Psittacula derbiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto di Derby
Psittacula derbiana (pair) -captive-8a.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Genere Psittacula
Specie P. derbiana
Nomenclatura binomiale
Psittacula derbiana
(Fraser, 1852)

Il parrocchetto di Derby (Psittacula derbiana (Fraser, 1852)) è un uccello della famiglia degli Psittacidi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Vive in aree remote della Cina sud-occidentale; poco studiato e poco nota la sua attuale diffusione in natura, in cattività non è molto diffuso e la riproduzione non avviene facilmente.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchetto di notevole taglia, con i suoi 50 cm, presenta un evidente dimorfismo sessuale negli adulti: il maschio ha il becco con il ramo superiore rosso-arancio e quello inferiore nero, mentre la femmina presenta entrambi i rami neri. Si presenta con le parti superiori verdi, la testa violacea con segni neri tra la cera e l'occhio, la gola nera, il petto viola intenso che va a sfumare in giallo verdastro sul basso ventre, coda bluastra, iride gialla. I soggetti immaturi hanno la testa verde e i colori più spenti e nei giovanissimi il becco è color arancio.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È uccello di montagna che frequenta le foreste di conifere, di querce e di rododendri, fino ai 4000 metri di quota. Si nutre di semi, in particolare quelli del Pinus tabulaeformis, di frutta, di bacche e di germogli. Il periodo riproduttivo inizia a giugno e il nido viene normalmente costruito in una cavità di un pioppo (Populus cileata). Il corteggiamento del maschio consiste in una sorta di danza su un ramo con lo strofinamento del becco sul ramo stesso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2008, Psittacula derbiana in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli