Pietro Spagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Spagnoli
Nazionalità Italia Italia
Genere Classica
Opera
Periodo di attività 1987 – in attività

Pietro Antonio Arcangelo Spagnoli (Roma, 22 gennaio 1964) è un baritono italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Pietro Spagnoli nasce il 22 gennaio 1964. Il suo primo contatto con il mondo del canto avviene all'età di otto anni, quando una conoscente di famiglia, il cui figlio faceva parte della Cappella Musicale Pontificia, il coro personale del Papa, (all'epoca Paolo VI), propose alla madre di fargli condividere questo percorso. Venne ascoltato dall'insegnante di solfeggio cantare 'O sole mio di Eduardo di Capua e nonostante la sua naturale timidezza fece uscire una voce prepotente che colpì molto i suoi ascoltatori, tra cui la stessa madre. Grazie a Padre Vittorio Catena e Padre Raffaele Preite, ebbe la sua primissima formazione musicale presso la scuola elementare e media dei "Pueri Cantores" secondo la più genuina massima agostiniana in base alla quale "Chi canta prega due volte". Dopo due anni di studio, alla fine della quinta elementare, entrò ufficialmente nel coro, costituito non solo da voci bianche, ma anche da adulti, tra i contralti. Il primo concerto in pubblico al quale partecipa è stato nella città natale del compositore rinascimentale Giovanni Pierluigi da Palestrina, del quale, in quell'occasione, cantò "Tu es Petrus" sotto la direzione del Maestro Domenico Bartolucci. A questo seguirono numerose altre esibizione tra cui messe domenicali in presenza del Papa. L'11 febbraio del 1977 Padre Vittorio Catena nominò i cantori che, a causa della muta vocale, non potevano più rimanere nel coro. Aveva 13 anni e fu un piccolo trauma che, dopo quello molto più grande di pochi mesi precedenti, la morte di suo padre, lo rattristò molto. In seguì grazie a sua sorella Paola entrò in un gruppo scout. Durante le lunghe avventure in montagna ebbe modo di imparare da autodidatta la chitarra, continuando a cantare e ricevendo sempre complimenti per le sue doti canore e recitative. A diciotto anni, quando la voce cominciò a maturare definitivamente, tornò a cantare nel coro degli ex cantori, anch'esso diretto da Padre Vittorio Catena. Questi fu il primo a dirgli di avere ottime qualità e cominciò a dargli lezioni, ma insegnandoli un'emissione concepita per il coro, e Spagnoli si rivolse ad altri insegnanti. Entrò nel Conservatorio di Santa Cecilia e continuò a fare esperienze nei cori più disparati. A 21 anni, dopo un'audizione con il M° Bartolucci, entrò nuovamente nel coro della Cappella Sistina, questa volta, però, nella sezione dei bassi. In questo modo ebbe modo di fare una tournée di sedici concerti negli Stati Uniti d'America. Dopo un anno lasciò il coro, perché aveva vinto il concorso al Coro Sinfonico della Rai. Iniziò a cercare un'insegnante capace che potesse guidarlo nella sua formazione di cantante solista e lo trovò nella Maestra Mirella Solenghi Ronconi. Nel 1986, all'età di 22 anni, partecipò al concorso Giovanni Battista Pergolesi al teatro Ghione di Roma cantando l'aria di Figaro dalle "Nozze" di Mozart. Apprezzato dalla giuria, ottenne il suo primo contratto: sei concerti in Germania de "Il mottetto di Pasqua" di Pergolesi.

Il debutto da solista in teatro risale, invece, al luglio dell'anno successivo. Dopo un'audizione con il celebre musicologo Rodolfo Celletti, ottenne una piccola parte ne "Il pirata" di Bellini in un allestimento al festival della Valle d'Itria.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1990 è Visconte Paolo e Gustavo Colline ne La bohème (Leoncavallo) con Mario Malagnini e Bruno Praticò, nel 1991 Un frate in Don Carlo diretto da Daniel Oren con Samuel Ramey, Daniela Dessì e Giovanna Casolla e nel 1992 Haly ne L'Italiana in Algeri con Ferruccio Furlanetto e Bernadette Manca di Nissa.

Al Rossini Opera Festival di Pesaro nel 1991 è Elmiro in Otello (Rossini) diretto da Gianluigi Gelmetti con Chris Merritt, Cecilia Gasdia e William Matteuzzi, nel 1992 il basso nella Messa di Gloria (Rossini) diretto da Salvatore Accardo con Anna Caterina Antonacci, nel 1996 Ginardo in Matilde di Shabran con Juan Diego Flórez, Roberto Frontali e Carlo Bosi, nel 1997 è Gaudenzio ne Il signor Bruschino con Eva Mei e Flórez, nel 1999 il Califfo in Adina (opera) con Massimo Giordano (tenore) e nel 2001 Filippo ne La gazzetta con Stefania Bonfadelli.

Al Teatro dell'Opera di Roma nel 1992 è Schaunard ne La bohème con Roberto Alagna, Alfredo Mariotti, Mirella Freni e Nicolai Ghiaurov.

Al Festival di Salisburgo nel 1992 è Publio ne La clemenza di Tito con i Wiener Philharmoniker.

Per il Teatro alla Scala di Milano nel 1994 è Mercurio/Primo Console/Littore ne L'incoronazione di Poppea debuttata al Teatro Ponchielli di Cremona diretto da Alberto Zedda con Carlo Colombara, Nuccia Focile e Sara Mingardo.

All'Opéra National de Paris debutta nel 1995 come Lorenzo ne I Capuleti e i Montecchi diretto da Bruno Campanella con Jennifer Larmore e Gregory Kunde e nel 1996 è Alidoro ne La Cenerentola con Rockwell Blake ed Alessandro Corbelli.

Al Wiener Staatsoper debutta nel 1996 come Leporello in Don Giovanni (opera).

Al Grand Théâtre de Genève nel 2000 è Don Alfonso in Così fan tutte.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 2000 è Figaro ne Il barbiere di Siviglia (Rossini).

All'Opéra municipal de Marseille nel 2002 è il Dottore Malatesta in Don Pasquale con Simone Alaimo e nel 2003 Il conte d'Almaviva ne Le nozze di Figaro.

Ancora alla Scala nel 2006 è Il conte d'Almaviva nella prima di Le nozze di Figaro con Diana Damrau, Ildebrando D'Arcangelo e Matteo Peirone ripreso da Rai 1 e nel 2008 De Guiche nella prima di Cyrano de Bergerac (opera) con Placido Domingo e Claudio Sgura e Marcello ne La bohème diretto da Gustavo Dudamel con Natale De Carolis ed Ainhoa Arteta.

Nuovamente a Vienna nel 2006 è Don Alfonso in Così fan tutte con Elīna Garanča ed Helen Donath e nel 2012 Il conte d'Almaviva ne Le nozze di Figaro.

Al Glyndebourne Festival Opera nel 2007 è Dandini ne La Cenerentola con l'Orchestra of the Age of Enlightenment e nel 2010 Don Alfonso in Così fan tutte diretto da Charles Mackerras.

Nuovamente a Ginevra nel 2009 è Don Giovanni e nel 2010 Figaro ne Il barbiere di Siviglia.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 2009 è Figaro ne Il barbiere di Siviglia diretto da Antonio Pappano con Florez e Joyce DiDonato, nel 2013 Rambaldo Fernandez ne La rondine con Angela Gheorghiu e Vittorio Grigolo e nel 2014 Sulpice ne La Fille du Regiment con Patrizia Ciofi, Florez ed Ewa Podleś.

Nel 2011 è Rodomonte in Orlando Paladino diretto da René Jacobs all'Usher Hall per l'Edinburgh International Festival.

Nel 2012 è Sir Riccardo Forth ne I puritani con Michele Pertusi all'Opéra de Lyon ed al Théâtre des Champs-Elysées ed è Claudio in Agrippina (Händel) con Anna Bonitatibus all'Ópera de Oviedo.

Nel 2013 è Raimbaud ne Le Comte Ory con Cecilia Bartoli al Theater an der Wien, canta ne La scala di seta al Concertgebouw, è Prosdocimo ne Il Turco in Italia con Nino Machaidze al Gran Teatre del Liceu, Il conte d'Almaviva ne Le nozze di Figaro a Lione, in Salle Pleyel ed al Palau de la Música Catalana e Dulcamara ne L'elisir d'amore al Teatro Municipal de Santiago del Cile.

Al Metropolitan Opera House di New York debutta nel 2014 come Dandini ne La Cenerentola diretto da Fabio Luisi con la DiDonato.

Sempre nel 2014 è Prosdocimo ne Il Turco in Italia al Festival d'Art Lyrique d'Aix-en-Provence.

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Handel: Tolomeo - Ann Hallenberg/Karina Gauvin/Anna Bonitatibus/Romina Basso/Pietro Spagnoli/Il Complesso Barocco/Alan Curtis, 2008 Deutsche Grammophon
  • Handel: Giulio Cesare in Egitto - Sara Mingardo/Pietro Spagnoli/Raquel Pierotti/Martine Dupuy/Susanna Anselmi/Marcello Panni/Orchestra Pro Arte Bassano/Giuseppe de Matteis/Josella Ligi/Patrizia Orciani, 2006 Nuova Era
  • Leoncavallo: La bohème - Pietro Spagnoli/Bruno Praticò/Lucia Mazzaria/Cinzia De Mola/Jan Latham-Koenig/Jonathan Summers/Mario Malagnini/Teatro La Fenice Orchestra and Chorus/Martha Senn/Silvano Pagliuca/Romano Emili/Giampaolo Grazioli, 2008 Nuova Era
  • Paisiello: Il Barbiere di Siviglia - Pietro Spagnoli/Giuliano Carella/Trieste Teatro Verdi Orchestra, 2000 Dynamic
  • Piccinni: La Cecchina - Sara Mingardo/Pietro Spagnoli/Alessandra Ruffini/Bruno Praticò/Bruno Campanella/Gabriella Morigi/Giuseppe Morino/Maria Peters/Maria Cristini Zanni/Serenissima Pro Arte Orchestra, 2008 Nuova Era
  • Puccini: La fanciulla del West - Plácido Domingo/Aldo Bottion/Aldo Bramante/Antonio Salvadori/Claudio Giombi/Coro E Orchestra Del Teatro Alla Scala/Ernesto Gavazzi/Ernesto Panariello/Francesco Memeo/Giovanni Savoiardo/Giulio Bertola/Juan Pons/Lorin Maazel/Luigi Roni/Mara Zampieri/Marco Chingari/Nella Verri/Orazio Mori/Pietro Spagnoli/Sergio Bertocchi/Umberto Scalavino, 1992 Sony

DVD parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Rossini, Barbiere di Siviglia - Gelmetti/Flórez/Bayo/Spagnoli, 2005 Decca

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enrico Stinchelli, "Le stelle della lirica" (2002).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]