Romeo Romei (S 516)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo Romei
ex USS Harder della US Navy
516 romei.jpg
Descrizione generale
US Naval Jack.svg Naval Jack of Italy.svg
Tipo sommergibile
Classe Tang/Piomarta
Proprietario/a fino al 20 febbraio 1974 Us Navy
dal 24 febbraio 1974 Marina Militare Italiana
Identificazione S 515
Cantiere Electric Boat Groton CT USA
Impostata 30 giugno 1950
Varata 3 dicembre 1951
Completata 19 agosto 1952
Radiata 31 maggio 1988
Caratteristiche generali
Dislocamento in superficie 2050 t
in immersione 2700
Lunghezza 87,4 m
Larghezza 8,3 m
Profondità operativa 213 m
Propulsione 3 motori diesel Fairbanks-Morse 38-D8-1/8-10 per un totale di circa 5.600 CV, due motori elettrici Westinghouse, due eliche
Velocità in superficie 15,5 nodi
in immersione 18,3 nodi
Equipaggio 8 ufficiali
75 sottufficiali e comuni
Equipaggiamento
Sensori di bordo Sonar a scafo EDO BQR-2B e BQS-4 a media frequenza passivo
sonar prodiero Sperry-Raytheon BQG-4 passivo
Radar navigazione Fairchild BPS-12
sistema ESM WLR-1
sistema di direzionamento per siluri Mk 106
Armamento
Armamento alla costruzione:
siluri:8 tubi lanciasiluri da 533mm
(6 anteriori + 2 posteriori)

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Il sommergibile Romeo Romei fu un battello di fabbricazione americana in servizio nella Marina Militare Italiana dal 1974 al 1988.

Il Romei in navigazione

Il sommergibile venne intitolato al Capitano di Corvetta Romeo Romei comandante di sommergibili che nel corso della seconda guerra mondiale si distinse per il suo valore venendo insignito di Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Costruito negli Stati Uniti nei cantieri Electric Boat di Groton nel Connecticut, e varato con il nome Harder, lo stesso di un sommergibile perduto durante il secondo conflitto mondiale, entrò in servizio nell US Navy il 19 agosto 1952 e faceva parte della Classe Tang, una classe di sommergibili statunitensi costruiti dopo la Seconda guerra mondiale aggiornata agli standard chiamati GUPPY, basati sulle invenzioni tedesche della parte finale del conflitto. Tali standard furono implementati anche su sommergibili costruiti in anni precedenti come quelli delle classi Gato Balao e Tench. Il battello venne classificato come sommergibile di attacco rapido.

Viste le caratteristiche, con la velocità in immersione superiore di quella in immersione si può già parlare di sottomarino più che di sommergibile.

Il battello montava all'origine dei motori diesel elettrici General Motors ad alta velocità che però diedero dei problemi tanto che furono sostituiti con motori diesel a cilindri contrapposti di media velocità di derivazione aeronautica di dimensioni maggiori, per la cui installazione non furono necessari i lavori di allungamento dello scafo di cui necessitarono le prime quattro unità della classe, essendo lo scafo delle ultime due unità già più lungo di quello delle prime quattro.

I lavori di allungamento dello scafo furono invece necessari per permettere l'installazione di nuove apparecchiature elettroniche tra cui un nuovo sonar ed effettuati nella base navale di Charleston nella Carolina del Sud, iniziati alla fine del 1963 vennero completati all'inizio del 1967.

Durante il suo servizio su questo sommergibile vennero sperimentati vari apparati elettronici tra cui apparati per ASW e il sistema missilistico ASROC.

Il battello messo in disarmo il 31 gennaio 1973, venne radiato il 20 febbraio 1974 e ceduto all'Italia il 22 febbraio, con la cerimonia di consegna dell'unità avvenuta due giorni dopo la data prevista. L'unità, dopo seere stata sottosposta a lavori nei cantieri di Filadelfia, venne assegnata alla base di Taranto prestando servizio fino al 31 maggio 1988. Dagli archivi americani,risulta che essi si ripresero l'unita' per farne un bersaglio durante alcune esercitazioni al largo di Pearl Harbour.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Marina di transizione del Dopo guerra -1-

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina