Romano Amerio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romano Amerio

Romano Amerio (Lugano, 17 gennaio 1905Lugano, 16 gennaio 1997) è stato un filosofo, filologo e teologo svizzero-italiano[1]di posizione cattolica tradizionalista.

Le sue posizioni fortemente critiche sugli sviluppi post-conciliari nella liturgia e nell'ecclesiologia cattolica l'hanno portato in vita a un lungo periodo di autoisolamento culturale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque il 17 gennaio 1905 a Lugano, da padre astigiano e da madre svizzera. Conclusi gli studi al ginnasio e poi al liceo di Lugano, si iscrisse all'Università Cattolica di Milano, dove, nel 1927, conseguì laurea in filosofia e successivamente, nel 1934 quella in filologia classica. Dal 1928 al 1970 insegnò prima latino e greco e poi filosofia al liceo cantonale di Lugano. Nel 1951 divenne libero docente di storia della filosofia all'Università Cattolica di Milano.

Prese parte come perito al Concilio Vaticano II, fu consulente del cardinale Giuseppe Siri; le sue forti posizioni critiche partono dalla maniera stessa con cui si sono svolti gli eventi, le assise e i lavori delle commissioni conciliari.

Nei suoi scritti, Amerio individua tre documenti del Magistero i quali, egli afferma essere stati implicitamente ed intellettualmente negati durante i lavori conciliari: l'enciclica Quanta cura di papa Pio IX che condannava l'ideologia massonico-liberale, il decreto Lamentabili Sane Exitu di papa Pio X che metteva in guardia dai radicalismi in materia di critica biblica, e l'enciclica Humani Generis di papa Pio XII del 1950, che criticava fortemente le nuove antropologie ecclesiali ed ecclesiologie proprie del neo-modernismo o Nuova Teologia.

Amerio fu poi decisamente critico verso la nuova creatività liturgica postconciliare. Il suo pensiero su questo tema fu sostanzialmente in linea con l'Enciclica Mediator Dei di papa Pio XII, la quale affermava che l'essenza propria della liturgia è quella di cultus, e non tanto di semplice auto-celebrazione. Esaminò inoltre le modifiche istituzionali nel Sant'Uffizio, ritenendo che l'abbandono formale del termine eresia nelle indagini ufficiali e nelle procedure, avrebbe condotto a conseguenze drammatiche sia nella vita della Chiesa sia negli studi accademici cristiani[2].

Fu un deciso promotore dell'apologetica e rimase costernato di fronte all'abbandono delle nozioni di conversione e disputationes, in favore di un approccio esclusivamente dialettico tra la Chiesa e il mondo. Rimase fortemente legato alla tradizione tomistica e agostiniana e disapprovò profondamente il comune rivolgersi di molti intellettuali cattolici al kantismo, all'hegelismo e allo spinozismo.

Gli studi di Amerio furono dapprima elogiati da alcuni studiosi nella Chiesa, vicini alle posizioni tradizionali. Successivamente, a causa della questione lefebvriana che contrappose l'allora arcivescovo tradizionalista a capo della Fraternità San Pio X e il papa Giovanni Paolo II, si venne a creare un momento assai difficile per il teologo luganese. In seguito a ciò, le sue ricerche e i suoi libri furono in gran parte ignorati e trascurati dai responsabili istituzionali all'interno della Chiesa.

Fu tra i soci fondatori della prima associazione di Cattolici tradizionalisti: Una Voce.

Fu presidente del pre-comitato promotore e in seguito vicepresidente, con funzioni di coordinatore, del consiglio direttivo dell'Istituto Ticinese di Alti Studi dal 1970 al 1973.

Nel 1977 la Città di Lugano gli ha conferito la cittadinanza onoraria.

Amerio è morto il 16 gennaio 1997, nella sua casa di Via Cattedrale a Lugano.

Durante il pontificato di Benedetto XVI è iniziata una lenta opera di rivalutazione e di parziale riabilitazione del teologo svizzero. Il papa, in collaborazione con il liturgista Klaus Gamber, ha promosso un'ermeneutica della continuità riguardo al Concilio Vaticano II, più in sintonia con la Chiesa storica e con il suo patrimonio culturale. Anche in seguito alla pubblicazione del motu proprio Summorum Pontificum, per la liberalizzazione della Messa Tridentina, il pensiero di Amerio è stato sorprendentemente riscoperto nel 2007 dalla rivista dei Gesuiti La Civiltà Cattolica.

