Smithsonian Astrophysical Observatory

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esterno del SAO

Lo Smithsonian Astrophysical Observatory (SAO) è un istituto di ricerca della Smithsonian Institution con sede a Cambridge, negli Stati Uniti, dove si è unito con Harvard College Observatory (HCO) per formare il Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA).

Il SAO gestisce e opera il Chandra X-ray Observatory ed anche l'MMT Observatory insieme all'Università dell'Arizona. Ha pubblicato anche il Catalogo SAO, un catalogo stellare che contiene 258 997 stelle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il SAO è stato fondato nel 1890 da Samuel Pierpont Langley a Washington principalmente per studiare il Sole[1].
Langley è oggi ricordato soprattutto come pioniere dell'aviazione, ma è stato educato come astronomo, ha inventato il bolometro e ha scoperto la radiazione infrarossa dal Sole.

Nel 1955 il SAO viene spostato da Washington a Cambridge, affiliato col HCO per espandere il suo staff, le strutture e soprattutto il suo scopo scientifico. Il primo direttore di questa nuova era è stato Fred Whipple, che ha accettato la sfida di creare un network mondiale di monitoraggio satelliti.

Nel 1973 si rafforzano i legami tra il SAO e il HCO e si formalizza la creazione del CfA.

Oggi più di 300 scienziati sono impegnati al CfA in vasti programmi di ricerca nell'astronomia, astrofisica, scienze della Terra, scienze dello spazio e Scienze dell'educazione.

Il SAO è stato pioniere nello sviluppo di osservatori orbitanti e grandi telescopi a Terra, nell'uso dei computer in problemi astrofisici, nell'integrazione degli studi in laboratorio, astrofisica teorica e osservazioni lungo tutto lo spettro elettromagnetico.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A short history of the Smithsonian Astrophysical Observatory. URL consultato il 25 novembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 42°22′53.26″N 71°07′42.13″W / 42.38146°N 71.12837°W42.38146; -71.12837

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica