Psittacula cyanocephala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto testaprugna
Plum-headed Parakeet (Psittacula cyanocephala)-2cp.jpg
Psittacula cyanocephala
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Amniota
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Sottofamiglia Psittaculinae
Genere Psittacula
Specie P. cyanocephala
Nomenclatura binomiale
Psittacula cyanocephala
(Linnaeus, 1766)

Il Parrocchetto testaprugna (Psittacula cyanocephala (Linnaeus, 1766)) è un uccello della famiglia degli Psittacidi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Vive in un vasto areale nel quale è ancora piuttosto diffuso: Pakistan orientale, Nepal, Bhutan, India e Ceylon. In cattività è abbastanza diffuso.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Parrocchetto dall'aspetto più longilineo e leggero, rispetto ad altre specie del genere Psittacula, di taglia attorno ai 33 cm, si presenta con il piumaggio generale verde, intenso sulle ali, più tendente al giallastro nelle parti addominali e ventrali; il groppone è azzurro, la coda blu; iride gialla e zampe grigio rosate. I due sessi si distinguono nettamente: il maschio ha testa viola prugna, collare nero, banda azzurra sul collo, macchia rossa sulle spalle, mandibola superiore arancio e inferiore nera; la femmina ha testa viola prugna sfumata in rosa, collare giallo, mandibola superiore giallastra e inferiore grigia. I soggetti immaturi sono completamente verdi, con una coroncina giallo-rossastra e una banda sotto il collo violacea.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Abita le aree boscose di pianura e collina, fino ai 1000 metri; si nutre di frutta, noci, semi, germogli e fiori, soprattutto di quelli della Salmalia, della Butea e della Bassia, è ghiotto di fichi e dei frutti della Zizyphus oenoplia. La stagione riproduttiva varia a seconda degli areali: i nidi vengono costruiti in alberi cavi, spesso viene allargato uno dei nodi tipici del tronco della Bassia o viene riadattato un vecchio nido di picchio. La deposizione, di solito 6 uova, avviene sia a coppie isolate sia in colonia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli