita, si trovano nelle linee di sutura delle ossa del cranio.

Nelle ossa lunghe, la parte centrale è detta diafisi e le estremità epifisi.

Come sono le ossa in base all'età[modifica | modifica wikitesto]

Negli stadi iniziali dello sviluppo le ossa lunghe sono formate da cartilagine ialina e le ossa piatte del cranio sono in realtà membrane fibrose. Durante lo sviluppo fetale sia le ossa piatte che le ossa lunghe si modellano e vengono in gran parte sostituite con osso. Alla nascita sono ancora presenti alcune fontanelle craniche per consentire l'ulteriore sviluppo dell'encefalo, ma entro il 2º anno di vita ossificano completamente. Alla fine dell'adolescenza le placche epifisarie delle ossa lunghe che permettono la crescita longitudinale nel corso dell'infanzia si sono completamente ossificate e termina così la crescita delle ossa lunghe. Lo scheletro muta nel corso di tutta la vita, ma i cambiamenti più drastici avvengono nell'infanzia. Alla nascita il neurocranio del neonato è sproporzionato rispetto alla faccia. La rapida crescita del neurocranio prima e dopo la nascita è legata alla crescita dell'encefalo. A 2 anni di età le dimensioni del cranio sono i 2/3 di quelle nell'età adulta, dimensioni che vengono raggiunte intorno agli 8-9 anni di età. Le cosiddette curvature primarie sono presenti alla nascita e sono convesse posteriormente, cosicché la colonna vertebrale del neonato è arcuata come quella degli animali a quattro zampe. In gioventù l'accrescimento dello scheletro non determina soltanto l'aumento di lunghezza e delle dimensioni del corpo, ma ne cambia anche le proporzioni. Durante la pubertà la pelvi femminile si amplia per predisporsi alla gravidanza, mentre lo scheletro maschile complessivamente diviene più robusto. Dopo il raggiungimento della statura definitiva fino all'età di mezzo lo scheletro, in condizioni normali, non subisce che piccole modificazioni. Le ossa per rimanere strutturalmente valide devono essere sollecitate meccanicamente. In condizioni di inattività le ossa diventano più sottili e fragili, è per questo che nelle persone anziane le fratture rappresentano il problema osseo più frequente.

Struttura e aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La sostanza fondamentale delle ossa allo stato fresco è costituita da (dati forniti da Hulgen):

  • sostanza inorganica, 55,28%
  • sostanza organica, 27,72%
  • acqua, 17%.

La sostanza organica è l'osseina; per isolarla l'osso viene trattato con un acido: le sostanze inorganiche si sciolgono, ma l'osso mantiene la sua forma primitiva.

La parte inorganica è costituita da:

Tavole di Manouvrier[modifica | modifica wikitesto]

Le tavole di Manouvrier forniscono le misure medie delle ossa lunghe umane, in base al sesso e all'altezza del soggetto.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi tavole di Manouvrier.

Malattie delle ossa[modifica | modifica wikitesto]

  • Osteoporosi:[2] è la perdita della massa ossea che comporta assottigliamento e fragilità dei segmenti scheletrici. L'osteoporosi di solito compare in età avanzata, soprattutto nelle donne, e interessa in modo particolare la colonna vertebrale e il collo del femore. Altri fattori che possono contribuire sono una dieta povera di calcio e proteine, la carenza di vitamina D, il fumo e un insufficiente esercizio fisico che solleciti meccanicamente le ossa
  • Osteoartrite: è la forma più frequente di artrite, di natura degenerativa cronica, che si manifesta tipicamente in età avanzata. Nell'OA la cartilagine articolare si rammollisce, si logora e alla fine si rompe. Col progredire della malattia l'osso, (dove non è più rivestito da cartilagine) prolifera attorno ai margini della cartilagine erosa dando origine a spicole ossee che, sporgendo dentro la cavità, limitano i movimenti dell'articolazione. I pazienti lamentano all'inizio del movimento rigidità articolare che poi diminuisce con l'attività. Le articolazione più colpite sono quelle delle dita delle mani, della colonna cervicale e lombare, ginocchio e anca. Il decorso dell'osteoartrite è generalmente lento e irreversibile ma raramente invalidante; viene attenuata dall'uso di anestetici blandi.
  • Artrite reumatoide: è una malattia infiammatoria cronica. Insorge generalmente tra i 30 e i 40 anni; l'incidenza è tre volte maggiore nelle donne che negli uomini. In genere risultano interessate contemporaneamente più articolazioni, e in maniera simmetrica. Le articolazioni più frequentemente affette sono quelle delle dita delle mani, del polso, dell'anca e dei piedi. L'AR è una malattia autoimmune nella quale il sistema immunitario del corpo tenta di autodistruggere i propri tessuti. Insorge con rigonfiamento delle articolazioni, la cartilagine articolare viene via via sempre più sgretolata e distrutta e si forma tessuto cicatriziale che alla fine ossifica deformando le articolazioni. L'AR non sempre progredisce fino allo stadio della deformazione ma in tutti i casi comporta una limitazione dei movimenti articolari e una grave sintomatologia dolorosa. Per curarla vengono utilizzati vari farmaci antinfiammatori e impacchi freddi per diminuire il gonfiore.
  • Artrite gottosa: è una malattia nella quale l'acido urico si accumula nel sangue e si può depositare sotto forma di cristalli nei tessuti molli delle articolazioni; interessa di solito una sola articolazione spesso l'alluce. La gotta si riscontra più frequentemente nel sesso maschile e raramente insorge prima dei 30 anni, sono coinvolti i fattori genetici. La gotta se trascurata può essere estremamente devastante perché esita nella fusione dei capi ossei delle articolazioni affette e la loro conseguente immobilità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Health and Science
  2. ^ il corpo umano anatomia fisiologia salute volume primo Elaine N.Maried edizione Zanichelli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]