Percivalle Doria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi o significati del cognome Doria, vedi Doria (disambigua).
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
La poesia Felon cor ai et enic di "Enperceval doria" è scritta in corsivo sulla metà inferiore di questa pagina del manoscritto

Percivalle Doria[1] (Genova, 1195 circa – Arrone, 1264) è stato un condottiero, poeta e trovatore italiano, di origine genovese, noto soprattutto per le sue composizioni in lingua occitana e in volgare siciliano.

Stemma della famiglia Doria

Coat of arms of the House of Doria.svg

Doria

Blasonatura
Spaccato d'oro e d'argento all'aquila spiegata di nero, membrata, imbeccata, linguata e coronata di rosso attraversante sul tutto

Vicario generale di Re Manfredi per la marca di Ancona e il ducato di Spoleto e poi per la Romagna, fu infatti poeta sia in lingua occitana (per lo più nella sua variante provenzale) sia in volgare siciliano. Componimenti attribuiti a Perceval Doria si conservano infatti in alcuni manoscritti provenzali; due canzoni contenute nei codici nella lirica italiana delle origini consentono invece di inserire Percivalle Doria tra i poeti della scuola siciliana, per la precisione tra i lirici che gravitarono attorno alla corte di Manfredi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Molto probabilmente Percivalle faceva parte della ricca famiglia genovese dei Doria, anche se c'è chi sostiene che il cognome fosse originariamente D'Oria, cioè da Otranto. Tra il 1228 e il 1243 assunse la carica di podestà in alcune città provenzali dell'Italia settentrionale. Poi venne arruolato da re Manfredi, che nel 1255 lo nominò vicario generale di Ancona e Spoleto e nel 1258 della Romagna.

Intanto, i rapporti tra il figlio di Federico II e papa Urbano IV si inasprirono. Percivalle dovette così mettere a ferro e fuoco Spoleto nel 1259 e cinque anni dopo, partito con un piccolo esercito di musulmani e tedeschi, accorse in aiuto del suo re contro le milizie del papa, che stava preparando la discesa in Italia di Carlo I d'Angiò. In quest'ultima occasione, mentre passava il fiume Nera presso Arrone, morì annegato con il suo cavallo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Già prima di venire a contatto con Manfredi, Percivalle Doria scriveva canzoni in provenzale. Per quanto riguarda i testi in siciliano, rimangono solo Amor m'ave priso e Come lo giorno quando è al mattino , tramandati dal manoscritto Vaticano Latino 3793.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il suo nome viene scritto in occitano Perseval o Persival, in inglese Percival.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]