Pyrrhura molinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto guanceverdi
Pyrrhura molinae -captive-perch-8a-1cp.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Sottofamiglia Arinae
Genere Pyrrhura
Specie P. molinae
Nomenclatura binomiale
Pyrrhura molinae
(Massena e Souancé, 1854)
Areale

Pyrrhura molinae range.jpg

Il parrocchetto guanceverdi (Pyrrhura molinae Massena e Souancé, 1854) è un uccello della famiglia degli Psittacidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha taglia attorno ai 26 cm e colorazione base verde; la classica scagliatura pettorale, di colore bruno scuro e dorato chiaro, contrasta con la fronte, la corona e la nuca nere; ha guance verdi e lo scudo addominale non troppo vistoso. Le remiganti sono blu e la coda è rossiccia. È classificato in cinque sottospecie molto simili tra loro e che variano solo per una maggiore o minore diffusione della scagliatura e per una colorazione più o meno intensa del verde. Si differenziano poi per l'areale. Ha anello perioculare bianco, iride marrone, becco e zampe nere.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Ha un areale che si colloca nel centro dell'America meridionale. P. m. molinae, sottospecie nominale, ha una diffusione limitata a un areale di foresta primaria nella Bolivia orientale; P. m. phoenicura, localizzata nella parte centro-occidentale del Mato Grosso in Brasile e nel nord-est della Bolivia; P. m. sordida, distribuita nella parte sud-orientale del Mato Grosso; P. m. restricta, localizzata nelle aree di Palmaito e Chiquitos (Bolivia); P. m. australis, diffusa nel nord-ovest dell'Argentina.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È il tipico uccello di foresta, che predilige il fitto della vegetazione e vive sulle cime degli alberi; si muove in gruppi di una ventina di individui. È stato avvistato fino a quote attorno ai 2900 metri, ma non è escluso che salga anche oltre. Nidifica da febbraio a maggio cercando cavità negli alberi tra i 5 e i 7 metri da terra. La femmina depone normalmente 4-6 uova e l'incubazione dura circa 24 giorni. I piccoli si involano a 7-8 settimane dalla schiusa. Comune in natura, in cattività si è adattato benissimo e si riproduce con grande facilità. Più volte è stato osservato che due femmine depongono nello stesso nido e allevano insieme ai rispettivi maschi la prole ottenuta. L'elevata prolificità è dimostrata dal caso di un allevatore, Brian Boswell, che nel 1982, allevando i piccoli a mano, ha ottenuto da una sola coppia ben 32 novelli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]