Madonna Sistina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna Sistina
Madonna Sistina
Autore Raffaello Sanzio
Data 1513-1514 circa
Tecnica olio su tela
Dimensioni 265 cm × 196 cm 
Ubicazione Gemäldegalerie, Dresda

La Madonna Sistina è un dipinto a olio su tela (265x196 cm) di Raffaello, databile al 1513-1514 circa e conservato nella Gemäldegalerie di Dresda.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Insolito per Raffaello in quegli anni è il supporto su tela, che ha dato adito a varie ipotesi: secondo Rumohr l'opera era destinata anche ad essere usata come stendardo processionale[1]. La datazione si basa su dati stilistici ed è in genere legata ai primi anni del pontificato di Leone X, prima dell'Estasi di santa Cecilia[1].

Vasari testimonia come l'opera fosse stata dipinta per il convento di San Sisto a Piacenza, come conferma la presenza di due santi ivi particolarmente venerati[1].

Un'altra ipotesi, meno seguita, è quella che vuole il dipinto eseguito per la tomba di Giulio II, come farebbero pensare i santi Sisto, protettore di Sisto IV e quindi dei della Rovere, e Barbara, confortatrice nell'estrema ora, e i due angioletti spiegati come genietti funerari. Esiste anche una tradizione tardo-settecentesca (dal monaco locale Oddone Ferrari in poi) che vuole la tela acquistata dai monaci piacentini dalla vendita dei beni di papa Giulio dopo la sua morte[1]. In realtà sono ben noti i progetti michelangioleschi richiesti dal papa e dai suoi eredi per la sepoltura del pontefice, e in nessuno di questi si parla dell'inserimento di un'ancona.

Secondo la stessa testimonianza settecentesca la Madonna avrebbe le sembianze della Fornarina, il papa quelle di Giulio II (con le ghiande roveresche ricamate sul piviale) e santa Barbara quelle di sua nipote Giulia Orsini. La somiglianza col papa venne confermata da Cavalcaselle, Stüber e Filippini, mentre per santa Barbara venne fatto anche il nome di Lucrezia Della Rovere, altra nipote del pontefice[1]. Per quanto riguarda il modello della Madonna, gli storici, a partire dal Passavant[2], riconducono la figura della Vergine al ritratto della Velata[3]

L'ipotesi più seguita dalla critica moderna è quella della Putscher (1955), che lega il dipinto alla sede piacentina fin dalle sue origini, che era costruita in quegli stessi anni, e dove doveva simulare una finta finestra al centro dell'abside. Altri hanno invece ipotizzato che fosse destinata all'altare maggiore[1].

Il dipinto venne ceduto nel 1754 ad Augusto III di Polonia, che offrì anche una copia di Giuseppe Nogari da collocare nella sede originaria. Il monarca, essendo a titolo originario elettore di Sassonia col nome di Federico Augusto II, integrò la tela alla collezione che costituì il nucleo dell'attuale Gemäldegalerie Alte Meister ed al suo arrivo a Dresda avrebbe accolto il dipinto nella sala del trono esclamando: "Fate posto per il grande Raffaello"[4]. Nel secondo dopoguerra il dipinto fu trafugato e trasferito a Mosca nel 1945, ma fece ritorno a Dresda nell'ottobre 1955[1][5]. La Madonna Sistina è uno dei dipinti più ammirati, citati e studiati da filosofi e poeti. Dostoevskij la menzionò nei Demoni, dove Stepan Trofimovitch è incapace di spiegare la profondità che vede nel dipinto. A Vasilij Grossman ispirò il racconto della Madonna di Treblinka.

Descrizione e stile[modifica | modifica sorgente]

Dettaglio

Una tenda verde scostata (di cui si vedono in alto i passanti su un'asta leggermente inclinata) rivela una stupefacente epifania mariana, tra i santi Sisto papa e Barbara (riconoscibile per la torre). Maria infatti, a tutta figura, appare discendente da un letto di nubi (composte da una miriade di teste di cherubini) e, col Bambino in braccio, mentre guarda direttamente verso lo spettatore. Il moto, più che dalla disposizione delle membra, è suggerito dalla caduta delle pieghe della veste, mosse come da un venticello[6]. Anche i due santi accentuano, coi loro gesti, il momento teatrale indicando e guardando verso l'esterno, come se fosse presente un'invisibile folla di fedeli. In basso, il bordo inferiore è trattato come un vero parapetto, dove san Sisto ha appoggiato il triregno e, al centro, si affacciano due squisiti angioletti pensosi, tra le realizzazioni più popolari del Sanzio e della cultura figurativa del Rinascimento in generale, spesso riprodotti come soggetto indipendente[7].

Non ha precedenti il rapporto così diretto e teatrale tra la divinità e il fedele, che diviene a pieno diritto un elemento fondamentale della rappresentazione, alla cui presenza alludono in maniera esplicita i santi. Tutt'al più gli artisti si erano limitati a rappresentare una o più figure riguardanti lo spettatore, che richiamassero la sua attenzione indicando magari il centro della scena. Maria diventa quindi l'interceditrice, con i santi che fanno da mediatori, attraverso una catena di sguardi circolare. Non si tratta quindi di una visione del divino da parte dei devoti, ma del divino che appare e va verso i devoti[1]. Il Bambino è come offerto alla devozione, prefigurando anche il suo sacrificio per la salvezza dell'umanità[8].

Il taglio moderno è sottolineato anche dall'assenza delle aureole, nonché dalla veste semplice, priva di ornamenti, di Maria, che incede scalza, ma circondata dalla luce. L'umanizzazione della divinità è riscattata dalla bellezza sovrannaturale di rara perfezione e dai sentimenti adulatori che circondano la sua apparizione[1].

I colori dominanti sono intonati a una tavolozza fredda, ravvivata qua e là da zone di giallo e di rosso[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j De Vecchi, cit., pagg. 109-110.
  2. ^ Raffaello d'Urbino e il padre suo, Giovanni Santi (1839, ed. it. 1889), pag. 316
  3. ^ Si veda, ad esempio, Putscher, cit., pag. 38, come pure le dichiarazioni di Andreas Henning, direttore del dipartimento dei dipinti italiani della Gemädegalerie nel film edito dalla stessa per il 500 anniversario dell'opera
  4. ^ Wilfried Wiegand Frankfurter Allgemeine Zeitung, 31.05.2012
  5. ^ Cfr. pure Putscher, cit., pag. 4
  6. ^ De Vecchi-Cerchiari, cit., pag. 208.
  7. ^ Franzese, cit., pag. 110.
  8. ^ Grimme.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Elena Filippi, Stefan Hasler, Harald Schwaetzer, La Madonna Sistina di Raffaello. Un dialogo nella visione, Aracne Editrice, Roma, 2013, ISBN 978-88-548-6646-1
  • Daniel Arasse, Les visions de Raphaël, Paris, Editions Liana Levi, 2003 ISBN 978-2-86746-339-6
  • Pier Cesare Bori, La Madonna Sistina di Raffaello. Studi sulla cultura russa, Il Mulino, Bologna, 1990
  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975.
  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano, 1999. ISBN 88-451-7212-0
  • Johann Konrad Eberlein, The Curtain in Raphael's Sixtine Madonna, "Art Bulletin", LXV/1, March 1983, pp. 61–77
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Eugenio Gazzola, Fabio Milana (a cura di), Gloria dell'assente. La Madonna per San Sisto di Piacenza 1754-2004, Vicolo del Pavone, Piacenza, 2004.
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello - Storia e destino di un quadro, Quodlibet, Macerata, 2013.
  • Hubert Grimme, Das Rätsel der Sixtinischen Madonna. Mit 4 Abbildungen, "Zeitschrift für bildende Kunst", XXXIII, 1922, pp. 41–48.
  • Andreas Henning, Die Sixtinische Madonna: Raffaels Kultbild wird 500, Prestel Verlag, München, 2012 ISBN 978-3-7913-5197-1
  • Marielene Putscher, Raphaels Sixtinische Madonna. Das Werk und seine Wirkung, Hopfer Verlag, Tübingen, 1955
  • Vasilij Grossman, La Madonna Sistina in Il bene sia con voi!, Adelphi Edizioni S.p.A., Milano, 2011, ISBN 978-88-459-2880-2

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura