Samuel Pierpont Langley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samuel Pierpont Langley

Samuel Pierpont Langley (Roxbury, 22 agosto 1834Aiken, 27 febbraio 1906) è stato un pioniere dell'aviazione statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Egli fu un precursore dell'aeronautica, ed il suo tentativo di far volare mezzi più pesanti dell'aria precedette quello dei fratelli Wright. Sfortunatamente per lui, fu anche il protagonista di un insuccesso che ebbe molta risonanza presso la stampa americana dell'epoca, quando un suo aereo, il Great Aerodrome, pilotato da Manly, si schiantò durante il decollo da una nave sul fiume Potomac, fortunatamente senza conseguenza per il pilota.

Samuel Langley (a destra) e Charles M. Manly (il pilota dei suoi velivoli sperimentali) in una foto dell'epoca

In effetti, questo insuccesso era stato preceduto da una serie di tentativi andati a buon fine con aerei senza pilota, ad elastico o a vapore. In particolare, il 6 maggio 1896, il prototipo n. 5, catapultato da una nave sul fiume Potomac, percorse più di 400 m. Successivamente, l'11 novembre, il prototipo n. 6 percorse più di 1 600 m. In effetti, avuta conoscenza da Octave Chanute, altro pioniere dell'aviazione, riguardo ai tentativi dei Wright, tentò più volte di contattarli per collaborare con loro, ma i Wright erano molto restii a condividere le loro esperienze, e la cosa non ebbe seguito.

Primo fallimento del Great Aerodrome e del suo pilota nelle acque del fiume Potomac, il 7 ottobre 1903

Langley ebbe anche dei finanziamenti governativi, per $50.000 dal Ministero della Guerra, e dalla Smithsonian Institution, della quale era Segretario, per altri $20.000, che lo aiutarono a costruire i successivi prototipi, che però furono i protagonisti di due consecutivi incidenti con il prototipo n.7, il 7 ottobre e l'8 dicembre 1903. Il primo vide il Great Aerodrome toccare un cavo e precipitare nel fiume, mentre nel secondo l'aereo si spezzò in due durante il lancio. L'aereo, propulso da un motore a combustione interna, aveva una potenza di molto superiore a quella del Flyer I (50 hp contro 12), ma i due insuccessi lo condannarono, anche se il motore venne definito il maggior contributo del progetto alla storia dell'aviazione[1]. Riprese il volo solo nel 1914 ai comandi di Glenn Curtiss, solo per appoggiare una richiesta legale di rigetto del brevetto che nel frattempo i fratelli Wright avevano ottenuto sull'aereo, e che venne respinta dalla corte competente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aerostories

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ciampaglia Giuseppe, Vita ed opere dell'astronomo e costruttore aeronautico Samuel Pierpont Langley. "Rivista Storica", Novembre 1995.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Segretario della Smithsonian Institution Successore Smithsonian logo color.svg
Spencer Fullerton Baird
18781887
1887 - 1906 Charles Doolittle Walcott
19071927

Controllo di autorità VIAF: 19858866 LCCN: n85809137