Ritratto di cardinale (Raffaello)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di cardinale
Ritratto di cardinale
Autore Raffaello Sanzio
Data 1510-1511 circa
Tecnica olio su tavola
Dimensioni 79 cm × 61 cm 
Ubicazione Museo del Prado, Madrid

Il Ritratto di cardinale è un dipinto a olio su tavola (79x61 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1510-1511 circa e conservato nel Museo del Prado a Madrid.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera raffigura un cardinale della corte di Giulio II. Sebbene siano state avanzate numerose ipotesi sulla sua identità, nessuna è considerata risolutiva. Si sono fatti i nomi di Giulio de' Medici, il Cardinal Bibbiena, Innocenzo Cybo, Francesco Alidosi, Scaramuccia Trivulzio e Ippolito d'Este.

Già ritenuto opera tarda, il ritratto è stato riportato ai primi anni del soggiorno romano da Adolfo Venturi, ipotesi poi accolta dalla critica.

L'opera venne acquistata da Carlo V a Roma quando era ancora principe, e da allora entrata nelle collezioni reali spagnole.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinale, sulla trentina, è ritratto seduto a mezza figura, girato di tre quarti verso sinistra e su sfondo scuro, secondo l'iconografia derivata dalla Gioconda di Leonardo. La posa è al tempo stesso naturale ed elegante, di aristocratica spiritualità, con gli occhi ruotati verso lo spettatore e con una sicurezza e una semplicità d'impostazione che ne fanno uno dei più alti esempi della ritrattistica raffaellesca. Il punto di vista leggermente ribassato assottiglia le spalle e la testa, creando un effetto di aristocratico distacco, confermato dallo sguardo impassibile.

Raffinati sono i contrasti cromatici, dal candore dell'incarnato e della manica allo scuro dello sfondo indefinito, con la nota dominante del rosso della berretta e della mantella, con riflessi setosi.

La luce che sbalza il rilievo delle forme mostra gli interessi legati alla scultura di Raffaello in quegli anni, stimolato dal confronto diretto con Michelangelo alla corte pontificia.

Lo sfondo mostra qualche segno di restauro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975.
  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arte