Secondo fonti recenti, il segreto ispiratore dell'enciclica papale Caritas in Veritate sarebbe proprio il teologo svizzero[3]. Emanata nel 2009, questa enciclica conferma le idee e i concetti che sono stati al centro dei lavori e degli studi teologici e filosofici di Amerio.

Gli studi teologici[modifica | modifica sorgente]

La sua opera più importante è Iota Unum. Studio delle variazioni della Chiesa Cattolica nel secolo XX, uno studio dedicato alle relazioni filosofiche tra Verità e Vita. Il libro, pubblicato nel 1985 e tradotto in sei lingue, è riconosciuto complessivamente come il massimo contributo all'individuazione della crisi della Chiesa, a partire dagli anni successivi all'ultimo Concilio ecumenico ma anche alla conservazione della grande tradizione filosofica tomistica.

Stat Veritas è un'opera postuma del teologo svizzero. Il libro è costitutito da " 55 chiose da noi radunate a commento di alcune proposizioni della Lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente, uscito dalle tipografie vaticane l'11 novembre del 1994 "[4]. Né si deve dimenticare il suo libro Introduzione alla Valsolda, che rivela tutto il suo amore per il paesaggio e l'arte di quella terra in cui suo padre fu medico condotto, né i tre volumetti pubblicati dal 1990 al 1992 e ripubblicati nel 2010 in un volume unico, col titolo Zibaldone, che raccolgono una scelta di 470 tra 4300 pensieri su varî argomenti, scritti a partire dal 1939 per più di mezzo secolo.

Gli studi filosofici[modifica | modifica sorgente]

I suoi studi hanno riguardato soprattutto la figura di Tommaso Campanella, delle cui opere ha curato decine di edizioni. Importanti anche le edizioni delle opere di Giordano Bruno e gli studi su Cartesio, su Leopardi e sull'Epicureismo.

Le due edizioni più importanti da lui curate sono quelle degli Scritti filosofici e teologici di Paolo Sarpi, usciti nel 1951 nella prestigiosa collana laterziana degli Scrittori d'Italia, e quella delle Osservazioni sulla morale cattolica di Alessandro Manzoni, uscita nel 1965 presso Riccardo Ricciardi.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Arbitrarismo divino, libertà umana e implicanze teologiche nella dottrina di Cartesio, Milano, Società Editrice "Vita e Pensiero, 1937.
  • L'epicureismo, Torino, Edizioni di filosofia, 1953.
  • Tommaso Campanella, Della necessità di una filosofia cristiana, prima traduzione italiana con introduzione e commento a cura di Romano Amerio, Torino, Società Editrice Internazionale, 1953.
  • Augusto Guzzo e Romano Amerio, Opere di Giordano Bruno e di Tommaso Campanella, Milano-Napoli, R. Ricciardi, 1956.
  • Alessandro Manzoni filosofo e teologo: studio delle dottrine seguito da una appendice di lettere, postille e carte inedite, Torino, Edizioni di filosofia, 1958.
  • Il sistema teologico di Tommaso Campanella: studio di editi ed inediti con appendici e indici, Milano-Napoli, R. Ricciardi, 1972.
  • Iota Unum. Studio delle variazioni della Chiesa Cattolica nel secolo XX, I edizione, Milano-Napoli, R. Ricciardi, 1985. Poi Torino, Lindau, 2009; Verona, Fede & Cultura, 2009
  • Stat veritas, I edizione, Milano-Napoli, R. Ricciardi, 1997. Poi Stat veritas. Seguito a Iota unum , Torino, Lindau, 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Romano Amerio in Dizionario storico della Svizzera.
  2. ^ Vaccaro, Chiesi, Panzera, 105nota, 178, 191nota, 371nota, 451, 454.
  3. ^ Caritas in Veritate
  4. ^ Nota dell'autore, p. 14

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fausto Ghisalberti, Romano Amerio, Alessandro Manzoni filosofo e teologo, "Giornale Storico della letteratura italiana", v. 135, fasc. 412, 1958.
  • Elémire Zolla, Romano Amerio, in Uscite dal mondo, Milano, Adelphi 1992, 449-452.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • Enrico Maria Radaelli, Romano Amerio: della verita e dell'amore, Lungro di Cosenza: Marco, 2005.
  • Romano Amerio (1905-1997): l'umanista, il luganese, il cattolico : convegno italo-svizzero nel primo centenario della nascita, Lugano, G. Casagrande, 2005.
  • Romano Amerio, il Vaticano 2. e le variazioni nella chiesa cattolica del 20. secolo. convegno di studi in Ancona, 9 novembre 2007, Verona, Fede & Cultura, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 7416416 LCCN: n50021580